Jazzitalia - Recensioni - Michele Francesconi: Pianoforte complementare in stile pop jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ventisettesima Edizione per l'EFG London Jazz Festival, unanimemente riconosciuto come uno degli eventi più sfavillanti all'interno dell'offerta culturale della capitale inglese.

Sessantesimo anniversario del Bologna Jazz Festival, sui palchi e nei club anche di Modena e Ferrara, con un ricco programma e molti eventi didattici, culturali .

Chick Corea, John Scofield, Joe Lovano, Enrico Rava, Pat Martino tra i nomi di spicco del Padova Jazz Festival che si terrà dal 13 ottobre al 24 novembre.

Esce il 19 ottobre "La Fenice", registrazione del concerto che Keith Jarrett ha tenuto a Venezia nel luglio 2006.

Robert Vignola da Trivigno a Hollywood e ritorno con la musica di Zerorchestra: l'anteprima mondiale di "Beauty's Worth" è stato un autentico trionfo..

Brda Contemporary Music Festival: festival dedicato alla musica creativa e d'improvvisazione vede la sua ottava edizione tornare a Smartno, con la dir. artistica di Zlatko Kaučič.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)


Michele Francesconi

"Pianoforte complementare in stile pop jazz"

Quali sono stati gli elementi che ti hanno spinto a scrivere questo metodo?
Direi la necessità di dare una schematizzazione alla didattica, per quanto lo studio del jazz e della popular music debbano necessariamente seguire dei percorsi dettati dalla creatività. C'è da dire però che, oltre a chi suona per diletto, anche molti studenti dei corsi superiori dei conservatori mostrano notevoli lacune nella grammatica di base, per cui ho pensato che un libro di questo tipo potesse aiutarli a comprendere meglio alcuni elementi per accompagnarsi al pianoforte.

Quali sono gli aspetti che hai ritenuto di trattare in modo principale?
Il sistema che ho sviluppato si ispira a due criteri principali. In primo luogo, la praticità: l'intero metodo nasce dall'esperienza con gli studenti e risponde alle loro esigenze, ai loro problemi sullo strumento. In secondo luogo, ho cercato di renderlo il più sintetico possibile, perché credo che la sintesi sia una delle risorse più preziose da sfruttare nei processi di apprendimento. Queste considerazioni mi hanno portato a dare al libro un taglio il più possibile concreto e schematico e a concepirlo con un approccio da accompagnatore - arrangiatore (da qui trae il titolo – pianoforte complementare) per distinguerlo da un tipo di studio, vastissimo, che prenderebbe in esame la sfera gestuale legata all'improvvisazione. Il repertorio preso in esame si concentra esclusivamente sull'accompagnamento basilare delle pop- ballad e sull'armonizzazione delle song, terreno nel quale è possibile elaborare la materia armonica in maniera anche molto complessa.

Nel metodo vi sono due brevetti. Ce ne vuoi parlare?
Si tratta di due piccoli accorgimenti utili per lo studio. Il concetto di "nota perno" è uno schema applicativo per disporre gli accordi in modo coerente con la melodia del brano che si sta suonando; il secondo, invece, è un metodo di scrittura che permette di appuntarsi un voicing su una lead sheet facendo uso di lettere per scrivere le note suonate con la mano sinistra.

Quanto l'aspetto visivo delle posizioni e delle combinazioni di tasti è ritenuto importante?
I disegni della tastiera che si trovano all'inizio servono più che altro per imparare l'impostazione iniziale delle triadi e delle quadriadi. In una fase successiva si ritiene che lo studente possa a poco a poco sviluppare delle basi minime di lettura e coordinazione per affrontare l'armonizzazione dei brani.

Il libro è rivolto anche ai musicisti classici. Cosa può concretamente ottenere un pianista classico dallo studio di questo metodo?
Sicuramente i mezzi per codificare il siglato e iniziare a sganciarsi dalla partitura. Nel jazz o nel pop la scrittura della musica è più un mezzo che un fine, perché il risultato finale lo si ottiene solo con l'orecchio, non avendo niente di definitivo da eseguire in maniera prescrittiva.

Pensi possa adottarsi anche nei conservatori?
Mi auguro di si. Io tuttora insegno in tre conservatori e i miei studenti lo usano.

C'è un programma di divulgazione previsto?
Durante la promozione con l'editore Volontè abbiamo spedito il manuale a molti colleghi, e, nel caso lo trovassero utile, potrebbero adottarlo, o quantomeno segnalarlo.

Pensi ad un possibile seguito per una seconda edizione?
Credo che la mia avventura editoriale si debba fermare qui. Questo libro è comunque il frutto del lavoro di oltre vent'anni come docente e, dal mio punto di vista, per quanto possa essere ampio l'argomento, è un discorso concluso, e spero coerente con l'impostazione che mi ero prefissato. In futuro vorrei dedicarmi ai miei progetti artistici, anche se personalmente non ho mai ritenuto la didattica come qualcosa di disgiunto da un percorso di ricerca, anzi, spesso attraverso gli allievi ho imparato delle cose... queste parole però non le ho dette io, ma un signore molto più importante di me in un manuale del 1911.

Marco Losavio per Jazzitalia





Articoli correlati:
15/09/2018

LEZIONI (Articoli): (Autori Vari)

09/11/2014

My Soul (Leo Pianoforte)- Alceste Ayroldi

06/04/2014

Cristina Zavalloni e Radar Band: "Cristina Zavalloni ha la capacità di elaborare continuamente nuove concessioni alla creatività, compone musica, scrive testi e canta in varie lingue. Sul palco si muove con grande naturalezza esplorando il movimento corporeo in una gestualità che segue l'ispirazione del testo..." (Viviana Falcioni)

12/01/2009

Quintorigo Play Mingus (Quintorigo)

15/08/2008

Recital Trio (Recital Trio)





Video:
TST Funk - Beppe Di Benedetto 5tet
Beppe Di Benedetto 5tet - Tst Funk - Music by Beppe Di BenedettoBeppe Di Benedetto - TromboneEmiliano Vernizzi - Tenor SaxophoneLuca Savazzi - PianoSt...
inserito il 23/11/2011  da beppedibenedetto5tet - visualizzazioni: 3546
Finger Breaker (J. R. Morton) - Luca Filastro (HD Video)
Piano: Luca Filastro (18 anni)Riprese: Giorgio Congiusta (18 anni)...
inserito il 05/12/2010  da mrxarcimboldo - visualizzazioni: 3433
HonkY Tonk Train Blues - Luca Filastro (HD Video)
Pianoforte: Luca Filastro + cd (versione di Emerson)Riprese: Giorgio Congiusta...
inserito il 03/12/2010  da mrxarcimboldo - visualizzazioni: 3393
" Dialogues With Standards " Michelangelo Decorato Pianoforte - Tommaso Vivaldi Sax Alto
Presentazione presso Chiostro Conservatorio G.Verdi di Milano 26 Agosto 2010Maggiori Info: www.TommasoVivaldi.com...
inserito il 26/10/2010  da TommasoVivaldi - visualizzazioni: 3576
Bill Evans: tutta la musica in un 'tocco'
...
inserito il 15/02/2010  da azionecreativa - visualizzazioni: 3283
Oscar Peterson - On The Sunny Side Of The Street
Omaggio all'indimenticabile poeta del pianoforte....
inserito il 25/08/2009  da CA121164 - visualizzazioni: 2377
C.Corea & G.Rubalcaba Duet - scenes, shadows and particles
Recorded at the Blue Note, NYC...
inserito il 05/06/2007  da andreaspaziale - visualizzazioni: 1980


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.207 volte
Data pubblicazione: 01/11/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti