Jazzitalia - Stefano Pastor - Ari Poutiainen: North South Dial
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ottava edizione del Torino Jazz Festival, un omaggio al jazz in tutte le sue declinazioni espressive. In cartellone, insieme ai grandi nomi internazionali, artisti di ricerca ed eccellenze del territorio. .

Grace DB lancia "Donna 3.0": Il suo primo album d'esordio parla del ruolo della donna nella società contemporanea, di scelte personali ed equilibri che si trasformano.

New Echoes. Rassegna di Nuova Musica Svizzera a Venezia (4a edizione) con realtà musicali che si muovono attorno ai linguaggi contemporanei del jazz, della ricerca multidisciplinare, dell'indie-rock e dell'elettronica..

Prospettive Sonore a Foggia: 5 eventi di Jazz Crossover, progetti inediti e di ricerca con, tra gli altri, Roberto Ottaviano, Tom Kirkpatrick e Brian Charette..

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

Musica, poesia, racconti e tanto altro per la V Edizione di Case Ospitanti a Matera, una suggestiva iniziativa che riempie la città di cultura e di conviviale stare insieme..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Bergamo Jazz: Maria Pia De Vito firma l'edizione del 2020 con un cartellone che rende la manifestazione tra le migliori per respiro e profondità a livello europeo.

Pianisti di altri mondi, 7 + 1 concerti dal jazz alle sonorità contemporanee. Tornano a Milano i concerti delle domeniche mattina in una rassegna ideata da Gianni Morelenbaum Gualberto in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano e il Teatro Franco Parenti.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
Stefano Pastor - Ari Poutiainen
North South Dial



Slam (2011)

1. Summering telluric current
2. Cosmic steam
3. But frost remained
4. Floating under the icecap
5. Ozone drizzle
6. Breathing vault
7. Caught between two winters
8. Far blue globe
9. Mineraloids from nowhere
10. Chasing the atmophile elements

Stefano Pastor - violino e sintetizzatore
Ari Poutiainen - violino


Stefano Pastor sa scegliere ogni volta compagni di viaggio e situazioni diverse per realizzare i suoi progetti. E' il suo metodo di lavoro che esclude la ripetizione, la routine, per accettare nuove sfide in territori mai sicuri e tranquillizzanti. Dopo aver recentemente rivisitato la "new thing" con occhio europeo in "Freedom" e aver avvicinato la world music di qualità in "Bows", stavolta è il turno di un Cd che testimonia l'incontro con Ari Poutiainen, musicista e musicologo finalndese, poco noto in Italia, ma titolare di esperienze in ambito progressive jazz con gruppi come Ardency e Farther out, unita ad attività di divulgatore e didatta. Da questo rendez vous sono nate queste dieci tracce registrate in presa diretta dai due violinisti, con l'"intrusione" di un sintetizzatore manovrato da Pastor utilizzando il pedale sustain per operare in simultanea.

Ne è venuto fuori un lavoro di non agevole impatto, rigoroso, contenente musica molto avanzata, dove il jazz costituisce uno dei linguaggi possibili, accanto ad altri di derivazione eurocolta-contemporanea. Si assiste, infatti, ad uno scambio continuo di stimoli, di input che vengono accolti e rimpallati dai due protagonisti in un gioco di botta e risposta coerente, coeso e assolutamente intrigante. Pastor si distingue dal partner per un suono più vicino al violino jazz o al sassofono. E' il più "in the tradition" fra i due. Poutiainen si diletta, invece, a cercare suoni raddoppiati, accordi spurii o effetti rumoristici. Il suo solismo è decisamente lontano dalla tradizione jazzistica, anche comprendendo in questo ambito i più importanti esponenti del free come Leroy Jenkins o Billy Bang.

Il disco si snoda con strutture piuttosto simili fra i vari brani. Si può isolare, all'interno di ogni traccia, l'accenno di un tema scarno, di un brandello di melodia sui generis solitamente suggerito da Pastor. Su questa proposta Poutiainen suona in controtendenza assegnando colpi ben assestati con l'archetto, sviluppando la cellula tematica in senso lato e portando a vette parossistiche il discorso, imperversando con veloci saliscendi con scale improprie, deviate e devianti lo stile canonico. Il punto di forza del disco sta proprio nel contrasto fra la semplicità del "motivo" di base e la complessità timbrica, ritmica e dinamica che si scatena subito dopo l'esposizione iniziale. Il sintetizzatore offre, poi, un background elettronico, un ulteriore risvolto, riempimento "noise" ad un dialogo già molto ricco e articolato.

Fra i brani migliori si può citare "Ozone Drizzle" che comincia con un ritmo ottenuto battendo le dita sulla cassa armonica del violino. Si appalesa, subito dopo, un riff composto da note assolutamente non codificabili, che suggeriscono l'idea di un seghetto impegnato a tagliare il legno. Esce con un assolo con elementi vagamente africaneggianti Stefano Pastor. Ritorna in primo piano Ari Poutiainen che lo incalza, lo inchioda con una selva di note protese verso l'alto, costringendo il partner a rispondere sullo stesso piano. Si raggiungono, in questo modo, livelli di tensione palpabili.

Da segnalare pure "Chasing The Atmophile Elements" dove, accanto ad un'impaginazione simile alle altre tracce, si può individuare una parentesi quasi dixieland, un dixieland degli anni tremila....
Il Cd testimonia, a conti fatti, un percorso introspettivo di due musicisti non solo ferrati tecnicamente sul loro strumento, ma forti anche nelle loro concezioni artistiche e intellettuali. L'improvvisazione nasce, cioè, dal connubio di due personaggi di grande preparazione, che sanno come andare oltre le loro conoscenze per produrre un qualcosa di personale, ma che risente inevitabilmente del rispettivo e ingombrante (in senso positvo) bagaglio culturale.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
17/02/2013

Narcète (Dagnino - Haslam - Pastor - Waterman)- Gianni Montano

01/05/2012

Per Kelli Fini Que Ki Contene (Andrea Rossi Andrea Ground Plane Antenna)- Andrea Gaggero

26/02/2011

A Cuàntas Paradas De Aqui’? (Andrea Rossi Andrea Ground Plane Antenna)- Gianni Montano

24/12/2010

Freedom - Bows (Stefano Pastor)- Gianni B. Montano

01/02/2010

Live at Tortona (Borah Bergman-Stefano Pastor)- Gianni B. Montano

05/09/2009

Chants (Stefano Pastor) - Marco Buttafuoco

28/06/2009

Magique (Hot Tune) - Roberto Biasco

07/04/2009

Baudrillard Est Mort (Andrea Rossi Andrea Ground Plane Antenna )

16/03/2008

Uncrying Sky (Stefano Pastor)

02/06/2006

Transmutations (Stefano Pastor Quartet)

19/07/2005

Una Notte in Italia (Stefano Pastor)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.603 volte
Data pubblicazione: 03/07/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti