Jazzitalia - Hector Zazou: Oriental Night Fever
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Rinvio al 2021 per la XX Edizione del Beat Onto Jazz Festival.

Multiculturita Summer Fest 2020!! Annunciata anche nel 2020 un'edizione del famoso e longevo festival capursese: aLa musica del crooner Nick The NightFly Quintet e il Brasile di Rosalia de Souza..

12.500 euro destinati per una Borsa di Studio "Giorgia Mileto". promossa dalla famiglia e dal Saint Louis College of Music per i Corsi accademici di Jazz & Popular Music..

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

E' morto Jimmy Cobb.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Aldo Bassi, trombettista, direttore d'orchestra, insegnante e leader di varie band, è venuto a mancare a Latina..

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Hector Zazou
Oriental Night Fever



Materiali Sonori

1. I Feel Love
2. Y.M.C.A.
3. Oriental Night
4. Staying Alive
5. Ring my Bell
6. Night Fever
7. Disco Inferno
8. Heart of Glass
9. You Make Me Feel (Mighty Real)
10. I Want Your Love
11. I Will Survive
12.

Barbara Eramo - voci, percussioni, kalimba
Stefano Saletti - oud, bouzuki, mandola, chitarra elettrica e classica, hand drums, percussioni, steel drums, cajon, teponatzli, bodhran, elettronica
Hector Zazou - elettronica

Ospiti:
Rashmi Bhatt - tabla, pakhawaj, voce su "Heart of Glass"-"Disco Inferno" - "I Want Your Love"
Carlo Cossu - violino
Antoine Denis - basso su "Stayin'Alive"
Marco Loddo - double bass su "Night Fever"- basso su "I want your love"
Eyal Sela - bansouri su "Oriental Night", "Disco Inferno", "I want your love"
Raffaella Siniscalchi - cori
Diana Tejera - chitarra acustica su "Y.M.C.A."


E' uno dei lavori lasciati incompiuti – l'ultimo album che ha potuto seguire in prima persona fu ‘In the house of Mirrors', uscito proprio immediatamente dopo la sua scomparsa, l'8 settembre 2008 – da Hector Zazou. Ideato assieme alla cantante Barbara Eramo e al polistrumentista Stefano Saletti, il progetto che unisce elettronica e strumenti della tradizione mediterranea (oud, bouzuki, mandola) e orientale (tabla, pakhawaj, bansouri), reinventando la "disco" anni Settanta, è nato per caso, spiegano Eramo e Saletti nelle note di copertina. "Hector voleva fare un lavoro insieme a noi, ma senza un'idea precisa". Finchè, con in mano il CD "Disco inferno" "con il quale avevamo ballato a Capodanno in un tuffo negli anni Settanta…andammo nello studio di registrazione e arrangiammo "I feel love" di getto, come se non avessimo ascoltato altro fino ad allora…"

Prima di inserirlo nel lettore eravamo alquanto dubbiosi sulla efficacia di una rilettura ‘World' di alcuni classici della disco music. Ma già il primo ascolto ha dissolto ogni perplessità, al punto che il risultato è apparso subito rinfrancante e convincente. Sin dalle note iniziali di ‘I feel love', grazie alla voce accattivante e al modo di svilupparla di Barbara Eramo, sostenuta da una serie di strumenti della tradizione orientale, le canzoni che ci hanno tormentato nel recente passato, persino le più banali ed ossessive, acquistano una freschezza impensabile, grazie anche all'ottima qualità della registrazione. Mentre Zazou coordina il tutto, restando per così dire in disparte ad occuparsi della componente elettronica, salgono alla ribalta oltre alla Eramo, Stefano Saletti, capace di suonare con abilità un numero considerevole di strumenti di tradizioni apparentemente distanti dall'occidente europeo. E poi alcuni ottimi musicisti, tra i quali il tablista indiano Rasmi Bhatt, l'israeliano Eyal Sela, impegnato al flauto bansuri e il violinista Carlo Cossu. Sembra strano che un disco di ben undici cover – l'unico brano originale è il brevissimo "Oriental Night" della coppia Saletti –Sela – che vanno da "I feel love" di Donna Summer a "Y.M.C.A." dei Village People, a "Stayin' Alive" e "‘Night Fever" dei Bee Gees, a "Ring My Bell" di Anita Ward, "Disco Inferno" dei Trammps, "Heart of glass" dei Blondie, "You make me feel" di Sylvester, "I want your Love" degli Chic, per finire con "I will survive" di Gloria Gaynor, abbia ancora qualcosa da dire. Invece, ripetiamo, proprio per la bravura, l'attenzione e l'affiatamento tra gli interpreti, tutto questo si avvera. E i respiri e i sussurri della Eramo, avvolti dal suono dell'oud, dei tabla, del violino, del bouzuki, ci ipnotizzano, immersi in una moderna danza del ventre, che ha però radici americane.

Giovanni Greto per Jazzitalia








Articoli correlati:
26/06/2017

Un[folk]ettable Two (Nico Morelli)- Alceste Ayroldi

08/12/2013

Yiddish Melodies In Jazz (Gabriele Coen Jewish Experience)- Gianni Montano

09/09/2012

Songs From The Top Of The World (Nina Pedersen)- Enzo Fugaldi

18/08/2011

Challange (Eugenia Munari)- Alessandro Carabelli

05/12/2010

Awakening (Gabriele Coen Jewish Experience)- Vincenzo Fugaldi

22/04/2010

Too High (Marco Acquarelli)- Franco Bergoglio

19/07/2009

Golem (Gabriele Coen Jewishexperience)- Gianni B. Montano

16/06/2007

Alhambra (Gabriele Coen Atlante Sonoro)





Video:
HOT CLUB ROMA - SUR LA ROUTE DE DJANGO ROMA 18 -01-2010
HOTCLUB ROMA - SUR LA ROUTE DE DJANGO ROMA 18-01-2010 TEATRO DEI SATIRI con Moreno Viglione chitarra solista, Emanuele Rastelli fisarmonica, Gianfranc...
inserito il 28/01/2010  da - visualizzazioni: 3071


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.767 volte
Data pubblicazione: 18/10/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti