Jazzitalia - Recensioni - Geoff Dyer: Natura morta con custodia di Sax
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ottava edizione del Torino Jazz Festival, un omaggio al jazz in tutte le sue declinazioni espressive. In cartellone, insieme ai grandi nomi internazionali, artisti di ricerca ed eccellenze del territorio. .

Grace DB lancia "Donna 3.0": Il suo primo album d'esordio parla del ruolo della donna nella società contemporanea, di scelte personali ed equilibri che si trasformano.

New Echoes. Rassegna di Nuova Musica Svizzera a Venezia (4a edizione) con realtà musicali che si muovono attorno ai linguaggi contemporanei del jazz, della ricerca multidisciplinare, dell'indie-rock e dell'elettronica..

Prospettive Sonore a Foggia: 5 eventi di Jazz Crossover, progetti inediti e di ricerca con, tra gli altri, Roberto Ottaviano, Tom Kirkpatrick e Brian Charette..

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

Musica, poesia, racconti e tanto altro per la V Edizione di Case Ospitanti a Matera, una suggestiva iniziativa che riempie la città di cultura e di conviviale stare insieme..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Bergamo Jazz: Maria Pia De Vito firma l'edizione del 2020 con un cartellone che rende la manifestazione tra le migliori per respiro e profondità a livello europeo.

Pianisti di altri mondi, 7 + 1 concerti dal jazz alle sonorità contemporanee. Tornano a Milano i concerti delle domeniche mattina in una rassegna ideata da Gianni Morelenbaum Gualberto in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano e il Teatro Franco Parenti.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)


Geoff Dyer

Natura morta con custodia di sax
Einaudi 2013

" Sappiamo tutte le storie ed i fatti, le circostanze narrate e rinarrate diecimila volte. …Le vite dei jazzisti sono come le vite dei santi: agiografia. Puoi trovare errori, buchi, imprecisioni: difficile imbattersi una vera sorpresa o nel brivido di un imprevisto sconcertante." Scriveva cosi, giustamente, Vittorio Giacopini in una delle prime pagine del suo bel romanzo del 2009 " Il ladro di suoni". In effetti tutto, e già da tempo, pare essere stato scritto sulla leggenda del jazz. Eppure la leggenda è ancora viva: palpita ancora. Ed un libro scritto nel 1991 e pubblicato in Italia vent'anni fa appare ancora oggi tanto attuale e coinvolgente da meritare una riedizione. Il lavoro di Geoff Dyer non vuole assolutamente aggiungere nuovi elementi alle turbolente biografie di Lester Young, Thelonius Monk, Bud Powell, Ben Webster, Art Pepper, Charles Mingus e Chet Baker (a cucire le storie sono alcuni sketches dedicati al Duca ed al suo baritono-autista Henry Carney- colti in un viaggio imaginario nella grande notte americana). Lo scrittore inglese, più semplicemente, si immerge in quelle vite oscure per rielaborarle, rileggerle. E ‘una reinterpretazione la sua, una rielaborazione di temi biografici e poetici che per i cultori del jazz sono diventati quasi degli standard. " Per tutto il libro – scrive l'autore -mi sono proposto di presentare i musicisti non com'erano ma come me li immagino e, ovviamente, fra le due versioni può esserci un abisso: più che descrivere i musicisti in azione, ho cercato di proiettare a ritroso di trent'anni - fino al momento in cui la loro musica fu concepita - la mia esperienza di ascoltatore contemporaneo».

La rilettura, a distanza di due decenni, è sicuramente una bella esperienza. La prosa di Dyer è magnifica, ricca come un grande assolo. Le metafore e le similitudini che affollano quasi ogni singola pagina non sono mai gratuite e fuori luogo. Il jazz, in fin dei conti è una musica che suggerisce continuamente nuovi scenari, rimanda sempre a qualcos'altro, si confronta continuamente con l'ambiente circostante. Ha bisogno, per essere raccontato letterariamente di una scrittura immaginifica e destabilizzante. Quella di Dyer lo è. In ogni caso Natura morta non è solo un opera narrativa. E' ricca anche di giudizi critici illuminanti, come quello sull'arte di Chet Baker "Il dolore, non c'entrava. Era soltanto il suo modo di suonare. Il suo talento promise sempre più di quanto non avesse potuto mantenere……anche se non avesse mai visto una siringa in vita sua."

Da leggere con entusiasmo è anche la nuova sezione del libro, non presente nell'edizione del 1993, un saggio sul legame indissolubile e imprescindibile fra innovazione e tradizione.

Marco Buttafuoco per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.756 volte
Data pubblicazione: 02/11/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti