Jazzitalia - Recensioni - Black Top: #One
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Edizione Speciale, il nuovo album di Enrico Rava.

Si è spento all'età di 95 anni la grande icona della chitarra jazz Franco Cerri..

Annunciato il San Severo Winter Jazz Festival 2021, 7 concerti internazionali dal 29 ottobre al 1 aprile 2022..

Pubblicato "The Rising Sun" il nuovo e quarto album del chitarrista modern jazz Fabrizio Savino.

ECM: le novità in uscita della prestigiosa casa discografica tedesca. .

Open Day del Saint Louis Music School dedicato al Master in I livello in Music Business & Management. .

Al via il Premio Rota 2021. Un'edizione dove accanto alla consegna dei riconoscimenti vi sarà tanta musica dal vivo. .

Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz".

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPPI Andrea (piano, tastiere)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            INDRA (gruppo)
            LEPORE Fabio (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Black Top
#One



Babel Label (2014)

1. There Goes The Neighbourhood
2. Guess Who's Coming To Dinner
3. Archaic Nubian Stepdub

Orphy Robinson - marimba
Pat Thomas - pianoforte, tastiere, computer
Ospite:

Steve Williamson - sassofono tenore e soprano


Se musicasse un film, sarebbe di quelli con tinte fosche, agitate e tese, di quelli che ti tengono sulla corda dall'inizio alla fine e che ti fanno torcere le mani con soddisfazione. Orphy Robinson e Pat Thomas, alias Black Top, cooptano Steve Williamson, sassofonista di vaglia con esperienze aperte: al fianco di Abbey Lincoln, ma anche di Louis Moholo-Moholo, Viva La Black, Maceo Parker, Courtney Pine; coriaceo e limpido nel lasciar fluire il suo prezioso eloquio all'interno delle linee stampate dai due Black Top.

Tre brani, tre suite: tre storie. "There Goes The Neighbourhood" è onirica, meccanica e contrappone il caldo e fluido fraseggio di Williamson all'acre martellare della marimba prima e del pianoforte dopo, che la contrappunta. L'ingresso delle scintille di elettronica rendono il brano sempre più inquietante e permettono a Thomas e Robinson di declinare il loro vocabolario avanguardistico radente l'atonalità. La materia sembra sempre in dissoluzione, soprattutto nelle mani di Robinson e Thomas, così in "Guess Who's Coming To Dinner" le corde del pianoforte insistono su vamp acute e algide tessendo una ragnatela, mentre la marimba punzecchia ritmicamente e testardamente in attesa dell'ingresso di Williamson, vero antagonista dell'aria sferzante spinta dai Black Top. I cambi di scena ora svuotano, ora riempiono il brano grazie all'elettronica che arriva come una rasoiata e il soprano di Wlliamson che scrive arzigogoli sfaccettati e pungenti. Esplode dalle prime note un groove che si spalma su di un tappeto techno-minimal in "Archaic Nubian Stepdub", punto d'incontro tra diverse dinastie musicali che riescono ad andare sottobraccio perfettamente.

L'opera prima – omen nomen – dei Black Top enuncia il credo musicale dei due (tre?) musicisti: jazz d'avanguardia, musica contemporanea, elettronica di spessore e mai fuori luogo, swing suggerito.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 314 volte
Data pubblicazione: 06/10/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti