Jazzitalia - Cristiano Parato Featuring Scott Henderson, Lele Melotti: Ostinato bass
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Arduino Jazz 2020. Al Parco Archeologico dell'Appia Antica il grande jazz tra nomi internazionali e sperimentazione con la rassegna ‘Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz'.

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Cristiano Parato Featuring Scott Henderson, Lele Melotti
Ostinato bass



Videoradio

1. R.B. to fly
2. Inside my memory
3. True boys
4. Every little thing she does is magic
5. Racso
6. Knacky
7. Ostinato bass
8. Antigua
9. Ode to joy/Black market
10. Funny Bunny
11. Pillow
12. Pinball mania
13. Keystone
14. Sunset fly

All titles composed by Cristiano Parato exept:
“Ode to joy” (L. V. Beethowen),
“Black Market” (J. Zawinul),
“Every little thing she does is magic” (Sting)

Cristiano Parato - bass
Scott Henderson - guitar
Lele Melotti - drum
Diego Mascherpa - sax
Aldo Caramellino - trombone
Gianpiero Labello - trumpet
Marco Fede - keyboards
Sergio Bongiovanni - trumpet on track 10



Via Giovanni da Udine 34
20156 Milano - Italia
Tel.(+39) 02 38093284/5
E-Mail: videoradio@tiscali.it
Web Site: www.videoradio.org


Cristiano Parato pubblica con Raitrade Videoradio “Ostinato bass”, titolo che annuncia le caratteristiche portanti dell’album: i brani sono caratterizzati, infatti, dal supporto costante del basso di Parato allo sviluppo di linee melodiche che, dal canto loro, evidenziano elementi importanti della  formazione musicale del compositore; si fa riferimento a Jaco Pastorius ed alla musica fusion degli anni ‘70/’80 e non manca un tributo a Sting, artista che ha fortemente segnato il percorso musicale di Parato. Per realizzare questo progetto il bassista piemontese si avvale del contributo di Scott Henderson, stella del firmamento fusion proprio degli anni ’80 e del batterista Lele Melotti, oltre che dei suoi assidui collaboratori Mauro Fede alle tastiere e Diego Mascherpa al sax.

Si comincia con “R.B. to fly”: mentre Melotti suona con energia la batteria, il giro di basso di Parato sostiene un graduale crescendo emotivo che coincide con un percorso in salita sulla scala delle note realizzato dai fiati, dopo aver annunciato il tema principale. Il solo della chitarra è prima doppiato e poi accompagnato dai fiati. Un motivo fresco, semplice, che entra facilmente in testa.

Anche in “Inside my memory”, brano più lento e riflessivo, c’è una base di riff che si ripete, costruita da basso e chitarra mentre la linea melodica e gli assolo sono disegnati da Parato con il basso a 6 corde, seguito dai fiati. Sinuoso e lirico l’assolo finale del sax soprano, dal fraseggio morbido. “True boys” è un brano multi sfaccettato che crea a tratti atmosfere da film poliziesco: la chitarra di Henderson sembra voler imitare la sirena di una volante e lavora grandiosamente oltre che sui sugli assolo, sull’armonia del pezzo. In “Every little thing she does is magic” dei Police,  Parato si “sdoppia” ed esegue la linea melodica con un Mari Stego IV mentre suona arpeggi ed assolo con un Mari Stego Six Bass slappato quasi come fosse una chitarra. L’impressione è che voglia far “parlare” il suo strumento, sostituendolo al cantato dell’originale.

Si prosegue con “Racso” dove Marco Fede si fa notare in un insolito assolo alle tastiere synth, mentre Parato col suo slap accentua in modo percussivo il tempo scandito dalla batteria ed è poi il turno dell’orecchiabile  “Knacky” che lascia spazio ad un apprezzabile solo del sax. In “Ostinato bass” i riff del giro di basso sono arricchiti dalla chitarra di Henderson che sentiamo al contempo eseguire la melodia principale. Si passa per il romantico “Antigua” e per un originale arrangiamento di “Ode to joy/Black market”; protagonista di “Funny Bunny” è il suono pulito ed acuto del sax. “Pillow” è un breve, dolce ed affascinante solo di Parato. “Pinball mania” è caratterizzato dalle variazioni di accento e di tempo date dalla batteria, l’elettronica aggiunge effetti surreali: è un pezzo che incanta, forse il più interessante dell’album. Più contemporaneo l’attacco di “Keystone” lavorato molto sull’elettronica, mentre il resto della composizione da ampio spazio ad Aldo Caramellino e Gianpiero Lobello rispettivamente al trombone ed alla tromba. Si conclude con la sognante “Sunset fly”. Tutto l’album è percorso da un senso di festosità in cui gli strumenti si sdoppiano e si moltiplicano in una “schizofrenia” del suono notevole e di grande intensità.

Laura Mancini per Jazzitalia







Articoli correlati:
31/07/2018

Cortale Jazz&vento: Quindicesima Edizione del festival calabrese che qest'anno vede come ospiti Scott Henderson in trio e Sarah Jane Morris in quintetto.

25/01/2014

Bib-rambla (Baracca & Burattini)- Francesco Favano

05/09/2010

LEZIONI (chitarra): Chord Melody of "Rituals" by Scott Henderson (Francesco Bonfanti)

16/03/2008

Funk That Jazz (Mimmo Langella)

16/03/2008

Intervista a Mimmo Langella: "Secondo me le cose più interessanti sono quelle che vanno oltre il jazz. I personaggi più interessanti sono quelli che tendono ad usare l'elettronica nel jazz, i computer e gli altri aggeggi elettronici. Ovviamente fanno cose interessanti i creativi, quelli che hanno delle idee ed usano le macchine non per maschere delle lacune o una mancanza d'idee, ma per trovare nuove strade. " (Emanuele Capasso)

27/10/2005

LEZIONI (Trascrizioni): The Creeping Terror il gran solo di Scott Henderson riproposto con intavolatura (Alex Milella)

26/06/2005

Intervista a Scott Henderson: "...Quando ero piccolo, alla radio ascoltavo il Led Zeppelin e i Deep Purple… Jimmy Page, Richie Blackmore… successivamente ho ascoltato Hendrix e Jeff Beck, quindi questi sono probabilmente i miei "maestri"... " (Alex Milella)

06/02/2005

LEZIONI (Trascrizioni): The Creeping Terror, solo blues del grande Scott Henderson. (Giovanni A. Frassetto)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 3.577 volte
Data pubblicazione: 15/05/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti