Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Splasc(H) Records
Actis Band
On Tour - Live 2004


CD 1:
1. Takayama Rap - 8.6
2. Nefertari - 8.42
3. Dulcinea - 9.55
4. East Mambo - 9.39
5. Los Tiburones - 8.15
6. Dead Chicken For Breakfast - 7.48
CD 2:
1. Viva Zapata - 8.03
2. Vulcano Boro - 8.39
3. Nairobi Night - 8.16
4. Rojo - 8.21
5. Son Para El Che - 7.18
6. Porci Padani - 6.50
7. Polpi D'Otranto - 7.48

Carlo Actis Dato - sassofono tenore e baritono, clarinetto basso
Massimo Rossi - sassofono alto e soprano
Karsten Lipp - chitarra
Federico Marchesano - basso
Dario Bruna - batteria



Ascoltare il suono "disturbatore" del clarinettista/sassofonista torinese Carlo Actis Dato è sempre un'esperienza: quale? E' difficile rispondere: è tutto e nulla. Ma perchè mai è così necessario avere risposte? Nel caso esistessero le certezze, in questa circostanza l'unica è che il mood dell'Actis Dato Band è inconfondibile e rappresenta, da circa trent'anni, una chiave di lettura musicale nel jazz italiano completamente a sé sestante, senza voler rispecchiare nessun cliché preconfezionato; chissà forse anche per questo è uno dei nostri musicisti più conosciuti all'estero.



Il cd preso in considerazione è il doppio "On Tour Live 2004" registrato in Svizzera: musica indipendente con una carica eloquente che lega circolazioni di improvvisazioni, travestimento comico, lirismo, sarcasmo – come ad esempio in "Volcano Boro" facendo il verso a M. Jackson - riproponendo l'azzardo delle contaminazioni etniche, anche nostrane, unite alla libera creatività del jazz contemporaneo. Questo non distragga però dall'estremo rigorismo con cui viene affrontato ogni lavoro musicale.

Molto è giocato sull'intreccio di ance tra Actis e Rossi, il drumming incisivo di Dario Bruna, il vigoroso apporto ritmico del basso di Federico Marchesano e l'innesto indovinatissimo della chitarra di Karsen Lipp che con il leader instaura visionari duetti, riuscendo a percorrere in profondità repertori musicali molto spesso inesplorati, con una concordanza della band assolutamente perfetta, accentuando così l'apporto improvvisativo.

Certo che stare dietro ai riff del Nostro richiede ai musicisti doti da scattista, costringendoli spesso a vorticosi inseguimenti. Proprio questo districarsi tra energiche esibizioni estremamente vigorose rende l'ascolto della Actis Band un'esperienza "free" unica, tanto in grado di stupire ascoltando qualche scampolo di psichedelia, come in "Rojo", quanto deliziarci con "Son para el Che" o "East Mambo"; questa è la personalità incontrollabilmente demolitrice, viva, divertente di Carlo Actis Dato: prendere o lasciare! Meglio prendere, credetemi!
Franco Giustino per Jazzitalia







Articoli correlati:
20/08/2017

Minafric (Pino Minafra)- Gianni Montano

28/10/2013

Faces And Tales (Daniele Cavallanti & The Brotherhood Creative Trance Music Ensemble)- Marco Buttafuoco

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano

30/09/2012

2010 (Carlo Actis Dato)- Roberto Biasco

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

13/11/2011

Open World Jazz Festival, 10a Edizione: "Grande successo per l'Open world festival di Ivrea. Il merito principale è di un'organizzazione rigorosa e puntuale, capace di allestire una rassegna di indubbio interesse, correlata da eventi collaterali, stages, presentazione di libri, performance artistiche in grado di calamitare l'attenzione non solo degli addetti ai lavori, ma anche di un pubblico intellettualmente curioso. un festival che certifica come si possa realizzare una rassegna impegnativa, senza concessioni al "gusto dominante", a musiche foriere di potenziali e possibili consensi generalizzati e ottenere risposte addirittura sorprendenti da parte del pubblico." (Gianni B. Montano)

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

19/08/2007

Manu Dibango all'Auditorium RAI di Torino: "Manu Dibango è icona in movimento che ha intriso la sua vita e il suo suono della mondialità che la musica più di qualunque altra arte può avere e insegnare..." (Alessandro Armando)

11/03/2007

I Colori del Mare (Daniela Schächter)

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

19/12/2006

Ampio Respiro (Daniela Panetta, Sandro Cerino)

30/05/2006

Adoration (Chat Noir)

07/05/2006

Ostinato (Paolo Di Sabatino Ark Trio)

03/05/2006

Per un istante (Valerio Della Fonte)

31/03/2006

Ancora Sogni (Mario Piacentini Trio)

13/02/2005

Instabile 2004 a Pisa, Avanguardie a confronto: "...L'Instabile's Festival 2004 senza l'Italian Instabile Orchestra? Potrebbe sembrare una provocatoria contraddizione ma non è così...." (Paolo Carradori)

11/12/2004

XVII Festival Internazionale "Time in Jazz" a Berchidda: "...La Follia, questo era il titolo di quest'anno, follia intesa come imprevedibilità del processo creativo che sta alla base di qualsiasi arte, non solo quella musicale." (Fabio Pibiri)

07/11/2004

Out! (Giorgio Dini - Carlo Actis Dato)

16/05/2004

The Owner Of The River Bank (Cecil Taylor & Instabile Orchestra)

31/10/2003

Chiaroscuro (Pierpaolo Manca - Claudio Kettmeier)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.561 volte
Data pubblicazione: 02/05/2006

Bookmark and Share


Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti