Jazzitalia - Alyn Shipton: Nuova storia del jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ottava edizione del Torino Jazz Festival, un omaggio al jazz in tutte le sue declinazioni espressive. In cartellone, insieme ai grandi nomi internazionali, artisti di ricerca ed eccellenze del territorio. .

Grace DB lancia "Donna 3.0": Il suo primo album d'esordio parla del ruolo della donna nella società contemporanea, di scelte personali ed equilibri che si trasformano.

New Echoes. Rassegna di Nuova Musica Svizzera a Venezia (4a edizione) con realtà musicali che si muovono attorno ai linguaggi contemporanei del jazz, della ricerca multidisciplinare, dell'indie-rock e dell'elettronica..

Prospettive Sonore a Foggia: 5 eventi di Jazz Crossover, progetti inediti e di ricerca con, tra gli altri, Roberto Ottaviano, Tom Kirkpatrick e Brian Charette..

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

Musica, poesia, racconti e tanto altro per la V Edizione di Case Ospitanti a Matera, una suggestiva iniziativa che riempie la città di cultura e di conviviale stare insieme..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Bergamo Jazz: Maria Pia De Vito firma l'edizione del 2020 con un cartellone che rende la manifestazione tra le migliori per respiro e profondità a livello europeo.

Pianisti di altri mondi, 7 + 1 concerti dal jazz alle sonorità contemporanee. Tornano a Milano i concerti delle domeniche mattina in una rassegna ideata da Gianni Morelenbaum Gualberto in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano e il Teatro Franco Parenti.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)


Alyn Shipton
Nuova storia del jazz
Einaudi 2011
Pagine 1149 – euro 50, 00



La copertina lo presenta bellamente: è Eric Dolphy che troneggia, sax alla mano e ispirato, doloroso. E' una foto del 1964 scattata a Bologna, si legge nella didascalia che la correda all'interno del libro, con anche altre belle foto. Foto che sono una manciata (nella giusta misura, però) rispetto al consistente corpus del libro scritto da Alyn Shipton, critico musicale del Times e conduttore di programmi radiofonici per la BBC. Uno che la materia la conosce a dovere e che si cimenta in un'opera pur sempre titanica: scrivere una storia del jazz. Che, al di là di ciò che alcuni puristi ritengono, è sempre un lavoro meritorio, perché divulga una musica che, dati alla mano – almeno in Italia – annaspa un pochino in termini di pubblico. Da tenere in conto che è la seconda edizione, ma la prima che approda in Italia ed è tradotta da Daniele Cianfriglia, Chiara Veltri e Vincenzo Martorella, che ha meritoriamente arricchito il già corpulento scritto con un saggio sul jazz in Italia (intrigante il titolo: "Il saltarello del cannibale. Temi, paradossi, lampi di genio e storia all'incontrario di un secolo di jazz italiano") e con un sempre utile glossario. La scionta di Martorella è tanto puntuale quanto necessaria, in virtù del fatto che Shipton non dà alcun cenno al jazz nostrano, per mancanza di spazio e di effettiva conoscenza, almeno vogliamo credere. La struttura del libro è manualistica, ma non lo è il linguaggio, la narrativa sempre opportunamente discorsiva e mai grigia, o criptica per i meno avvezzi alla prosodia e alla terminologia della musica afroamericana (che in alcuni casi, la conoscenza è data per scontata). Dalle Alpi alle Piramidi c'è tutta la storia del jazz e dei suoi protagonisti: dalle piantagioni al jazz postmoderno, con spazi anche per i segmenti europei, asiatici e latini.

Shipton contestualizza a dovere il piano storico con quello musicale, senza calcare la mano e badando bene a dare un senso dinamico alle vicende che si affastellano. Così come tratta, sempre senza discettare in pompa magna, sul recording ban dell'AFM (la federazione americana dei musicisti) del 1 agosto 1942 e ritagliando un prezioso cammeo sul piano meccanico, così come sulla registrazione sonora. Sembra non tralasciare nulla, anche se le omissioni in un'opera di tal fatta sono inevitabili. Ad esempio coacerva il canto jazz in un solo capitolo che laconicamente denomina "il canto jazz dopo il 1950", incassettando in una trentina di pagine una forbice temporale piuttosto ampia, Ella Fitzgerald, Sarah Vaughan, Mel Tormé, Helen Merrill, Carmen Mcrae, Betty Carter, Nina Simone (solo per citare qualche nome), il vocalese, la libera improvvisazione e per giungere ai giorni nostri. Lo stesso trattamento dedica al pianoforte, la cui evoluzione parte dalla seconda guerra mondiale per approdare a Martial Solal e Joanne Brackeen. Ma, probabilmente, questa sintesi è uno scotto che si deve pagare per raggiungere quella necessaria compatezza d'idee che il libro rivela.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia














Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 3.401 volte
Data pubblicazione: 09/07/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti