Jazzitalia - Recensioni - Simone Faliva: Non disperdere nell'ambiente
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Robert Vignola da Trivigno a Hollywood e ritorno con la musica di Zerorchestra: l'anteprima mondiale di "Beauty's Worth" è stato un autentico trionfo..

Brda Contemporary Music Festival: festival dedicato alla musica creativa e d'improvvisazione vede la sua ottava edizione tornare a Smartno, con la dir. artistica di Zlatko Kaučič.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            COLI Alessio (sax)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            RONCA Marco (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)
Simone Faliva
Non disperdere nell'ambiente



Emi (2017)

1. La Rebecca sul palo
2. La vita è facile
3. Ogni dramma è un falso
4. I tortelli al salmone
5. E' sempre colpa del peperone
6. Voci passate
7. Non piangere per me
8. Enzo

Simone Faliva - composizione, rielaborazione, master e mixer
Michiko Hayashi - voce


"Non disperdere nell'ambiente". Al solito Simone Faliva adopera titoli inusuali per i suoi dischi, per non parlare dei singoli brani, dove troviamo " I Tortelli al salmone", "La Rebecca sul Palo", "E' sempre colpa del peperone", fra gli altri. Insomma il compositore padovano si conferma parecchio fantasioso, trovando accostamenti bizzarri e ironici. Riesce sempre, in questo modo, a spiazzare gli eventuali ascoltatori.

La copertina dell'album è piuttosto regolare. Ci aveva abituato, il musicista veneto nei suoi primi cd, a cover sovrabbondanti di illustrazioni, proprio per una preferenza dichiarata per il messaggio multimediale in opere da apprezzare in tutti i loro aspetti artistici. In questo caso abbiamo, invece, un disegno, sul davanti e un altro sul retro, abbastanza particolari, ma non così estrosi e appariscenti. La musica, invece, è ancora una volta sorprendente e ondeggia fra il rumorismo di natura elettronica e la tradizione classica, rappresentata dalla voce bene impostata della soprano, unica ospite della registrazione. Per il resto è Faliva, da apprendista stregone, che elabora o rielabora sequenze sonore con un mixaggio attento a miscelare ingredienti apparentemente incompatibili in un calderone ribollente e onnicomprensivo. E' una specie di vento tecnologicamente modificato che imperversa nelle otto tracce, trascinando con sé e assorbendo le evoluzioni dinamiche della cantante, la cui voce grida letteralmente nel deserto. Fanno capolino qua e là brandelli riconoscibili di classici inossidabili, da "Cats" a "Summertime", alla stessa "Caruso" di Lucio Dalla. Sono parentesi liriche in un tessuto cucito insieme dall'abilità del maestro veneto nel mescolare differenti timbri per costruire il suo suono caratteristico, con un uso effettistico e personale del mixer. L'episodio meno convincente è "Enzo", dove interviene un'attrice a raccontare la storia del libro dei sogni, francamente piuttosto debole.

Malgrado questa caduta nell'ultimo pezzo, nel complesso il cd riafferma l'originalità di un autore impegnato a farsi strada e ad entrare dentro la musica, per svolgerla e stravolgerla dall'interno, componendola e scomponendola, filtrandola, per arrivare ad un risultato finale decisamente atipico, dove la parte elettronica cinge e avvolge quella acustica senza peraltro soffocarla del tutto.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
07/01/2014

Bertibello (Simone Faliva)- Francesco Favano

02/02/2013

Sordità Selettive (Simone Faliva)- Gianni Montano

17/06/2011

Il quinto chicco del melograno (Simone Faliva)- Gianni Montano

17/11/2004

LEZIONI (Organo Hammond): Settaggi e controlli: Drawbar part. II (Simone Faliva)

30/01/2004

LEZIONI (Organo Hammond): Settaggi e controlli: Drawbar part. I (Simone Faliva)

01/11/2003

LEZIONI (Organo Hammond): Nuovo spazio didattico dedicato all'organo hammond. Il primo articolo racconta la storia del mito di questo strumento. (Simone Faliva)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 496 volte
Data pubblicazione: 26/08/2018

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti