Jazzitalia - Roberto Favilla jr: Oi Dialogoi
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Click here to read the english version


Cover: Sabrina Sparti
Produced by Roberto Favilla jr
for Splasc(H) Records
Roberto Favilla jr
Oi Dialogoi


1. Wait A Minute (Tracanna-Favilla) 6:41
2. Logos (Tononi-Favilla) 4:55
3. Alter Ego (Falzone-Favilla) 4.48
4. Psicocanto (Sparti-Favilla) 3.37
5. Unusual Mind (Romano-Favilla) 4.27
6. Lasciami Andare (Dalla Porta-Favilla) 5.19
7. Un Altro Orizzonte (Martini-Favilla) 4.18
8. Et Esse Rà (Turati-Favilla) 3.21
9. Up ’n’ Right (Clemente-Favilla) 6.16
10. Traccia (Fragiacomo-Favilla) 2.40
11. Simple Games (Faiella-Favilla) 5.07
12. Shangri-La (Nicita-Favilla) 5.45

All compositions are published by Senz’h Edizioni Musicali - SIAE.
Recorded on 30 June, 30 July, 5 September, 19 October, 11 and 23 November,
3, 17 and 21 December 2003 in MU REC Studio, Milan.


Roberto Favilla Jr - piano
Sabrina Sparti - vocals
Carlo Nicita - flute
Fabio Martini - clarinet
Tino Tracanna - soprano sax
Furio Romano - alto sax
Felice Clemente - tenor sax
Giovanni Falzone - trumpet
Mario Fragiacomo - fluegelhorn
Dario Faiella - electric guitar
Omar Turati - classical guitar
Paolino Dalla Porta - double
Tiziano Tononi - drums




In solitudine con un violoncello ad inseguire i ritmi e le melodie di sarabande e gavotte, così come Johann Sebastian Bach aveva prescritto nelle sei suite per violoncello; oppure nella magniloquente fastosità dell'orchestra mahleriana ad adombrare titani. La musica eurocolta insomma ha espresso i propri capolavori sia nella raccolta dimensione del solo sia nell'immensità di smisurati organici. D'altronde anche il jazz ha saputo raccontare la propria storia non solo affidandone la voce alla ciclopica orchestra di Stan Kenton ma anche facendo appello alle sole chiavi del sassofono di Coleman Hawkins che senza alcun sodale ebbe a perorare le armonie della canzone Prisoners of Love.

Nella "musica sincopata" vi è però un organico che ha creato agli uomini del jazz ben più di un grattacapo: il duo. La cornetta di Joseph "King" Oliver riscalda il cuore per la fierezza di quanto racconta avviluppata nella polifonia di un collettivo di New Orleans e allo stesso modo la sola tastiera d'avorio di Jelly Roll Morton muove a commozione quando il creolo ebbe a interrogarla sull'Ottocento di New Orleans o sul passato della musica cubana, ma quando i due si ritrovarono in studio insieme qualcosa non funzionò.

Bisognerà aspettare il 1928 e l'incontro di due giganti quale Louis Armstrong ed Earl Hines perché Weather Bird il primo riuscito duetto della storia del jazz veda la luce. Chissà forse in un trio, in un combo o in una orchestra la figura del leader garantisce più facilmente un risultato artistico soddisfacente perché egli traccia, più o meno marcatamente, una via che i sodali seguiranno; allo stesso modo una performance in a solo non può che condurre ad una meta precisa. Ma quando due jazzisti si trovano a suonare fronte a fronte la figura del dux svanisce nel nulla, rimangono solo due condottieri, in quel preciso momento di pari grado, ognuno dei due conosce sentieri diversi per farsi strada nel bosco. Certo che quando questa delicata alchimia ha funzionato ciò che è stato consegnato al disco ancora oggi lascia senza parole; come non trasecolare all'ascolto delle incisioni di Armstrong e Hines, di Lang e Venuti, di Ellington e Blanton, di Konitz e Bauer, di Coltrane e Ali, di Braxton e Roach.

Roberto Favilla si inserisce in questa tradizione con la consapevolezza che la riuscita del progetto è in gran parte determinata da una scelta: quale complice avere al proprio fianco, con chi mettersi in gioco? La risposta è estrema: il disco si snoderà in dodici dialoghi, ognuno vedrà protagonista un duetto differente; dodici strumentisti quindi, con Favilla al pianoforte come perno, si passeranno il testimone. Una cangiante tavolozza sonora in cui il suono del pianoforte si intreccia ora al timbro di di una tromba, ora di un flauto, ora è in contrappunto ad un set di percussioni ora ad un clarinetto, e poi si avviluppa al suono di una chitarra (sia elettrica che classica), si incontra col contrabbasso, ordisce col canto di un soprano. I compagni di viaggio sono musicisti con cui Favilla ha già collaborato in una copiosa messe di progetti che hanno interessato sia il jazz che la musica contemporanea, sia l'elettronica che la tradizione mitteleuropea. Alcuni sono artisti di vaglia, altri sono giovani talenti; ma ciò che ha davvero contato per Favilla è che sono tutti fidati sodali con i quali è stato possibile optare per la seconda scelta radicale del progetto: la musica sarà completamente improvvisata, non uno straccio di partitura varcherà la soglia dello studio di registrazione. "Oi Dialogoi" risuona allora come un ammaliante "flusso di coscienza", ogni musicista attinge al proprio passato musicale (abbia questo radici nel jazz, nella musica d'avanguardia, o nelle tradizioni popolari) e lo trasforma, qui ed ora, ponendolo a confronto con le suggestioni estemporanee del pianoforte. Talvolta sono i profumi del jazz a fare capolino: come in Unusual Mind (con Furio Romano) con il fraseggio del sax bilicato tra Parker e Coleman e il piano che scandisce accordi di 6/9 a mo' di fondale da big band, oppure in Up 'n' Right che Felice Clemente traghetta in quella porzione del jazz che più ama (gli anni Cinquanta). Altrove è il Novecento storico a mostrare la sua ascendenza come nel dialogo con la chitarra classica che materializza le atmosfere flou dell'impressionismo francese e come nel duetto con il clarinetto, colloquio a due tra i più aforistici del disco. Oppure le tradizioni si mischiano confondendo meridiani e paralleli e allora in Shangri-La convivono le armonie di Ellington, le melodie di Varese e i gesti melo-ritmici della tradizione tanghera. O ancora l'opera può principiare ed epilogare con spiazzanti groove asimmetrici che ammiccano al jazz moderno ma, come per incanto, precipitare nell'Ottocento romantico nella parte centrale echeggiando le ballate di Chopin (Certi paragoni). Quindi non deve stupirci se il blues si incastona tra gli anfratti di un mesto tema d'ascendenza mitteleuropea (Traccia) o le armonie di una ballad jazz poi ripieghino in una parossistica "danza degli adolescenti" (Lasciami andare).

E questo, straripante eppure concertato zibaldone di suoni, rende "Oi Dialogoi" un disco stimolante ed imprevedibile ma soprattutto sincero. E come può essere altrimenti! Esso è la registrazione schietta, fedele, non adulterata di dodici dialoghi (come il titolo greco recita). Nondimeno questa prospettiva pone noi ascoltatori quali impertinenti "voyeur dell'orecchio" volti a origliare le reciproche confessioni di un gruppo di artisti, che tra loro bisbigliano dei loro amori musicali, delle loro passato, del loro futuro. E magari è davvero così.
O forse più che dodici dialoghi si tratta di dodici racconti, dodici storie che i musicisti fabulano proprio per noi che avidamente vogliamo ascoltarle. Nondimeno se con tale consapevolezza (e armati di passione e curiosità) ci facessimo strada nella boscaglia dei suoni di "Oi Dialogoi" scopriremmo, ironia della sorte, che queste dodici favole non hanno né narratori, né auditori. Perché tutti quanti ne siamo i personaggi.
Luca Bragalini (note di copertina)







Articoli correlati:
01/02/2010

The Spiritual Man (Open Orchestra Featuring John Tchicai) - Giuseppe Mavilla

19/02/2006

Mario Fragiacomo e Sabrina Sparti a Trieste, in un toccante omaggio a Sergio Endrigo: "...Le modulazioni di voce della Sparti sottolineate dalle variazioni strumentali di Fragiacomo hanno affascinato il pubblico fino a commuoverlo..." (Rosanna Turcinovich Giuricin)

21/08/2004

Places of Dance (Alberto Greguoldo)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.569 volte
Data pubblicazione: 01/11/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti