Jazzitalia - Marilena Paradisi: Pensiero – Omaggio a Gino Paoli
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Philology 2007
Marilena Paradisi
Pensiero – Omaggio a Gino Paoli


1. Sassi
2. Me in tutto il mondo
3. In un caffè
4. Una lunga storia d’amore
5. Un amore di seconda mano
6. Senza fine
7. Gli innamorati sono sempre soli
8. Il cielo in una stanza
9. Come fosse normale
10. Averti addosso
11. Ti lascio una canzone

Marilena Paradisi - voce
Dino Piana - trombone
Renato Sellani - pianoforte




web: www.philologyjazz.it
email: philology@philologyjazz.it
Phone : +39 733 236148
Fax : +39 733 271988
Mobile : +39 333 9659646
 


La ricerca di Marilena Paradisi, da anni, è sull'espressione e sul colloquio musicale profondo, basato sul rapporto che consente ancora di più di mettere in gioco se stessi. Questo si concretizza in tutti e tre i suoi CD: "I'll Never Be the Same" (Philology 2002), col trio di Eliot Zigmund, "Intimate Conversation" (Abeat 2004), splendida prova dove già sperimenta la formazione in duo, col c.bassista Pietro Leveratto, e recentissimo, il Cd live "Pensiero- Omaggio a Gino Paoli", in trio con Renato Sellani e Dino Piana.(Philology 2007).

In calda atmosfera di recital, sottolineata dall'elegante discrezione con cui Sellani e Piana tessono nuances a commento dei brani, la vocalist rivisita intelligentemente 11 tra le canzoni più rappresentative del cantautore genovese: la forza trainante dell'album è nella brillante sintesi fra la sua voce, suadente e priva di vizi stilistici, e la delicata cromaticità delle note strumentali, passi emozionanti da cui non si può non essere coinvolti e che, lecitamente, possono anche entusiasmare.

Se il testo parrebbe la struttura portante dell'evento, in realtà di "tre colori in una dimensione" si dovrebbe parlare, tanto la performance appare ben progettata e distinta da un'impronta improvvisativa brillante ed interiormente mobile, secondo la miglior tradizione jazzistica, del resto connaturata alla metratura del pentagramma di Paoli, come ognuno intuisce. Non è un caso che di questi tempi egli si esibisca con Danilo Rea, Rosario Bonaccorso, Flavio Boltro e Roberto Gatto, dimostrando in maniera impeccabile come ogni suo brano possa prendere nuovo respiro all'interno della sintassi delle blue notes.

Come già rilevato da Jazz Times nel dicembre del 2002, "la cosa più magica della Paradisi è che puoi credere in tutto ciò che lei canta, intuisci che c'è stata… e che ha sia le cicatrici che i ricordi per provarlo." Ed appunto l'intensità della sua narrazione musicale costituisce il profondo fascino di un nuovo modello di song coniugata in chiave jazzistica, luminosamente e con sensibile semplicità.

Ne parliamo con Marilena.

Perché la scelta di un omaggio a Gino Paoli, autore - secondo il mio parere - erroneamente considerato "pop"?

Quando ho iniziato a pensare ad un progetto che fosse su un cantautore italiano, in effetti, il primo a cui ho pensato è stato proprio Paoli. Esattamente, non lo considero un autore pop, proprio per l'intensità della sua ricerca emotiva sulle parole, che richiamano sempre ad un rapporto vissuto, e anche pagato caro sulla pelle, intendo, una presenza quasi costante, di un rapporto uomo-donna, sempre cercato, poi magari perduto, ritrovato.... Non so, mi ha sempre colpito la profondità delle parole sorrette da una parte melodica molto narrativa e se vogliamo malinconica, molto vicina al blues, secondo me. Se per me, il canto jazz è soprattutto, una ricerca sul testo in cui si possa esprimere tutto della propria vita, delle proprie emozioni, un essere se stessi in quel momento, nell'immediatezza, penso a Billie Holiday, è diventata la più famosa cantante di jazz, anzi, lei ha inventato il canto jazz, pur non avendo una grande estensione vocale, o diciamo una bella voce per come si può intendere nei canoni normali, eppure, metteva tutta la sua vita in ogni nota cantata. Ecco Paoli mi ha sempre un po' fatto pensare a questo. Forse Paoli è più jazz di quanto normalmente non si pensa. Be' questo mi ha fatto sentire molto vicino la sua poetica, e non ho avuto nessun timore che potesse essere un lavoro troppo vicino al pop (che non amo molto, devo dire).

Billie Holiday diceva che "per cantare bisogna emozionarsi", che ne pensi?

Assolutamente sì. Un cantante che non sia emozionalmente presente, non esiste come cantante!!! Meglio faccia altro nella vita!! Essere bravissimi tecnicamente non serve a nulla, se attraverso la tecnica non si veicolano sentimenti, emozioni. E' la mia ricerca di sempre, cerco di trovare dentro di me un grosso coinvolgimento. Non sempre accade, ma l'importante è cercarlo.

La scelta di una formazione così originale - estremamente felice, poi, con due Maestri come Sellani e Piana - in qualche modo scaturisce dal modo d'intendere la canzone di Paoli? Le discrete, intime inserzioni del trombone e del piano sembrerebbero già dare una risposta, un sussurro meditativo suggerito dalla pensosità del testo?

Sì assolutamente, non avrei potuto scegliere meglio i musicisti di questo progetto. La loro poetica, la loro esperienza, sono stati veramente fondamentali. E poi, sai quando pensavo alla scelta dei musicisti, al progetto musicale, non mi veniva in mente una ritmica, batteria e basso, proprio per il rischio che, per farlo diventare diciamo un progetto "jazz", diventasse un po' uno swing cantato in italiano, che avrebbe falsato tantissimo il mio modo di esprimere queste canzoni. Sellani con le sue magiche scelte armoniche, e Piana, con i poetici ricami del trombone, hanno fatto da sfondo perfetto alla mia voce e alle mie emozioni.

Il "commento" di Piana è stato "concordato" o è frutto di vera improvvisazione?

Ovviamente in sede di prova, erano stati decisi dei momenti dove l'intervento di Piana sarebbe stato più opportuno, non il come, quello è stato estemporaneo. Come anche erano stati decisi i brani in duo. Quello mio in duo con Piana, per esempio, "In un caffè", che amo molto, solo voce e trombone, o "Ti lascio una canzone", "Senza fine", in duo con Sellani.

Cosa ricordi dell'interplay che, indubbiamente, si evince dalla vostra performance?

Be' la musica parla chiaro, si è creato indubbiamente un forte impatto emotivo e di grossa presenza, che ha fatto in modo che tutto avvenisse in profondità.

Quanto mai interessante la rilettura di certe canzoni meno note di Paoli, "Me in tutto il mondo", "Come fosse normale", brani meno celebrati ed in realtà intensi sia dal lato testuale che musicale, fra l'altro in qualche modo quasi jazzistici per la potenzialità che offre il pentagramma per una rivisitazione secondo la sintassi delle blue notes. Qual è in tal senso la tua opinione?

Assolutamente sì, quasi mi leggi nel pensiero!!! Alcune canzoni di Paoli, non hanno nulla da invidiare a standard famosi del più noto songbook americano. "Me in tutto il mondo", non è che quasi la traduzione del famoso "If you could see me now". "Come fosse normale", potrebbe essere avvicinato ad una bossa alla Jobim....e una che amo molto, "Un amore di seconda mano", ricorda molto, sia per la narrazione, che per il fraseggio, come anche tu dicevi, la sintassi del blues.

Bene, il tema è l'amore nelle sue varie sfumature: in tal senso mi sembra che la tua interpretazione sia "discreta", talora quasi "silenziosa", per pudore…insomma il testo lo canti con una certa delicatezza, così come nel tono poetico cercato più volte da Paoli: e questo sì che è "blues"…

Ma, non penso che il tema sia l'amore, almeno inteso in senso troppo romantico. Forse più inteso come rapporto, come dialettica. Come ti dicevo, ho pensato più ad una interpretazione sofferta, malinconica, che sì, si avvicina al blues.

Un po' tutto Paoli nel cd....poi, alla fine, bellissima, la tua interpretazione di "Ti lascio una canzone": quanto di tuo in questo brano? Ho la sensazione che il tuo tempo interiore si dilati, e le tue emozioni divengano ancora più forti sia nel fraseggio che nella sottolineatura cromatica di alcuni versi. E' solo una mia sensazione?

"Ti lascio una canzone" è stato per me un vero miracolo creativo!!! Non so neanche io, come sia potuto accadere, che forse, la canzone che più temevo di non riuscire a interpretare, sia diventata la più bella. Be' qui il merito è di Sellani, le cose belle accadono sempre in rapporto con qualcuno, e devo dire che l'intesa che si è sviluppata tra noi, qui siamo in duo, e' stata veramente magica. La sensazione è stata proprio di una totale immersione!! Qualsiasi idea musicale o di fraseggio o di variazione melodica io avessi, Sellani la raccoglieva e la sviluppava, la valorizzava. Calcolando che è un live, è accaduto qualcosa di magico!! La canzone che temevo fosse la più vicina al pop, è diventata un piccolo capolavoro jazz!! Forse perchè era l'ultima, forse perchè salutavo il pubblico, devo dire molto attento e partecipe, sì ero molto emozionata!! Mi fa piacere che si senta questo!!

Domanda quasi obbligata: consideri questa esperienza conclusa o è solo l'inizio di un progetto?

Be' questo progetto è andato in porto, lo stiamo ovviamente proponendo dal vivo, sto promuovendo il CD. Poi si pensa subito oltre, a nuove esperienze, nuove sfide. Indubbiamente, questo esperimento sulla canzone italiana, di cui sono contenta, può essere continuato, con nuove idee, perchè no, aspetto sempre nuove ispirazioni!!

Che dobbiamo aspettarci dal futuro di Marilena?

Se si sapesse il futuro!!!! Ma posso solo dirti che cerco sempre di fare ciò che mi piace, che mi ispira profondamente, che mi da qualcosa di grosso, e in cui mi riconosco pienamente…. Non accade sempre… e quindi attendo che qualcosa mi rimetta in moto questa spinta interna. Ho un nuovo progetto col chitarrista classico-conteporaneo Arturo Tallini, un progetto sperimentale, di confine, si chiama "Intuendo: Trasformazioni per voce e chitarra", completamente diverso da quello che hai ascoltato!! Questo per ora è il nuovo per me!!

Perché' " Pensiero"?

Pensiero inteso come "Pensare"… Ciao e grazie!!!

Grazie a te, e a presto!

Fabrizio Ciccarelli per Jazzitalia






Articoli correlati:
27/11/2016

Jazz inchiesta: Italia - Il Jazz negli anni '70 (Enrico Cogno)- Gianni Montano

04/10/2015

Intervista a Matteo Brancaleoni : "...ho fatto il mio primo disco con Renato Sellani di cui ho un ricordo splendido, quando penso a lui mi viene molta malinconia ma allo stesso tempo mi viene un sorriso perchè era un amante della musica e della vita." (Laura Scoteroni)

03/02/2014

Seven (Dino e Franco Piana Septet)- Andrea Gaggero

03/02/2014

The Cave - Dialogues Between Echoes Of Stone (Marilena Paradisi - Ivan Macera)- Nina Molica Franco

03/11/2013

Il Bidone (Gianluca Petrella)- Alceste Ayroldi

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

15/07/2012

Come dirti (Marilena Paradisi)- Roberto Biasco

29/05/2011

Jula in Concert - Jula De Palma live al Teatro Sistina di Roma (Jula De Palma)- Pietro Scaramuzzo

24/04/2011

Tandem (Marco Poggiolesi, Ferdinando Romano) - Cinzia Guidetti

01/11/2010

Rainbow Inside (Marilena Paradisi - Arturo Tallini) - Roberto Biasco

27/06/2010

Presentazione del libro di Adriano Mazzoletti "Il Jazz in Italia vol. 2: dallo swing agli anni sessanta": "...due tomi di circa 2500 pagine, 2000 nomi citati e circa 300 pagine di discografia, un'autentica Bibbia del jazz. Gli amanti del jazz come Adriano Mazzoletti sono più unici che rari nel nostro panorama musicale. Un artista, anche più che giornalista, dedito per tutta la sua vita a collezionare, archiviare, studiare, accumulare una quantità impressionante di produzioni musicali, documenti, testimonianze, aneddoti sul jazz italiano dal momento in cui le blue notes hanno cominciato a diffondersi nella penisola al tramonto della seconda guerra mondiale" (F. Ciccarelli e A. Valiante)

06/06/2010

Non Sono io (Musiche di Luigi Tenco) (Tiziana Ghiglioni)- Gianni B. Montano

24/04/2010

Steppin' Out (Idea 6)- Luca Civelli

24/04/2010

Miriam (Gianfranco Menzella Quintet)- Rosanna Perrone

12/04/2010

Il progetto "Jazz in The Air" del Marilena Paradisi Quartet all'Alaexanderplatz di Roma: "L'omaggio al jazz d'autore viene rivisitato in modo originale e secondo arrangiamenti personali e di moderno sentire, un'attenta rilettura di standards..." (Fabrizio Ciccarelli)

05/04/2010

Every Song (Alice Claire Ranieri Quartet) - Laura Mancini

31/12/2009

Intervista a Marilena Paradisi: "...per me l'arte non può essere mero intrattenimento...per me arte è trasformazione. Cioè arte che contiene in se' un semino, un contenuto profondo tra le righe, che induce a pensare, che mette anche in crisi, e quindi spinge verso un cambiamento..." (Fabrizio Ciccarelli)

19/10/2009

Non solo parole confuse (Tiziana Bacchetta) - Alceste Ayroldi

26/09/2009

Reflection(s) On Monk (Norberto Tamburrino) - Luca Labrini

12/09/2009

Debandade (Bettina Corradini Jazzen Group) - Alceste Ayroldi

06/09/2009

A New Trip (Francesco Cafiso "Island Blue Quartet") - Alceste Ayroldi

25/08/2009

Blue night (Guido Di Leone) - Giuseppe Andrea Liberti

09/08/2009

My Shining Hour (Cinzia Roncelli) - Alceste Ayroldi

30/06/2009

Let's move on (Venanzio Venditti) - Augusto Pallocca

28/06/2009

Magique (Hot Tune) - Roberto Biasco

20/06/2009

Light (The Giovanni Mazzarino New Quintet)

06/06/2009

Orfeu Negro (Effetto Musica Ensemble Incontra Claudia Marss)

15/03/2009

Live at JazzBo 90 (Rava, Urbani, D'Andrea, Tommaso, Romano)

14/03/2009

Italian Songs (Flora Faja)

25/08/2008

Renato Sellani e Danilo Rea ad Elba Jazz: "...una serata di musica incantevole. Da gustare per il puro piacere di ascoltare belle melodie, trasformate con sapienza ed adagiate su uno swing morbido. Intrattenimento di altissimo livello, fruibile da un pubblico vasto..." (Marco Buttafuoco)

22/05/2008

Starry Eyed Again (Chet On Our Minds) (Michela Lombardi – Riccardo Arrighini Trio)

12/04/2008

Choros Cariocas (Irio De Paula)

11/04/2008

O Tom Brasileiro (Luiz Lima)

23/02/2008

Hustle And Bustle (Marco Contardi Quartet)

27/01/2008

Matteo Brancaleoni al Blue Note: "Una delle cose più importanti per me è "sentirsi nel brano" rispecchiarsi, trovare una propria chiave di lettura nell'interpretazione essendo onesti con sé stessi e con il pubblico." (Eva Simontacchi)

03/01/2008

Umbria Jazz Winter #15, l'anno del Jazz Made in Italy: "Oltre 60 concerti a pagamento e circa 50 ad ingresso libero, 12 mila le presenze paganti, 165 mila euro gli incassi ai botteghini, 65 mila le presenze complessive, 180 artisti, 80 persone di staff, 25 tecnici, 50 unità di servizio e 210 le persone direttamente impegnate nella organizzazione del festival..." (Marcello Migliosi)

23/12/2007

Palavras de Amor (Effetto Musica Ensemble e Claudia Marss)

02/11/2007

Change the World (Alice Claire Ranieri Quartet)

01/07/2007

Encontro (on Jobim) (Phil Woods - Irio De Paula)

09/05/2007

Told Notes (Alberto Iovene)

07/04/2007

Sozinho Ao Vivo (Irio De Paula)

18/03/2007

Just Smile (Matteo Brancaleoni with Renato Sellani)

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

04/01/2007

Un esclusivo reportage attraverso i festival piemontesi: "E' possibile percorrere centinaia di chilometri e ascoltare note di jazz senza uscire da una sola regione del nostro paese: Il Piemonte. Attraverso piccole città, paesi che sono ricordati solo per essere parte di una periferia, paesi che fanno parte di province troppo vaste per essere nominati singolarmente, si può vivere un viaggio a tappe, piacevolmente forzate, per rispondere ad un urgenza: il jazz." (Alessandro Armando)

31/10/2006

Moon, stars and nights (Chrissie Carpenter Oppedisano)

04/08/2006

Rosa Emilia e Renato Sellani: "...due anime divise da tutto e unite dal sacro fuoco dell'arte musicale. Generazioni diverse, radici diverse, percorsi diversi..." (Antonio Forni)

03/08/2006

Free Three (Giulio Stracciati)

09/06/2006

Renato Sellani e Matteo Brancaleoni omaggiano The Voice: "Un concerto incantevole e coinvolgente, dove si è respirata un'atmosfera veramente speciale, di quelle che si creano solo in poche occasioni." (Franco Valentini)

15/05/2006

Import Export (Larry Franco Quartet)

22/04/2006

Almeno tu... (Fovèa Jazz Project)

06/02/2006

Franco Cerri: ottant'anni suonati!! Teatro Arcimboldi, Milano - 28 gennaio 2006 (Giorgio Alto)

04/01/2006

Intervista a Marilena Paradisi: "...se la ricerca si sposta un po' di più sulla ricerca artistica...allora non si può che seguire la propria immagine, la propria identità, con coerenza e senza compromessi...per me la musica è arte..." (Alceste Ayroldi)

18/12/2005

Italian Jazz Ensemble (Italian Jazz Ensemble)

03/09/2005

Makin Whoopee - Stormy Weather (Andrea Pozza)

28/08/2005

A Night in Vienna (Nuevo Tango Ensamble)

21/06/2005

Threni (Pericle Odierna Quartet)

10/06/2005

Intimate Conversation (Marilena Paradisi - Piero Leveratto)

27/03/2005

WB3 (Walter Beltrami Trio)

22/02/2005

Four for Jazz (I. De Paula - F. Bosso - M. Moriconi - M. Manzi)

21/02/2005

Recado (Irio De Paula - Gianni Basso)

20/02/2005

Lembrando Wes Montgomery (Irio De Paula)

27/12/2004

Galleria del Corso (Renato Sellani - Gianni Coscia)

17/10/2004

BargaLee (Orchestra BargaJazz & Lee Konitz)

16/10/2004

Small Day Tomorrow (Michela Lombardi)

13/09/2004

Introducing...Larry Franco, Jazz Singer! (Larry Franco)

19/07/2004

Duetando (Irio De Paula)

17/07/2004

Renato Sellani e Danilo Rea a Cattolica per in duo inedito: "Da quella straordinaria coppia apparentemente seduta a un unico, lunghissimo pianoforte con due tastiere, trasudava qualcosa di grande e il pubblico partecipava sempre più." (Enrico Mariani)

23/04/2004

In anteprima, il nuovo CD di Nicola Mingo 'Power Guitar' pubblicato per la Philology con Antonio Faraò, Dario Rosciglione, Michael Rosciglione e Gegè Munari.

13/03/2004

Once I Loved (Irio De Paula - Fabrizio Bosso)

22/01/2004

Realidade Real (Luiz Lima)

14/11/2003

Intervista a Marilena Paradisi. La sua voce ha già incantato la critica specializzata francese e statunitense: in questa intervista Marilena Paradisi ci racconta le idee e le passioni che nutrono il suo primo album, "I'll never be the same", e i suoi prossimi progetti. (Federica Papoff)

21/10/2003

Intervista a Renato Sellani: "...la musica per me è rimasta un hobby non una vera professione perchè la musica mi stanca...cerco di farla in un modo piuttosto preciso secondo il mio carattere che è troppo sensibile...". (Ernesto Losavio)

02/09/2003

Marilena Paradisi in tour a New York con Scott Reeves





Video:
Enrico Rava Quintet Standards "I'll Close My Eyes" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "I'll Close My Eyes" (Buddy Kaye / Billy Reid) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de&#...
inserito il 16/12/2010  da - visualizzazioni: 3551
Enrico Rava Quintet Standards "Autumn Leaves" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Autumn Leaves" (Joseph Kosma) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnr...
inserito il 15/12/2010  da - visualizzazioni: 3489
Enrico Rava Quintet Standards "Doxy" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Doxy (Sonny Rollins) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico Rava trumpet,Din...
inserito il 05/12/2010  da - visualizzazioni: 3507
Enrico Rava Quintet Standards "Scrapple From The Apple" - Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Scrapple From The Apple (C. Parker) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico R...
inserito il 04/12/2010  da - visualizzazioni: 3584
Enrico Rava Quintet Standards "Poinciana" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Poinciana" (Nat Simon - Buddy Bernier) excerpt, brano popolare, conosciuto in molte versioni, tra le indim...
inserito il 03/12/2010  da - visualizzazioni: 3430
The Sinner - Marcello Rosa, Dino Piana e Luca Begonia.MPG
...
inserito il 30/05/2010  da MAVICH81 - visualizzazioni: 3198
Renato Sellani,Tiziani Ghiglioni,Lucio Turco,Renato Gattone
Renato Sellani - Tiziana Ghiglioni Ispani Jazz Festival 2008Renato Sellani,pianoforteTiziana Ghiglioni,voceLucio Turco,batteriaRenato Gattone,contrabb...
inserito il 17/10/2009  da ciabbott - visualizzazioni: 2978
Bruno De Filippi STARDUST
Bruno De Filippi Guitar, Renato Sellani Piano, Paolino Dalla Porta Basso, Pietro Sala Batteria, , LIVE IN MILANO 1985...
inserito il 16/01/2008  da mariopela - visualizzazioni: 2912


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 7.154 volte
Data pubblicazione: 04/02/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti