Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Click here to read the english version

Luca Luciano
PASSIONE

1. Preludio buffone et malinconico (L. Luciano)
Autumn Leaves (J. Kosma)
2. Passione (L. Luciano)
3. Tiempo a viento (L. Luciano)
4. Easy and fun (L. Luciano)
5. Saudade do meu pai (L. Luciano)
6. Thank you Hindemith (L. Luciano)
7. Mi Manchi (L. Luciano)
8. Encore! (F. Poulenc)
Allegro con fuoco dalla Sonata per cl. e pf.

Luca Luciano: clarinetto, flauto
Fabrizio Fiume:
tromba, flicorno
Rosario Volpe:
chitarra
Giovanni Giangiacomo:
percussioni
Ciro Troise:
batteria
Massimo Marcogliano:
basso
Mario Buonafede:
pianoforte

Special guest

Pietro Condorelli:
chitarra

Musicisti Associati Produzioni M.A.P. Via Monte San Genesio 4 - 20158 Milano - Italy
Tel. +39/02/6880950 - 69005757 - Fax +39/02/66801735
http://www.map.it
email: info@map.it

Pregiati bozzetti sonori di confine, ora vivaci, ora riflessivi, in cui confluiscono suggestioni jazzistiche e classiche, ci vengono proposti dal clarinettista Luca Luciano, da cui emerge la sua espressione raffinata, ora vivida, ora meditata.
Il suo discorrere al clarinetto, brioso, sbrigliato, ed appropriato nella sua conduzione, la freschezza delle sue intuizioni, il suo morbido sentimento e il suo proiettarsi con generosità si articolano in 8 diversi episodi, concisi ed intensi mosaici sonori per piccoli organici. Il suo garrire guizzante e denso si tende, scocca e si invola disinvolto con flussi sonori preziosi e sapidi, inventivi e armoniosi, e si avvale del sound ora evocativo d apollineo, ora sinuoso, ora frizzante della tromba e del flicorno di Fiume, delle agili e partecipi tramature di supporto di Volpe, alla chitarra e dell'apporto percussivo di volta in volta caracollante, soppesato, tintinnante di Giangiacomo. Luciano inoltre interviene con etereo pathos al flauto e ospiti del CD, ognuno in un brano, sono Troise alla batteria, Marcogliano al basso, con il loro pulsare sotteso, e Condorelli alla chitarra elettrica, con il suo graduale penetrare e diffondersi, da un lato, e Buonafede, con il suo prestante e movimentato dinamismo al piano, dall'altro.
Giordano Selini

Giovanissimo clarinettista napoletano proveniente da solidi studi classici (ma già docente), Luciano dimostra in questa prima incisione a suo nome, tutta la verve di chi infaticabilmente dedica totalmente alla musica la propria esistenza.
Il disco, seppur breve come durata (nemmeno mezz'ora), riflette le molteplici "attenzioni" o meglio "passioni" del musicita partenopeo. Ad esempio Poulenc è presente nella conclusiva
Encore!, nella quale il leader affronta, non senza qualche spericolatezza, la complicata materia del '900. Per gli standard non poteva mancare l'accorata reinterpertazione di Autumn Leaves
, tutta docile e passionale al momento di erigersi sul piano improvvisativo.
Gustose poi le composizioni scritte dal clarinettista, come la latineggiante
Tiempo a Viento o Thank You Hindemit
, che strizza felicemente l'occhio al dixieland grazie ad un Condorelli mozzafiato.
Gianmichele Taormina - JazzIt - maggio/aprile

Ventottenne Luca Luciano membro di Musician’s Union (attualmente residente a Londra) ha registrato un disco, della durata di venticinque minuti, del suo talento clarinettistico e flautistico pieno di spirito, che spazia tra idiomi jazzistici e latini. Questa selezione di brani e’ fatta per lo piu’ da sue composizioni assieme a Autumn Leaves ed ad un estratto della sonata per clarinetto di Poluenc. Quest’ultima, anche se ben suonata, è un po' diversa dal resto del programma e non si adatta completamente a questa selezione di brani. Il comando del clarinetto da parte del M. Luciano, in particolare, e’ chiaramente evidente concedendo a l’ascoltatore un approccio accrobatico al suo solo che, nonostante sia coinvolgente abbastanza, tende ad un vocabolario stilistico piu’ pesonale nella sua improvvisazione. Detto ciò, questo sforzo del giovane Italiano dovrebbe assisterlo concretamente nel migliorare il suo profilo artistico nel Regno Unito ed all’estero. I sui promettenti attributi presenti qui saranno senza dubbio arricchiti nelle prossime pubblicazioni discografiche. 
Frank Griffith - Musician (Musicians’ Union Magazine) - June 2003 
 

Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 11.838 volte
Data pubblicazione: 10/02/2001





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti