Jazzitalia - Recensioni - Diego Fisherman, Abel Gilbert: Piazzolla la biografia
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Peppino di Capri: da Roberta a Champagne in Jazz. Si chiude la XVI edizione del Multiculturita Summer Jazz con l'esclusivo concerto di uno tra i più conosciuti cantanti italiani nel mondo con al fianco tre eccellenti jazzisti..

XVIII Edizione per il Beat Onto Jazz Festival: 8 concerti sotto il tema "Le vie del jazz", che mirano a declinare l'ampio vocabolario dell'idioma jazzistico e chiusura con gli Yellowjackets.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Gianicolo in Jazz 2018: Una location straordinaria, la terrazza più esclusiva e famosa di Roma per una rassegna estiva con la direzione artistica di Roberto Gatto.

XV Edizione di Gezmataz Festival & Workshop che ha come tema "La Voce", filo conduttore di tutti gli eventi della rassegna

Tour americano di Fabrizio Bosso con il suo quartetto, da Chicago a New York, passando per Greensboro e Washington.

Mast Bari organizza un workshop di Legislazione musicale e dello spettacolo con Alceste Ayroldi.

Serata all'insegna del groove per la rassegna Special Guest. Di scena il Soul Train R-Evolution di Michele Papadia con Fabrizio Bosso & Serena Brancale.

Siae & Co.: workshop di Alceste Ayroldi che illustra le leggi fondamentali del settore musicale e dello spettacolo.

Cammariere, Paoli e Rea, Chano Dominguez e il progetto Hudson di Jack Dejohnette &, John Scofield per la 29ma edizione di Notti di Stelle, il festival jazz della Camerata Musicale Barese.

Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Serena Brancale, Javier Girotto e Martin Bruhn per la II edizione del Festival Special Guest nato dalla collaborazione tra il Teatro Eliseo e il Saint Louis College of Music.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AUTINO Adriano (chitarra)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)


Diego Fisherman, Abel Gilbert

Piazzolla la biografia
Minimum Fax 2012, pag416, 19 Euro

A distanza di vent'anni dalla morte di Astor Piazzolla, la Minimum Fax ha pubblicato in italiano questo splendido, imperdibile, libro uscito in Argentina nel 2009. Si tratta di un'accuratissima biografia artistica del grande musicista la cui vicenda viene ricostruita minuziosamente e inquadrata in quella più generale della musica e della cultura del Novecento; in altre parole del secolo che ha eroso e forse abbattuto definitivamente ogni barriera fra musica colta e popolare.

Impossibile dire in poche righe la vastità degli spunti che il libro suggerisce. In sostanza ogni pagina meriterebbe un approfondimento. In questa sede ci si limiterà a segnalare alcune riflessioni molto originali sui rapporti fra il bandoneonista di Mar del Plata e la musica afroamericana.

Piazzolla trascorse parte dell'infanzia e della giovinezza a New York, dove la famiglia si era trasferita dall'Argentina in cerca di migliori fortune. Il piccolo Astor assorbì come una spugna tutte le suggestioni musicali della Big Apple: il jazz delle origini (adorava Cab Calloway), la musica religiosa nera, i canti della sinagoga. Su questo dato Fisherman e Gilbert instaurano un paragone molto interessante fra lui e George Gershwin. Piazzolla, tornò a New York nel 1959, nell'epoca dell'apogeo di Miles, di Bill Evans e Charles Mingus, ma anche di Dave Brubeck e Gerry Mulligan. Secondo gli autori la scelta di dare vita al primo grande quintetto (Tango Nuevo) che Piazzolla fondò al suo rientro a Baires, fu dettata anche dall'ascolto dei dischi di questi grandi che, semplificando al massimo, avevano reso definitivamente arte una musica di origini popolari.
Ancora: è vero che la musica dell'argentino fu sempre e rigorosamente scritta e che dava uno spazio quasi irrilevante all'improvvisazione. E'altresì vero che nella sua arte il dato interpretativo è fondamentale. D'altronde, come scrivono gli autori (pag. 393), "nelle musiche di tradizione popolare l'interpretazione è l'opera stessa."
Certo, quando si ritrovò a suonare con Gerry Mulligan nella celebre sessione italiana del 1974 i due non si capirono. Piazzolla voleva che il baritonista seguisse alla lettera lo spartito che aveva davanti. Gerry rispose che se aveva bisogno di un lettore il suo era l'indirizzo sbagliato.
Sull'ultima parte della carriera di Piazzolla, quella legata ai dischi incisi in Italia e segnata dal grande successo internazionale, Fisherman e Gilbert sono piuttosto severi. Secondo loro dall'opera "Maria di Buenos Aires" in poi siamo davanti ad un troppo precoce riciclaggio di quanto prodotto prima. I brani più famosi dell'ultimo periodo altro non sarebbero che rielaborazioni della armonie di "Adios Nonino". Il celebre "Libertango" e l'altrettanto famosa "Oblivion" non hanno nemmeno l'onore di un paragrafo. Questo anche se vengono riconosciuti i grandi meriti d'improvvisazione, dell'ultimo quintetto.
Come dimostra il titolo spagnolo del volume (Piazzolla el mal entendido) il grande bandoneonista viene visto come un meraviglioso equivoco: non fu musicista classico né un interprete di tango. Fu invece un artista di frontiera (interessante il suo rapporto con il rock ed in particolare con la musica di Keith Emerson), tempestoso e contraddittorio come il secolo in cui nacque e visse.
Marco Buttafuoco








Articoli correlati:
06/02/2010

To be or not to bop. L'autobiografia. (Dizzy Gillespie con Alfred Fraser)- Franco Bergoglio

08/03/2009

Tango Mediterraneo (Nuevo Tango Ensamble)

08/03/2009

Latitango (Giuliana Soscia & Pino Jodice, Italian Tango Quartet)

21/02/2005

I Nuevo Tango Ensamble al Uèffilo di Gioia del Colle: "...La carica travolgente di energia del trio ha saputo sorprendere l'ascoltatore attraverso zigzaganti percorsi improvvisativi, ma senza cercare scorciatoie. I temi, gli stili e le contaminazioni del tango sono stati rispettati in tutto il loro ancestrale intrecciarsi..." (Alceste Ayroldi)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.152 volte
Data pubblicazione: 14/08/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti