Jazzitalia - Recensioni - Lanfranco Malaguti: Oltre il confine
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Benny Benack III dagli Stati Uniti e il suo Italian Quartet incontrano il salento con i Bija per la seconda edizione di OdA Music Fest..

Pat Metheny cita Pasquale Grasso come "il più significativo nuovo chitarrista che abbia ascoltato in molti, molti anni... ".

2016 senza tregua, Alphonse Mouzon non c'è più! Muore a 68 anni il grande batterista americano..

Il crooner e trombettista statunitense Benny Benack III con il suo Italian Quartet al The Empty Space di Molfetta .

VI edizione per il Multiculturita Black Music Contest per solisti e gruppi di giovani musicisti e per promuovere la cultura e la pratica della musica afroamericana sul territorio .

Masterclass del chitarrista Mike Moreno presso il CEMM di Bussero

14 grandi concerti con star internazionali, live performance, incontri divulgativi per il festival di produzioni originali Special Guest presso il Teatro Eliseo di Roma.

Proposta di legge per erogare 1 Milione di euro l'anno al Festival Umbria Jazz..

Spettacolarità, coinvolgimento, creatività, originalità: sono i tratti che contraddistinguono ancora una volta la rassegna musicale "Aperitivo in Concerto" 2016-2017.

Cartellone internazionale per la settima edizione del San Severo Winter Jazz Festival che apre ad ottobre con Luis Perdomo.

Fabrizio Bosso, Incognito, Falzone, Rosario Giuliani, Fresu, Petrella, Billy Cobham fra i concerti di gennaio e febbraio 2017 al Blue Note Milano.

Il Saint Louis, Istituzione di Alta Formazione Artistica Musicale autorizzata dal Miur a rilasciare titoli accademici di I e II livello, apre le iscrizioni al prossimo anno accademico 2016/2017.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            ASCANI Riccardo (chitarra)
            BALLANTI Marco (chitarra)
            BOCCIA Marco (contrabbasso)
            CHECCHINI Igor (batteria)
            CIUFFREDA Daniele (chitarra)
            DEL PEZZO Massimo (batteria)
            ESPOSITO Gianluca (sax)
            FRASCAROLI Andrea (piano)
            JESSIE & THE HOT NUTS (gruppo)
            MATTIONI Luca (percussioni)
            MORONE Franco (chitarra)
            PAISSA Roberto (chitarra)
            PIOVESAN Sebastian (basso e contrabbasso)
            SANTANGELO Giuseppe (sax)
            VERGALITO Gianluca (chitarra)
            VOLPICELLI Lucia (voce)
Lanfranco Malaguti
Oltre il confine



Splasc(h) (2015)

1. Passo 1
2. Passo 2
3. Passo 3
4. Passo 4
5. Passo 5
6. Passo 6
7. Passo 7
8. Passo 8
9. Passo 9
10. Passo 10
11. Passo 11
12. Passo 12

Lanfranco Malaguti - guitar, guitar viola, classic guitar (violin), guitar double bass, guitar polyphonic octave generator, guitar voice overdrive.
Romano Tedesco - accordion e fender Rhodes.
Luca Colussi - drums and percussion
Nicola Fazzini - sax alto and soprano


Lanfranco Malaguti procede nel suo percorso artistico in continuità con la svolta del 2010, rappresentata dal cd "Visionary", un considerevole salto in avanti dopo una cospicua produzione più "in the tradition", a cui sono seguiti altri tre dischi incisi con lo stesso quartetto. In questo album tre partners sono al loro posto. Al flauto di Massimo De Mattia, per contro, si avvicendano la fisarmonica e il piano elettrico di Romano Tedesco. Il sound complessivo diventa, in questa maniera, ancora più solido, compatto e unitario. In un certo senso la voce del flautista costituiva una sorta di scheggia impazzita in un contesto per il resto coerente e coeso, pur impersonando in tal modo un elemento di affascinante disomogeneità e anzi un punto di distinzione del gruppo.
Malaguti lavora abitualmente su strutture concettuali che derivano da suoi studi sulla matematica, trasferiti nelle composizioni. Non è il primo musicista a cercare l'ispirazione in altre scienze e applicarle nelle sue partiture. Basti pensare fra gli altri a Anthony Braxton, che indica i titoli stessi dei suoi pezzi con complicati algoritmi.

Da queste premesse metodologiche, ma non solo, deriva una musica molto caratterizzata e personale. Basta premere, infatti, il tasto play sul lettore per identificare dopo pochi minuti il timbro particolare del chitarrista romano. E' una qualità non da poco quella di essere riconoscibili nella marea di proposte presenti sulla scena. Di fatto la chitarra preparata del bandleader informa tutte le tracce, diventando, di volta in volta, viola, violino, contrabbasso o organo, stendendo tappeti di suono fregiati, ben definiti, su cui possano incunearsi gli interventi concordi e divaganti dei partners. La voce dell'accordion sostituisce, in certi punti, Malaguti nella costruzione di un flusso sonoro ininterrotto, dove non si discernono chiaramente un tema, una melodia. Non per niente i brani si intitolano tutti "Passo" a cui segue un numero da 1 a 12. E' una sequenza in successione priva di stacchi, cioè, dove si è lontani dall'andamento tipico del jazz basato su tema, variazioni, ritorno al tema. Qui ci immergiamo in un insieme onnicomprensivo di melodie scarne, secche e di assoli incavati fra questi motivi, spesso ridotti a poche frasi cangianti. Al sax di Nicola Fazzini spetta, poi, il ruolo di sottolineare gli angoli, di segnare gli spigoli dei vari "passi" e di dialogare con il leader, rivelando una totale condivisione ed empatia in ogni frangente. Non ci sono dubbi, l'intesa fra i due musicisti è il vettore che fa decollare il combo. E' fondamentale, inoltre, l'apporto di Luca Colussi nell'economia del discorso globale del quartetto. La batteria spinge verso cadenze funky marcate e ondeggianti, sostenendo, in tal modo, le evoluzioni degli altri tre strumenti e convogliando il discorso comune in un determinato ambito, anche se non del tutto precisato.

E' fin troppo facile, ma non si può fare altrimenti, scrivere che Malaguti con questo disco continua a dirigersi "oltre il confine" del prevedibile, dello scontato, per proseguire nel suo cammino di ricerca di sempre nuovi orizzonti e traguardi. E' un vero piacere, infine, constatare come un musicista della classe 1949, invece che adagiarsi su formule trite e ritrite, tenti ogni volta di sorprenderci, riuscendoci, con qualcosa di nuovo e di inedito.

Gianni Montano per Jazzitalia






Articoli correlati:
08/01/2017

Why Not? (Lanfranco Malaguti)- Gianni Montano

11/09/2016

Saadif (Hyper+ & Amir Elsaffar)- Alceste Ayroldi

13/12/2015

Sphere (Try Trio)- Niccolò Lucarelli

03/10/2015

Random 2 (Nicola Fazzini - Minimum Sax)- Alceste Ayroldi

14/06/2015

Intervista ad Alessandro Fedrigo e Nicola Fazzini: "...il problema che rilevo è una scarsa professionalità nel nostro settore, in senso generale, e questo non vale solo per i musicisti ma, anche per organizzatori, discografici, giornalisti e uffici stampa." (Alceste Ayroldi)

09/11/2014

Mosaico (Riccardo Chiarion)- Francesco Favano

09/08/2014

XY (Fazzini Fedrigo XY Quartet)- Alceste Ayroldi

09/06/2013

Galaxies (Lanfranco Malaguti Quartet)- Gianni Montano

09/06/2013

The Heart Of Universe (Claudio Cojaniz A.P. Trio)- Enzo Fugaldi

08/06/2013

JAM 2013: Jazz a Mira: Il duo Pascal a Jazz a Mira 2013, rassegna dedicata al Jazz indipendente e curata da Nicola Fazzini. (Aisha Ruggieri)

02/11/2012

The Empty Bottle Market (Fazzini, Bottos, Serafini, Marktl)- Francesco Favano

06/11/2011

Panorami (Lanfranco Malaguti Quartet) - Alceste Ayroldi

01/11/2011

Steve Grossman Quartet al Count Basie di Genova (Andrea Gaggero)

11/07/2011

Jazz a Mira 2011, rassegna di musica jazz dedicata alle etichette indipendenti con Ermanno Maria Signorelli Duo, JPC 4et Feat. Kyle Gregory, Paolo Birro in piano solo, Marcello Tonolo Trio, il Trio Nigredo con Fazzini, Fedrigo e Canevali, Gallo - De Rossi featuring Chris Speed. (Gabriele Prevato)

31/07/2010

Double Face (Lanfranco Malaguti Quartet)- Gianmichele Taormina

31/07/2010

Visionary (Lanfranco Malaguti Quartet)- Gianmichele Taormina

08/12/2009

Answering (Riccardo Morpurgo Trio)- Alessandro Carabelli

21/11/2009

'A casciaforte dei ricordi (Graziella Vendramin) - Marco Buttafuoco

15/03/2009

Concert For Mirella (Bill Smith & Gianmarco Lanza)

12/01/2009

Mulini a vento (Bottos/Goloubev/Colussi)

13/01/2007

Grazie dei Fiori? (Elena Camerin)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 538 volte
Data pubblicazione: 22/02/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti