Jazzitalia - Recensioni - Geoff Dyer: Natura morta con custodia di Sax
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tour americano di Fabrizio Bosso con il suo quartetto, da Chicago a New York, passando per Greensboro e Washington.

Anteprima Beat Onto Jazz Festival 2018: Presentazione del libro "Puglia, le età del jazz" di Ugo Sbisà e tributo a Michel Petrucciani con Nico Marziliano.

Mast Bari organizza un workshop di Legislazione musicale e dello spettacolo con Alceste Ayroldi.

Serata all'insegna del groove per la rassegna Special Guest. Di scena il Soul Train R-Evolution di Michele Papadia con Fabrizio Bosso & Serena Brancale.

Siae & Co.: workshop di Alceste Ayroldi che illustra le leggi fondamentali del settore musicale e dello spettacolo.

Cammariere, Paoli e Rea, Chano Dominguez e il progetto Hudson di Jack Dejohnette &, John Scofield per la 29ma edizione di Notti di Stelle, il festival jazz della Camerata Musicale Barese.

Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Serena Brancale, Javier Girotto e Martin Bruhn per la II edizione del Festival Special Guest nato dalla collaborazione tra il Teatro Eliseo e il Saint Louis College of Music.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            VENTUROLI Danilo R. (piano)
            VIGNALI Michele (sax)


Geoff Dyer

Natura morta con custodia di sax
Einaudi 2013

" Sappiamo tutte le storie ed i fatti, le circostanze narrate e rinarrate diecimila volte. …Le vite dei jazzisti sono come le vite dei santi: agiografia. Puoi trovare errori, buchi, imprecisioni: difficile imbattersi una vera sorpresa o nel brivido di un imprevisto sconcertante." Scriveva cosi, giustamente, Vittorio Giacopini in una delle prime pagine del suo bel romanzo del 2009 " Il ladro di suoni". In effetti tutto, e già da tempo, pare essere stato scritto sulla leggenda del jazz. Eppure la leggenda è ancora viva: palpita ancora. Ed un libro scritto nel 1991 e pubblicato in Italia vent'anni fa appare ancora oggi tanto attuale e coinvolgente da meritare una riedizione. Il lavoro di Geoff Dyer non vuole assolutamente aggiungere nuovi elementi alle turbolente biografie di Lester Young, Thelonius Monk, Bud Powell, Ben Webster, Art Pepper, Charles Mingus e Chet Baker (a cucire le storie sono alcuni sketches dedicati al Duca ed al suo baritono-autista Henry Carney- colti in un viaggio imaginario nella grande notte americana). Lo scrittore inglese, più semplicemente, si immerge in quelle vite oscure per rielaborarle, rileggerle. E ‘una reinterpretazione la sua, una rielaborazione di temi biografici e poetici che per i cultori del jazz sono diventati quasi degli standard. " Per tutto il libro – scrive l'autore -mi sono proposto di presentare i musicisti non com'erano ma come me li immagino e, ovviamente, fra le due versioni può esserci un abisso: più che descrivere i musicisti in azione, ho cercato di proiettare a ritroso di trent'anni - fino al momento in cui la loro musica fu concepita - la mia esperienza di ascoltatore contemporaneo».

La rilettura, a distanza di due decenni, è sicuramente una bella esperienza. La prosa di Dyer è magnifica, ricca come un grande assolo. Le metafore e le similitudini che affollano quasi ogni singola pagina non sono mai gratuite e fuori luogo. Il jazz, in fin dei conti è una musica che suggerisce continuamente nuovi scenari, rimanda sempre a qualcos'altro, si confronta continuamente con l'ambiente circostante. Ha bisogno, per essere raccontato letterariamente di una scrittura immaginifica e destabilizzante. Quella di Dyer lo è. In ogni caso Natura morta non è solo un opera narrativa. E' ricca anche di giudizi critici illuminanti, come quello sull'arte di Chet Baker "Il dolore, non c'entrava. Era soltanto il suo modo di suonare. Il suo talento promise sempre più di quanto non avesse potuto mantenere……anche se non avesse mai visto una siringa in vita sua."

Da leggere con entusiasmo è anche la nuova sezione del libro, non presente nell'edizione del 1993, un saggio sul legame indissolubile e imprescindibile fra innovazione e tradizione.

Marco Buttafuoco per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.602 volte
Data pubblicazione: 02/11/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti