Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Dischi della Quercia - 128042-2

photo by Leandro Lo Bianco

Marvi La Spina
Macchina di Suoni Jazz Orchestra
Oboe Sommerso

1. Armamentu 'i mari (M. Costa, M. La spina) - 3.45
Nero (M. Attanasio, M. La Spina)

2. Il carbonio - 0.17
3. Le poesie... - 0.38
4. Nero barocco nero - 11.08
5. Oboe sommerso (S. Quasimodo, M. La Spina)  - 5.07
6. Kemonia (Si' funtana) (L. Capuana, M. La Spina) - 11.42
7. 'A brogna (M. Costa, M. La Spina) - 3.57
8. L'ammonimento (L. Piccolo, M. La Spina) - 6.08
9. U misteru (S. D'Anna) - 8.35
10. Quasimodo (C. Parker) - 4.28

Massimo Laguardia - voce e percussioni
Anita Vitale -
voce, piano su #5
Stefano D'Anna -
sax tenore e soprano
Mario Raja -
sax tenore e soprano
Antonio La Placa -
sax alto
Gaspare Palazzolo -
sax tenore
Silvio Barbara -
tromba
Giovanni Calderone -
tromba
Rosario Causa -
tromba
Biagio Benenato -
corno francese
Giuseppe Mendola -
trombone
Mauro Cottone -
violoncello
Pippo Lo Cascio -
chitarra
Luca Lo Bianco -
c/basso
Gianpaolo Terranova -
batteria
Elena D'Anna -
voce su #8
Marvi La Spina -
arrangiamenti, piano, direzione

Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoSe sempre più rare nell'attuale panorama jazzistico sono le band stabili che superino i cinque-sei membri, anche per intuibili oggettive difficoltà di gestione ed organizzazione, ecco che dalla congerie di trii, quartetti, quintetti e combos vari emerge un organico di quindici elementi, giovani e dotati professionisti, alcuni pure d'estrazione classica, i quali, grazie all'iniziativa della conduttrice e compositrice palermitana Marvi La Spina, si ritrovano a trasfondere la propria vivacità e voglia di fare jazz in un ardito ed affascinante progetto, la Macchina di Suoni Jazz Orchestra. Nata nel '97, sebbene allora in formazione più ridotta, con l'intento di proporre arrangiamenti con un approccio d'equilibrio fra il rigore dell'esecuzione classica e la fresca grinta delle forme del jazz, l'Orchestra della pianista palermitana con questo cd compie un importante passo nella propria carriera. Registrato circa un anno fa al teatro Politeama Garibaldi di Palermo, presentato in seno alla rassegna Jazz Vanguard della stessa città, questo lavoro è basato sul fine dosaggio tra composizioni originali in prevalenza scritte ed orchestrate dalla La Spina e testi poetici di autori siciliani, classici e contemporanei, stilisticamente anche diversi tra loTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo Biancoro, da Salvatore Quasimodo ed Ignazio Buttitta a Lucio Piccolo e Luigi Capuana, fino alle contemporanee Maria Costa e Maria Attanasio. Ed il risultato è assolutamente di buon livello.

Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoLa musica affiora poco a poco dalla onirica ambientazione creata dal basso sostenuto e dalle percussioni di Massimo Laguardia, lo stesso che con la sua calda voce recita Armamentu 'i mari per i versi della Costa colorati dal sax tenore di Raja. Dopo Carbonio, cambio di ritmo, e di metro in metro si giunge a Nero Barocco Nero sullo sfondo di un blues "metropolitano" essenziale, staccato dal contrabbasso di Luca Lo Bianco ed accentato dal grido esasperato e tormentato – come la torturata protagonista – della stridente armonia dei fiati, che svolgono nel chorus una cantabile linea melodica. Il solo è affidato alla penetrante mute-trumpet di Giovanni Calderone che duetta quasi a distanza con il robusto sax di D'Anna, sui gravi risaltati e prolungati dal violoncello. In coda il tempo accelera ed il tema orchestrale si fa incalzante nelle progressioni e nella voce recitante di Anita Vitale, sfocia nella calma e più rilassante cadenza del blues, per finire sospeso nel refrain. Senza soluzione di continuità si giunge ad un dialogo fra ance nel registro alto del sax soprano – ad opera di Stefano D'Anna e Mario RajaTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo Biancoapertura di Òboe Sommerso, traccia che musica le celebri rime del Quasimodo dando titolo all'intero album. Nonostante la composita singolarità delle molteplici voci – il rintocco del contrabbasso, i fiati disarmonici, il tappeto ritmico della batteria – colpisce l'organicità che la compositrice con i propri arrangiamenti riesce a trasmettere con lucidità agli ingranaggi della sua Macchina, in una coralità orchestrale, sapiente amalgama di timbri, in cui tutti gli strumenti, voci comprese, incarnando il linguaggio interpretativo, danno vita ad un'unica atmosfera sonora.

Segue Kemonia, cadenzata composizione modale della La Spina che commenta i versi di Si' funtana del Capuana attraverso un'esecuzione che, per ritmo e dinamica, a tratti evoca certa freschezza orchestrale di hancockiana memoria. Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoGli interventi solistici sono qui rimessi allo spigliato tenore di Gaspare Palazzolo ed all'acutissima e sibilante tromba di Silvio Barbara, mentre Laguardia, mattatore in questo brano, dopo le rime cantate in tono perfetto con il riff melodico, si da' ad un break percussivo di grande effetto.

Gocciolanti note di piano piovono sulle parole di 'A Brogna (Maria Costa) scandite dalla voce recitante, poco a poco sospinta ad un ritmo più celere dalle stesse percussioni per divenire martellante in assolo, sopra dei tenui fiati, in un triangolo voce-piano-percussioni di suggestivo risultato. Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoL'Ammonimento, di Lucio Piccolo, è cantata dalla swingante voce di Anita Vitale, protagonista di quest'altro tema orchestrale che con seste e none rinfresca lo smalto del ricordo di certe orchestre leggere anni '70, qui però ad esprimere un'impostazione melodico-armonica di assoluta modernità. Unico originale non firmato dalla "conduttrice" della Macchina 'U Misteru (su lirica di Ignazio Buttitta), composto infatti dal sassofonista Stefano D'Anna, semplice e malinconico brano, convincente pretesto musicale sul quale l'autore espone la propria espressività tecnica e soprattutto emozionale, ripreso nell'inciso dai vocalizzi della Vitale. Brillante il solo al soprano, anima più romantica e perciò meno rocciosa di D'Anna. Partecipa anche il tenore dell'ottimo Mario Raja, per assiduità e frequentazione musicale ormai ascritto all'organico della band. E le improvvisazioni si fanno modali sulle modulazioni alternativamente ascendenti e discendenti nell'intervallo di un tono.

Il cd non poteva che concludersi con Quasimodo, tanto nei versi di Ed è subito sera che nello standard di Charlie Parker, con svolazzanti e "birdiane" note dei sax in forza alla Macchina di Suoni. La quale si conferma una felice promessa tra le formazioni orchestrali dell'attuale panorama jazz nazionale, per brio, idee e novità.
Antonio Terzo per Jazzitalia


photo by Leandro Lo Bianco

Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo Bianco
Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo Bianco
Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo Bianco
Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo Bianco
Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo Bianco
Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo Bianco
Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo Bianco
Teatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo BiancoTeatro Politeama il 03-02-2003 - photo by Leandro Lo Bianco   





Articoli correlati:
21/09/2005

I seminari di Viaggiano 2005: "...Un seminario con un bel clima di amicizia tra allievi e docenti, favorito dalla impronta prevalentemente pratica di lezioni basate soprattutto sugli aspetti tecnici e pragmatici dell'improvvisazione..." (Ernesto Losavio)

23/01/2005

Charles Mingus 2002 80th Anniversary: Il ricordo del contrabbassista al Brass Group di Palermo (Antonio Terzo)

10/02/2004

Lighea (Mario Raja, Marvi La Spina, Bruno Tommaso)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 10.244 volte
Data pubblicazione: 21/03/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti