Jazzitalia - Recensioni - Pino Ninfa: Racconti jazz. Incontri fotografici in 7/8
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Max Ionata Three One per la rassegna Boogie Jazz Season presso il BOOGIE CLUB di Roma.

Per i dieci Anni di Milleunanota arriva la cantante brasiliana Rosàlia De Souza.

Dolomiti Ski Jazz 2019. 22° Edizione, dal 9 al 17 marzo 2019: concerti su misura per… sciatori. Il Dolomiti Ski Jazz è un incrocio di passioni: quelle per gli sport invernali, per la black music, per la natura alpina.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)

Pino Ninfa
Racconti jazz. Incontri fotografici in 7/8

Roma, Postcart, 2017 (Postwords, 26)

Chiunque sia in qualche modo vicino al jazz, per qualunque ragione, musicista, giornalista, appassionato o addetto ai lavori troverà in questo agile volumetto di Pino Ninfa i segni di una fascinazione antica che ci cattura tutti, senza alcuna distinzione. Una fascinazione che nasce dalla consapevolezza che la musica che chiamiamo jazz, sempre più internazionale, sempre più patrimonio dell'intera umanità, non è solo un fatto artistico, ma è anche una cultura, un modo di vivere e di relazionarsi.

Pino Ninfa è uno tra i fotografi italiani più noti nell'ambiente jazzistico, è stato fotografo ufficiale del Blue Note milanese, di Umbria Jazz e di innumerevoli altri festival. La sua esperienza di fotografo, che non si limita al jazz, si estende a progetti ambientalisti e antropologici condotti in Africa e in Amazzonia, e anche in India, Nepal, Haiti. Spesso Ninfa ama interagire con i jazzisti, lasciando loro il compito di commentare con la musica i temi e le suggestioni, spesso toccanti e profonde, che la proiezione delle sue fotografie provoca nel pubblico.

Ma questo libro è interamente dedicato al jazz, e ad alcuni degli innumerevoli momenti di cui Ninfa è stato protagonista dietro il suo obiettivo. E dal jazz Ninfa ha mutuato la capacità di improvvisare con la fotocamera, cogliendo attimi, cercando ispirazione, catturando espressioni. Qui ha accompagnato le immagini, tutte rigorosamente in bianco e nero, alcune a doppia pagina, con brevi testi esplicativi che aprono spazi di riflessione sulla sua concezione estetica, o semplicemente contestualizzano le immagini nel tempo e nello spazio. Da molte delle fotografie e dai testi risulta evidente ciò che scrivevo all'inizio, la fascinazione, la passione che coinvolge, che si trasmette, specie a chi ha vissuto alcuni di quei momenti, il soundcheck, il backstage, il palco, gli strumenti, l'atmosfera nei club, le piazze, il pubblico, e le tante sfumature che il mondo del jazz sa offrire a chi ha avuto la fortuna di innamorarsene.

Stavo accingendomi a elencare le foto che preferisco fra quelle contenute nel volume, ma mi accorgo che dovrei elencarle quasi tutte, da quelle che mostrano con chiarezza il volto del musicista a quelle che colgono particolari o atmosfere. E allora mi limito a citarne una, Spettatrice al Torino Jazz Festival, 2015, che potrebbe benissimo ritrarre una spettatrice newyorkese rapita dal jazz nel periodo della beat generation.

La prefazione del volume è affidata a tre brevi ma profondi pensieri su fotografia e tempo affidati alla penna di Enrico Pieranunzi.

Vincenzo Fugaldi per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 857 volte
Data pubblicazione: 19/11/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti