Jazzitalia - Joel Harrison: Passing Train
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intuition Music 2008
Joel Harrison
Passing Train


1. The wishing well
2. Passing Train
3. Northwest Jewel
4. Glory Days are gone
5. Ship Sailing cross a mountain
6. Travel On
7. No one knows how to die
8. Midnight
9. God loves a loser
10. Regret
11. Just for the ride
12. Wash away

Joel Harrison - Chitarra, Voce
Stephan Crump - Basso
Ben Wittman - Batteria
Jemey Haddad - Percussioni
Gary Versace - Piano, Hammond B3 Organ , Accordion
Rob Burger - Hammond B3 Organ
Chris Howes - Violino, Violino Basso
Kerryn Tolhurst - Dobro, Mandolino
Henry Hey - Piano
Jen Chapin - Voce ( 4,7,9)
Toshi Reagon - Voce (6)
Everett Bradley, Greg Clark, Nicki Richards, Aisha Dehaas - Cori
David Binney - Alto Sax ( 5)
David Binney, Chris Potter, Shane Endsley, Jacob Gerstein - Sezione Filicorni (1,3,6)

Sulla Traccia 7 – No One Knows How To Die:

Jerome Harris - Basso e Coro
Jamey Haddad - Batteria e Percussioni
Tony Cedras - Accordion, Piano
Alain Mallet - Sintetizzatore, Coproduzione



Un crossover tra l'Africa e l'Europa. Passando tra il Mississipi. In treno, in macchina o in nave, anzi con un battello. Lacerti di blues, ben cotti e sostanziosi accompagnati da tranci di jazz, il tutto impastato nel soul più nero e conditi da un pizzico di funk. Joel Harrison sembra vivere un conflitto antropologico: la sua voce, scura ed energica, ed il sound sono "black", ma lui è bianco. Certo è da dire che il conflitto fa bene alla salute della musica, la sua musica. Ciò che scrive e ciò che suona è stramaladettamente ebbro di black power.



Passing Train
ci regala momenti di un passato dimenticato e di un futuro che, speriamo, possa arrivare, anzi tornare. Il policromo artista statunitense ha lavorato per sei lunghi anni a questo disco; elaborato, riascoltato, conservato in barrique come il buon vino e lasciato decantare a sufficienza.

Dodici brani eloquenti, ottimamente strutturati e validamente eseguiti da un consistente numero di musicisti che, in alternanza, lo assiste ed accompagna nel suo viaggio in treno.

Il treno di Joel Harrison ha la voce - la sua voce - blues in Glory Days are gone. Un blues lirico. E la voce del Nostro è contrappuntata, sapidamente, da quella di Jen Chapin. La ritmica disperde le sonorità country /blues della chitarra, anzi le assorbe, con un accompagnamento spiritual.

Convivono jazz, bues, folklore, cries, calls, sintatticamente ed armonicamente elaborati ed impreziositi dalle incursioni solistiche della chitarra del musicista nativo di Washington (The Wishing Well). Profondi solchi funk si annidano in Noorthwest Jewel, grazie anche alla robusta front line dei fiati.
 
Ship Sailing cross a mountain lascia librare le note in sordina della chitarra country, pervase da una dolcezza morbosa, che determinano un rallentamento del tempo rispetto alla condotta melodica fino a liberare il denso solo di David Binney al sax alto.

Sembra che le influenze subite da Joel Harrison, però, non si fermino alla history americana: No one Knows how to die ricalca i temi dell'ancestrale tradizione del nord europa, forse anche per il lirismo espositivo di Jen Chapin.

La pronuncia marcatamente blues emerge anche in Midnight, seppur incorniciata in dinamiche più popular.

E' ancora la voce della Chapin a duettare nelle misure idiomatiche "nero americane" di God Love a Loser.

Hic et nunc, ciò che si sente è il sentimento di un'artista non ancora conosciuto al grande pubblico, fin troppo sottovalutato in favore di molto sound afroamericano goffamente ibridato. Le ibridazioni di Harrison, invece, sono "pure" e di indubbia originalità. Mica male di questi tempi.
Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
18/09/2016

What Is This All About? (João Lencastre's Communion)- Niccolò Lucarelli

15/05/2016

Trentacinque (Simone Graziano)- Gianni Montano

07/01/2014

Frontal (Simone Graziano)- Enzo Fugaldi

15/08/2013

Spaces (Francesco Cataldo)- Gianni Montano

01/05/2012

La Bikina (Edward Simon)- Enzo Fugaldi

08/05/2011

Early Years (Federico Procopio) - Cinzia Guidetti

23/02/2008

Mirror (Miles Okazaki)

03/07/2006

In New York (Alain Mion)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 1.819 volte
Data pubblicazione: 23/08/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti