Jazzitalia - :
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Pietro Bandini
Parma Jazz Frontiere
The Book Is On The Table


MUP (Monte Università Parma) 2008

Prezzo di Copertina 20 Euro.

Parma jazz Frontiere ha spento quest'anno la sua tredicesima candelina. Tredici anni di intransigenza, di rigore, di originalità.

P
er festeggiare l'avvenimento uno degli sponsor (Fondazione Monte di Parma) ha fatto un regalo alla rassegna ed ai suoi estimatori: questo bel libro fotografico, che racconta anni di lavoro fatti di tanti attimi.

Che jazz e fotografia siano arti complementari fra loro è quasi superfluo dirlo. E' stato detto che la improvvisazione è la celebrazione dell'attimo e solo l'arte nobile che una volta si chiamava dagherrotipo sa cogliere quella strana dimensione che è l'istante. Disco e fotografia hanno in fin dei conti la stessa funzione di fermare e documentare quello che è irripetibile: la storia di qualcosa che è accaduto una sola volta.

Di qui l'infinita e affascinante galleria di jazzmen colti nell'attimo fuggevole della creazione: perduti, estatici, in trance. Chi non ha sul suo desktop, nella memoria del suo pc o appesa alle pareti una di queste foto?

Pietro Bandini, l'autore di questa splendida galleria di immagini ha puntato,ovviamente, anche su questa dimensione. Cito per tutte la straordinaria istantanea di Richie Beirach e Dave Liebman durante il loro concerto parmigiano del 2007, già apparsa su Jazzitalia, o quella che ferma una immagine di un Amiri Baraka particolarmente rabbioso e sofferente.

Ma c'è molto altro in questo libro. Ci sono foto memorabili a volte anche molto ironiche e divertenti, scattate nei camerini e durante le prove. Foto che parlano di stanchezza, di perplessità, di relax, di gioco. Gianni Coscia meditabondo nel corridoio di un teatro. Roberto Gatto con lo sguardo perso nel vuoto, il mento appoggiato un po' alla sua mano un po' a uno dei piatti del suo set. Riccardo Luppi che scalda il suo flauto davanti a uno specchio. Maryilin Crispell che prova distrattamente il suono, Manfred Eicher che sembra guardare il mondo con soddisfatto disdegno. Le cito a caso, sfogliando il volume qua è là. "Sono immagini – dice Bandini - che parlano del mondo di questa musica da dentro. Sono foto un po' dentro la musica. Ma anche un po' sui lati. E anche da dietro". Ovviamente in bianco e nero, come altrimenti si può rendere quel senso della precarietà di un arte tutta basata sull' improvvisazione, sulla urgenza e sulla necessità di attimi che passano e non tornano? Guardi queste foto e ti viene in mente quel vecchio blues che cantava Little Jimmy Rushing "E se qualcuno vi chiede chi ha cantato questa canzone, ditegli che era........E' stato qui, è andato via".

D'altronde come recita la terza di copertina "Pietro Bandini è uno pseudonimo. Nessuno sa chi sia veramente. Nemmeno lui. Per informazioni chiedete in giro." E' un precario dell' arte, come lo sono i musicisti che ritrae. Ma lui ha la capacità di guardare il mondo con distacco e ironia, Non so se tutti i musicisti abbiano questo dono.

Fra parentesi, un libro tanto bello costa solo venti euro.

Davvero un bel modo di festeggiare il grande lavoro di Roberto Bonati e della sua equipe. Auguri, anche da parte nostra,

Marco Buttafuoco per Jazzitalia

Parmajazzfrontiere - Riccardo LuppiParmajazzfrontiere - Gianni Coscia
Parmajazzfrontiere - Dave Liebman e Richie BeirachParmajazzfrontiere - Roberto Gatto
Parmajazzfrontiere - Marilyn Crispell






Articoli correlati:
30/01/2016

Il Jazz incontra il mondo dei cartoni: "...una proposta raffinata e accattivante insieme, un modo intelligente per avvicinare i bambini alla musica, un invito di grande valore per la qualità con cui è stato formulato." (Barbara Bianchi)

17/01/2016

Django Bates presenta Belovèd, personalissimo omaggio a Charlie Parker: "...un profondo lavoro musicale fatto di introspezione e consapevolezza." (Barbara Bianchi)

03/01/2016

Oregon: il fascino intramontabile della ricerca: "Complessi, raffinati, intensi, questo dopo tanti anni sono ancora oggi gli Oregon per la XX edizione di ParmaJazz Frontiere" (Barbara Bianchi)

27/12/2015

Mark Turner Quartet: "...un progetto che, pur navigando i mari della più classica tradizione d'oltreoceano, sa lasciarsi contaminare da colori e profumi del tutto anticonvenzionali." (Barbara Bianchi)

01/11/2015

Intervista con Roberto Bonati - ParmaJazz Frontiere: "Il jazz rischia di diventare un sistema di scale e accordi e una specie di gioco di abilità, chi suona più note nel percorso più difficile...L'esecutore diventa più importante della musica e non dovrebbe essere così... " (Nina Molica Franco)

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

10/03/2013

Jon Balke piano solo: "Balke, oltre a mostrare la sua immensa bravura ha dato prova di quella grande umiltà che solo i veri artisti possiedono." (Nina Molica Franco)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 2.120 volte
Data pubblicazione: 21/12/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti