Jazzitalia - Recensioni - Omer Avital Qantar: New York Paradox
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Riparte il San Severo Winter Jazz Festival. Annunciata la XI^ Edizione 2020/21 a cura del direttore artistico Antonio Tarantino.

Il Saint Louis College Of Music presenta Master di I Livello in Music Business & Management (60 CFA).

Arduino Jazz 2020. Al Parco Archeologico dell'Appia Antica il grande jazz tra nomi internazionali e sperimentazione con la rassegna ‘Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz'.

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            GADDI Piero (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Omer Avital Qantar
New York Paradox



Zumzama Records/Incipit (2020)

1. Shabazi 07:05
2. Zohar Smiles 07:26
3. New York Paradox 07:59
4. Just Like the River Flows 09:09
5. It's All Good (Late 90s) 05:14
6. Today's Blues 06:13
7. C'est clair 07:22
8. Bushwick After Dark 06:34

Asaf Yuria - tenor and soprano saxophone
Alexander Levin - tenor saxophone
Eden Ladin - piano
Omer Avital - double bass
Ofri Nehemya - drums


Omer Avital, contrabbassista con una solida carriera alle spalle, pubblica "New York Paradox" come summa di un percorso che l'autore ha effettuato in quasi venti anni nella città americana provenendo da Israele. Quel che colpisce, senza dubbio, è l'amalgama del quartetto in grado di raggiungere vere simbiosi ottenute non solo per affinità ma anche per modus vitae. I 4 componenti, Qantar, vivono infatti tutti a Brooklyn come una comunità e trascorrono molti momenti di vita insieme, oltre a quelli musicali. Quindi dopo tre anni di prove, concerti dal vivo in tutto il mondo, hanno registrato il songbook del contrabbassista che ha anche aperto il suo studio e club (Wilson Live!) nel quale cerca di liberare tendenze musicali di ispirazione per chi vi partecipa così come l'avvio della Zamzama Records, sua nuova etichetta per la quale questo album è stato pubblicato, in collaborazione con la jazz&people.

Le composizioni sono tutte firmate dal leader il quale ha selezionato una serie di brani rappresentanti del percorso effettuato dal 1992, anno in cui giunge a New York, fino ad oggi.
Le ispirazioni sono quindi di vita e culturali allo stesso tempo, come "Shabazi", dedicata ad un poeta Yemenita, e che presenta i tipici suoni del jazz di matrice israeliana con intrusione evidente dell'hard bop contemporaneo newyorkese. Di simile fattura è anche la title track "NY Paradox" che descrive l'impatto del giovane Avital appena approdato a New York da Israele.
 
Dedicata la figlio ed ai suoi sorrisi, "Zohan Smiles" si rivela una dolce ballad in cui l'intreccio del tenore e del soprano risulta particolarmente efficace. Il batterismo di Ofri Nehemya fornisce un imprinting sonoro oltre che ritmico che fornisce spazio e sostegno al tempo stesso a tutti i solisti. Questo lo si nota in brani come "C'est Clair" basati su un incessante andamento che si ritrova anche in "Today's Blues", un blues con un bridge ben armonizzato e scevro dall'uso di orpelli canonici. Più "tradizionale" il blues minore "Bushwick after dark" in cui il voluto pathos è riferito alla perdita della mamma di Omer Avital.

Non manca lo swing più tipicamente da club della Grande Mela, come "Just like the river flows", brano strutturato in sezioni ma ognuna basata su una portante straight-ahead arricchita da eccellenti unisono dei fiati.
Un richiamo ad "All the things you are" è nel brano "It's all good" nato alla fine degli anni '90 in un periodo in cui la musica di Avital ebbe uno stop dovuto ad un cambio di interesse e cultura, come l'avvento dell'hip-hop e l'ampio utilizzo del groove, che a New York cominciò ad imporsi.

In conclusione un album davvero piacevole all'ascolto, fluido, denso di ottimi spunti e varietà stilistiche, incline ad un sound multietnico ma con una forte connotazione tipica delle band odierne newyorkesi, il tutto sostenuto dall'eccellente livello tecnico e d'insieme dei musicisti.

Marco Losavio per Jazzitalia







Articoli correlati:
12/01/2013

Bologna Jazz Festival 2012: La 4° dimensione di John Mclaughlin, il ricordo di Massimo Mutti da parte del Chick Corea Trio...(Eugenio Sibona)

04/06/2012

"Un suono caldo ed espressivo, oltre che una tecnica improvvisativa imprevedibile e articolata, segno di un pensiero musicale agile e estremamente maturo." (Gabriele Prevato)

06/05/2012

"...la musica scorre fluida e a volte si ha l'impressione di ascoltare un'orchestra...un disegno compositivo estremamente raffinato che spazia nelle molteplici influenze..." (Viviana Falcioni)

02/04/2011

Omer Avital, Jason Lindner, Jeff Ballard trio: "Le introduzioni avanguardiste del trio, creano atmosfere sospese: corde pizzicate del piano, il frusciare dei fogli sui martelletti, note "stirate" del contrabbasso, il suono di piccoli strumentini, un tamburello e il vibrato dei suoi cimbali suona aggrappato allo Hi-Hat per poi esaurire il suo compito. Ogni strumento ha modo di sperimentare trame armoniche e sonorità originali, tante idee del piano per un supporto stilistico estremamente moderno." (Viviana Falcioni)

20/03/2011

I 3 Cohen al Teatro Lauro Rossi di Macerata: "E' davvero incredibile la musicalità che sprigionano questi giovani ma già affermati musicisti, riescono a travolgerti con il loro entusiasmo, sembrano rincorrersi tra loro con le note come nei giochi d'infanzia." (Viviana Falcioni)

08/08/2009

"Influenze etniche e non solo, standard jazz e sperimentazione. C'è questo ed altro nella musica di Omer Avital, contrabbassista, compositore e arrangiatore israeliano ospite insieme alla sua "Band of the East" per l'ultimo appuntamento di "Jazz, Dine & Wine" allo Sheraton di Catania". (Liliana Rosano)

04/02/2006

Aaron Goldberg, Ali Jackson e Omer Avital dal Roundmidnight di Fisciano (Francesco Truono)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 392 volte
Data pubblicazione: 03/05/2020

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti