Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Stefano Cocco Cantini
Niccolina al mare
(Homage to Michel Petrucciani)

1. Brazilian like (M. Petrucciani)
2. Averti tra le braccia (L. Tenco)
3. Love letter (M. Petrucciani)
4. Brazilian suite (M. Petrucciani)
5. Manhattan (M. Petrucciani)
6. Il lago dei cigni (P.I. Tschaikowsky)
7. Home (M. Petrucciani)
8. Niccolina al mare (S. C. Cantini)
9. Estate (B. Martino)

Stefano Cocco Cantini -
soprano and tenor sax
Manhu Roche -
drums
Nelson Veras -
acoustic guitar
Paolino Dalla Porta -
double bass
 

Materiali Sonori 2001
www.matson.it
matinfo@matson.it

Dedico questo mio disco a Michel.
Farlo è stato un bisogno
per tutto quello che suonare con lui mi ha dato.
(Stefano Cocco Cantini)

Non c'è dubbio, in tutto il disco si avverte la presenza di Petrucciani come una specie di art director, o di maestro che, abbandonati questi suoi compagni, rimane lì a guardarli, ad ascoltarli, bravi, magici, mentre eseguono con grande sicurezza la sua musica.

Il soprano di Stefano Cocco Cantini è il protagonista principale di questo lavoro, supportato in modo notevole da alcuni dei collaboratori di Petrucciani: Manhu Roche alla batteria, Paolino Dalla Porta al contrabbasso e il giovane brasiliano Nelson Veras alla chitarra classica. La scelta della chitarra classica come unico strumento armonico fornisce un aspetto ancora più acustico, intimistico, e si rivela appropriata, anche perchè un pianista avrebbe inevitabilmente spostato l'attenzione verso un inopportuno paragone.

L'ascolto offre subito grandi emozioni sulla bellissima bossa introduttiva, Brazilian Like. Il tema molto elegante è esposto in modo impeccabile e non sono da meno le improvvisazioni sia di Cantini al soprano che di Veras alla chitarra classica. E' uno dei brani che rimane più impressi e che raggiunge un livello di assoluta grandezza.

S u
Averti tra le braccia, di Tenco, l'inizio è affidato al duo contrabbasso - soprano per poi proseguire con il resto del gruppo su un tempo medio. Ancora una volta si apprezza il soprano di Cantini il quale spiana la strada anche a chitarra e contrabbasso (ottimo il solo di Dalla Porta) che completano il giro fino a riprendere il tema e chiudere di nuovo col soprano che si libera in un'ulteriore improvvisazione che fornisce maggiore energia al brano.

Love letter, bellissima ballad, eseguita da Cantini in duo con la chitarra di Veras. Molto apprezzabile la padronanza armonica di questo chitarrista che conduce egregiamente da solo un pezzo in cui ancora una volta il soprano di Cantini si rivela di una bellezza davvero unica. Il duo si può apprezzare anche sulla bossa di Home.

Ancora il Brasile "Petruccianiano" con
Brazilian Suite, un altro brano molto suonato dal pianista francese. Questa volta l'introduzione è affidata a Manhu Roche e Paolino Dalla Porta a cui si affiancano poi anche Cantini e Veras. Bella l'intenzione ritmica che vela una più canonica bossa.

In
Manhattan il gruppo si libera dagli schemi e su uno swing fast ci offre l'opportunità di ascoltare anche un bellissimo solo di Manhu Roche che, dopo aver scandito il tempo per un energico solo di Cantini, volteggia sui tamburi per oltre un minuto e mezzo fino a richiamare i compagni che concludono così il pezzo.

L'arrangiamento del
Lago dei Cigni di Tschailowsky raggiunge un risultato senza dubbio interessante. Cantini utilizza il tenore e si avverte la sensazione di come questa melodia fosse tuttaltro che classica ma potrebbe essere stata composta anche da Coltrane! Quanto materiale esiste se solo si ha la capacità di guardare anche oltre il jazz stesso!

L'unica composizione di Cantini presente sul CD è Niccolina al Mare. Un 3/4 che sembra la perfetta musica di accompagnamento all'immagine di copertina, un'opera del 1983 del pittore Arturo Camassi dal nome "Grande Estate" e che racchiude elementi di spazialità rappresentati da tinte come il blu del mare, il giallo e l'arancione, tutti colori dell'estate. Chi osserva quest'opera può liberare l'immaginazione collocando la propria grande estate all'interno di questi spazi e in questo caso, la musica di Niccolina al mare si rivela un'ottima colonna sonora.

Chiude questo CD un'altra ambiziosa rielaborazione molto amata da Petrucciani. Si tratta di Estate di Bruno Martino qui eseguita in duo da contrabbasso e soprano. L'esecuzione è ambiziosa sia per l'essenzialità degli strumenti scelti sia perchè non sono certo i primi ad eseguirne una versione. Il risultato è però estremamente riuscito perchè l'essenzialità del contrabbasso di Dalla Porta come strumento armonico e ritmico è molto efficace nel condurre l'ascoltatore nei meandri armonici di questo brano molto conosciuto (bellissimo solo!) e poi perchè Cantini non si limita esclusivamente ad una esposizione del tema con improvvisazione ma fa sua la struttura armonica cercando di creare altri spunti melodici che sovrapposti costituiscono una vera e propria rilettura del brano stesso.

Alla fine del CD, come ascoltatore, ci si sente appagato perchè la qualità delle esecuzioni, unita ad un ottimo livello sonoro dell'incisione, ne fanno un prodotto di pregevole fattura. Un encomio particolare al soprano di Cantini che non può non rimanere scolpito nella testa e, perchè no, nel cuore dell'ascoltatore.
Marco Losavio






Articoli correlati:
09/06/2018

Beat Onto Jazz Festival 2018: Anteprima del noto festival pugliese: presentazione del libro "Puglia, le età del jazz" di Ugo Sbisà e, a seguire, tributo a Michel Petrucciani con Nico Marziliano

15/08/2016

Tienimi dentro te (Paolo Di Sabatino)- Alceste Ayroldi

31/03/2014

Flashback (Michel And Louis Petrucciani)- Alceste Ayroldi

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

24/04/2011

Harmonitaly (Federico Bertelli - Riccardo Arrighini trio)- Gianni B. Montano

20/02/2011

Mares (Giulio Stracciati Trio Boy)- Enzo Fugaldi

11/12/2010

Mares (Giulio Stracciati Trio Boy)- Francesco Martinelli

01/11/2010

Errante (Stefano Cantini) - Alceste Ayroldi

26/09/2009

Rolli's Tones (Maurizio Rolli Big Band) - Giuseppe Mavilla

20/04/2009

Petrucciani/NHOP (Michel Petrucciani & Niels-Henning Ørsted Pedersen )

24/11/2008

A French Man in New York (Kekko Fornarelli)

15/08/2008

Il sole di un attimo (Ada Montellanico)

27/10/2007

Maremma (Raffaello Pareti)

15/09/2007

The Complete Concert In Germany (Michel Petrucciani)

01/08/2007

Intervista a Raffaello Pareti: "La realtà che viviamo è complessa e difficile da capire, per non perdere il contatto con la parte più profonda della mia identità quando la sento in pericolo, cerco di mettermi in una prospettiva che mi allontani dal fuori per poter meglio ascoltare il dentro. Questa sorta di profilassi dell'io provoca delle risonanze ancestrali, in questo senso lo sguardo alle cose lontane mi aiuta a recuperare senso quando non lo trovo nel presente." (M. Losavio - G. Mavilla)

27/05/2007

Gillespie, Blakey, Baker, Petrucciani, Rollins...le jazz pictures di Paolo Ferraresi

12/04/2007

"Corpi Liberi in Concerto, teatro e danza su ritmi jazz". In un'anteprima tenutasi per la stampa, un progetto in cui la musica di Bollani, Jarrett, Marcotulli, Mehldau e Petrucciani anima una "inusuale piece di teatro e danza". (Alceste Ayroldi)

29/11/2006

LEZIONI (Trascrizioni): "Home", lirismo, virtuosismo, tecnica e cuore in questo solo di Michel Petrucciani (Marcello Zappatore)

12/08/2006

LEZIONI (Trascrizioni): "Miles Davis' Licks", da "Playground": il groove, il mood e la fantasia di Michel Petrucciani. (Gabriele Zanchini)

27/06/2006

LEZIONI (Trascrizioni): "C-Jam Blues", da "Promenade with Duke": funambolico e poetico al tempo stesso come solo Michel Petrucciani sa essere. (Davide Falcone)

23/04/2006

Intervista a Stefano "Cocco" Cantini: "...dal un punto di vista artistico mi sento sfuggire il tempo e mi rendo conto che la mia vita non mi basterà. Più che essere artisti bisogna essere un po' folli per vivere serenamente, ma soprattutto ciechi..." (Alceste Ayroldi)

27/01/2006

L'amico del vento (Stefano Cantini)

06/01/2005

Conversation (Michel & Toni Petrucciani)

28/03/2004

So What - Best of (Michel Petrucciani)

29/09/2002

Michel Petrucciani ricordato da Stefano "Cocco" Cantini: "...Il suo era sempre un dare, dare tutto in ogni pezzo. Se il pubblico era un po' freddo o applaudiva un po' meno lui si chiedeva perchè.".

14/10/2001

Pianism (Michel Petrucciani)





Video:
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 1
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 4281
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 2
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 3423
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 3
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 3318
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 4
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 3276
Caravan - MICHEL PETRUCCIANI solo live
Michel Petrucciani live in Stuttgart, 1993 - fantastic Jazz Piano...
inserito il 15/01/2009  da boogieonlineat - visualizzazioni: 3569
Charles Lloyd - Tone Poem
Charles Lloyd - Tone Poem - with Charles Lloyd (tenor sax), Michel Petrucciani (piano), Cecil McBee (bass), Jack DeJohnette (drums)....
inserito il 11/05/2008  da footcheck - visualizzazioni: 3342
KIRK LIGHTSEY trio - Mal Waldron / Archie Shepp jazz club
Associative jazz club created and run by Richard Bréchet. The greatest jazzmen meet there since 25 years: Mal Waldron Oliver Johnson Glenn Ferris...
inserito il 13/03/2008  da chindetbrechet - visualizzazioni: 3372


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 14.081 volte
Data pubblicazione: 31/12/2002

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti