Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Lorenzo Petrocca Trio - On a clear day
2003 - Jardis JRCD 20346

Lorenzo Petrocca Trio
On A Clear Day


1. Satin Doll (Duke Ellington)
2. Cherokee (Ray Noble)
3. Smile (Charlie Chaplin)
4. In a Mellow Tone
(Duke Ellington)
5. Oleo (Sonny Rollins)
6. Angel Eyes (Matt Dennis)
7. On a clear day (B. Lane)
8. Moonglow (W. Hudson)
9. Deyection Blues (Ray Brown)
10. Polka Dots and Moonbeams (J. Van Heusen)

Lorenzo Petrocca -
chitarra
Davide Petrocca -
contrabbasso
Armin Fischer -
drums


Jardis - music
Heiner Franz
Schubertstrasse 12
D - 66583 Spiesen-Elversberg - GERMANY
Tel: + 49 - (0)6821 - 7 02 64
Fax: + 49 - (0)6821 - 79 09 06
e-mail: Heiner-Franz@jardis.de

Lorenzo Petrocca in questo CD affronta la cosiddetta "prova del nove" per un chitarrista: il trio chitarra - contrabbasso - batteria. E lo fa su uno dei terreni più minati e cioè quello degli standard. La prova, come vedremo, non è solo per la chitarra ma anche per il contrabbasso e la batteria che hanno qui un ruolo portante.

L'intento è quello di omaggiare i grandi chitarristi che lo hanno ispirato e a cui oggi probabilmente deve la sua scelta di suonare professionalmente la chitarra. Chi spicca maggiormente è Joe Pass. Il fraseggio ma anche il tipico fingerstyle soprattutto durante l'esposizione dei temi è subito evidente in
Satin Doll. Con la sua bellissima Gibson Johnny Smith del '63, amplificata anche con l'ausilio di un microfono, Petrocca suona in modo molto pulito, limpido, riuscendo a far ascoltare nitidamente ogni nota. Ottimo il solo del contrabbasso.

Chi non ha mai ascoltato il duo Herb Ellis - Joe Pass eseguire
Cherokee a 300 di metronomo? Petrocca affronta il brano mostrando un ottimo timing e non temendo le insidie di una tale velocità.

Smile di Charlie Chaplin è una ballad in cui Davide Petrocca sfodera un contrabbasso caldo, con gran sustain, solidissima base su cui Lorenzo armonizza meravigliosamente il tema, improvvisa e chiude solitariamente proprio come Joe Pass era solito fare.

Ancora Duke Ellington con
In a Mellow Tone dove oltre alla chitarra del leader si pone nuovamente in grande evidenza il contrabbasso di Davide il quale contrappunta, poi sfodera un walkin' poderoso, che sostiene il brano egregiamente, Davide Petrocca, Armin Fischer, Lorenzo Petroccafino a prodursi in un bel solo molto lirico. Coinvolgente anche il solo di Petrocca curato nella dinamica e condotto in un crescendo che lo porta dalla single line a ricche progressioni di voicing.

Oleo eseguita da Joe Pass e Niels-Henning Ørsted Pedersen è un altro capolavoro oramai inserito negli annali della chitarra jazz. Petrocca lo affronta in trio sostenuto ancora una volta favolosamente dal fratello Davide (che solo!) e dal batterista Fischer.

Il cosiddetto "common ground" del blues è affrontato in
Angel Eyes, celebre blues minore, Moonglow, spesso eseguito da Benny Goodman, e Deyection Blues dell'indimenticabile Ray Brown. Anche in questo caso la pertinenza del fraseggio e il valido accompagnamento rendono le esecuzioni molto gradevoli.

La title track è dedicata a On a Clear Day rifacendosi al grande Barney Kessel, maestro dei voicing. Sviluppo canonico con tema, solo, solo contrabbasso, giro di four e poi ripresa del tema fino alla chiusura, il tutto in modo molto fluido.

Il CD si chiude con un'altra celeberrima ballads Polka Dots and Moonbeams sempre compatta e morbida nei suoni.

Il chitarrismo di Petrocca è sicuramente molto legato alla tradizione e questa è, se vogliamo, la sua maggiore peculiarità che lo contraddistingue in un ambito in cui forse troppo spesso si cerca di trovare del nuovo che però non è detto che debba essere obbligatoriamente cercato. Rimanere ancorati alla tradizione, se fatto con uno spirito moderno, suoni freschi e puliti, come in questo caso, non può che giovare alla chitarra e alla musica jazz più in generale. Il trio risulta estremamente amalgamato, non ci sono sbavature ne' armoniche ne' ritmiche. Fischer mostra di saper seguire abilmente il leader supportandolo in ogni momento. Un plauso particolare va però a Davide Petrocca che suona il contrabbasso con grande controllo dinamico diventando un vero pilastro per questo ensamble.
Marco Losavio - Jazzitalia






Articoli correlati:
12/12/2006

Sarno Jazz River 2006: "...un valido incontro fra culture, stili ed interpreti del fascinoso linguaggio afroamericano, misto a quella creatività ed innovatività espressiva del Vecchio Continente, presentato in un cartellone di tutto rispetto." (Francesco Peluso)

29/08/2004

Ballads (Lorenzo Petrocca)

12/03/2002

Italy il CD dei fratelli Franco e Lorenzo Petrocca

25/01/2002

Milan In Minor il CD del Lorenzo Petrocca Organo trio







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 6.573 volte
Data pubblicazione: 15/08/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti