Jazzitalia - Recensioni - Pipeline 3-5-8: Flatus, Crocus, Prayer
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Il leggendario chitarrista Kenny Burrel in gravi difficoltà di salute e finanziare. Lettera della moglie per poterlo aiutare!.

Ecco la segnalazione di tutti i pezzi mancati dalla prestigiosa Collezione Attilio Berni a seguito del furto subito lo scorso 20 aprile 2019. Diamo un contributo al ritrovamento..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            RAVERA Leo (piano)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Pipeline 3-5-8
Flatus, Crocus, Prayer



We Insist! (2018)


Flatus
1. Truncus
2. Crocus
3. Flatus
4. Rivulus
5. Lucius
6. Tropus#1
7. Trochus
8. Coquus


Crocus
1. Carabus
2. Potus
3. Coquus
4. Rivulus
5. Fluvius
6. Crocus
7. Truncus
8. Tropus#1
9. Calamus


Prayer
Steve Lacy's compositions played by pipeline 8

1. I Do not Believe
2. Traces
3. Joy
4. Prayer
5. The Rent
6. A Lacy Sunday
7. (around blinks) trickles



Pipeline 3
Giancarlo Nino Locatelli - clarinetto basso, percussioni
Gianmaria Aprile - chitarra, pedali, effetti, percussioni
Simone Fratti - contrabbasso, kalimba,musical saw, percussioni

Pipeline 5
Giancarlo Nino Locatelli - clarinetto basso, percussioni
Gianmaria Aprile - chitarra, pedali, effetti, percussioni
Simone Fratti - contrabbasso, kalimba,musical saw, percussioni
Tito Mangialajo Rantzer - contrabbasso
Sergio Prada - chitarra, oggetti

Pipeline 8
Giancarlo Nino Locatelli - clarinetto basso, percussioni
Gabriele Mitelli - pocket trumpet, genis, percussioni
Sebastiano Tramontana - trombone
Alberto Braida - piano
Gianmaria Aprile - chitarra
Luca Tilli - violoncello
Andrea Grossi - contrabbasso
Cristiano Calcagnile - batteria, percussioni


La label italiana We insist! debutta nel 2018 con alcuni dischi orientati in direzione della musica di ricerca e d'avanguardia. In specie sono documentate le esperienze del gruppo di composizione variabile, dai tre agli otto elementi, "Pipeline". Il leader del progetto è Giancarlo Nino Locatelli, multistrumentista e autore noto per i suoi incroci con personaggi come Steve Lacy, Peter Kowald o, limitatamente al nostro paese, con Massimo Falascone e Cristiano Calcagnile fra gli altri. Nel primo disco doppio, "Us Pipeline", come si legge nelle note di copertina, Locatelli abbandona la pratica abituale dell'improvvisazione assoluta per realizzare un qualcosa di programmato a priori. Ai partners non vengono consegnate, però, partiture scritte, bensì sono fatti ascoltare i temi scelti per l'incisione nell'esecuzione del clarinetto basso e da lì gli stessi musicisti devono muovere per articolare un discorso in sintonia, in convergenza o in contrasto con quanto recepito.

In "Flatus" il clarone enuncia motivi piuttosto semplici, poi ci gira attorno ripetendoli o divagando con accorte microvariazioni, per ritornarci sopra e scavarci dentro. Il contrabbasso e la chitarra, invece, lavorano principalmente sull'aspetto timbrico, stendono macchie di colore rispondendo alle sollecitazioni tematiche dello strumento a fiato, oppure danno vita ad un accompagnamento sui generis, zigzagante e divergente. Alla fine tutto quaglia, in virtù della capacità del trio di ascoltare e di ascoltarsi e dell'abitudine comune a camminare sul filo del rasoio della composizione istantanea in maniera disinvolta.

"Crocus" non differisce molto dal cd precedente nella sostanza. In questo caso è protagonista un quintetto, con il raddoppio delle chitarre e dei contrabbassi. A Gianmaria Aprile e Simone Fratti si uniscono, infatti, Sergio Prada e Tito Mangialajo Rantzer. Attraverso questo organico allargato Locatelli riesce a produrre una musica pregna di effetti, di artifici timbrici, marcata ritmicamente e jazzistica nel suo retroterra. Colpiscono in particolare il suono secco e metallico della sei corde di Aprile e Prada, con strappate sghembe, decise e l'accavallarsi del fraseggio dei due bassi estremamente efficace per edificare un fondale in perenne sommovimento. Il clarinetto basso, oltre a cantare le melodie scure ed oblique, si inerpica su note acute e stridenti, atterra su suoni storti e irregolari in un florilegio tecnico aperto ad ogni rischio espressivo.

"Pipeline 8: Prayer" è, ad ogni modo, la perla di questa triade. L'album è dedicato al songbook di Steve Lacy e vede all'opera un ottetto dove compaiono nomi di rilievo nel campo dell'avant jazz italiano. Sono della partita Gabriele Mitelli, Sebi Tramontana, Alberto Braida, Cristiano Calcagnile, Luca Tilli, oltre al fedele Gianmaria Aprile e al bassista Andrea Grossi, un giovane talento su cui puntare ad occhi chiusi in prospettiva futura.

L'universo lacyano viene esplorato e interpretato partendo da idee melodiche provviste di una struttura elementare per costruire sviluppi ben più insidiosi e complessi. L'ardito vociferare polifonico dei fiati, inoltre, rimanda allo stile di New Orleans, ma si fa presto a scoprire dietro l'angolo sequenze free della più bella acqua. In altri pezzi si riscontrano tracce di blues e parentesi di un bop tiratissimo. Per completare il quadro ci sono due brani, "Joy" e "Prayer", dal respiro solenne e spirituale. Insomma il maestro indiscusso del sax soprano viene ripresentato con l'abito della festa, quello dell'originalità si intende.

Un plauso, quindi, alla We Insist! per aver pubblicato due registrazioni così interessanti, una risalente al 2011, l'altra più recente, ripresa dal vivo a Pisa nel 2016, che confermano le qualità di un musicista mai troppo in vista nel panorama del jazz italiano, forse perché la sua proposta è seria, coerente, rigorosa e non scende a compromessi con gli ipotetici gusti della maggioranza del pubblico.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
26/12/2016

Dedications (Tito Mangialajo Rantzer Quartet)- Gianni Montano

27/11/2016

Multikulti Cherry On (Cristiano Calcagnile)- Enzo Fugaldi

08/08/2016

Newswok (Giancarlo Tossani Synapser + Ralph Alessi)- Enzo Fugaldi

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

25/10/2015

Forgotten Matches. The Worlds of Steve Lacy (Roberto Ottaviano)- Gianni Montano

19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

19/09/2015

Roccella Jazz Festival - African Noises: "Edizione numero trentacinque per lo storico festival della provincia di Reggio Calabria, tornato a riempire le serate d'agosto dopo un'annata 2014 in versione ridotta." (Vincenzo Fugaldi)

26/01/2015

Aurum (Piero Delle Monache)- Alceste Ayroldi

12/10/2014

(In)Obediens (Fabio Sartori, Marco Colonna, Cristiano Calcagnile)- Nina Molica Franco

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

03/11/2013

Il Bidone (Gianluca Petrella)- Alceste Ayroldi

08/09/2013

Slight Imperfection (Paolo Botti Quartet with Betty Gilmore)- Marco Buttafuoco

07/10/2012

Thunupa (Piero Delle Monache)- Matteo Mosca

17/03/2012

When We Forgot The Melody (Dimitri Grechi Espinoza, Tito Mngialajo Rantzer)- Gianni Montano

02/05/2011

Slaves (Gianluca Petrella Tubolibre)- Enzo Fugaldi

22/01/2011

Rossi Intimi Ascolti (Andrea Grossi) - Mario Melillo

25/07/2010

Six Dances Under (Antonio Borghini & Malebranche)- Vincenzo Fugaldi

24/04/2010

...Ma io ch'in questa lingua (Chant Trio)- Elio Marracci

06/03/2010

Darwinsuite (Ferdinando Faraò) - Giuseppe Mavilla

06/01/2010

Everything We Love (Francesca Ajmar)- Rossella Del Grande

05/01/2010

Solidago (Cristina Zavalloni)- Enzo Fugaldi

02/01/2010

Out Of a Logical Choice (Michele Franzini)- Rossella Del Grande

22/11/2009

Il buio acceso (Domenico Caliri Violongerìa) - Laura Mancini

08/11/2009

Effetto Ludico (Alessandro Sacha Caiani) - Alceste Ayroldi

14/09/2008

R-Evolution Suite (Giovanni Falzone Contemporary Orchestra)

25/02/2008

Le secolari pietre che formano l'ipogeo della masseria "Il Trappeto" di Monopoli, hanno accolto Irio De Paula, uno dei più grandi chitarristi della cultura brasiliana e il Tubolibre Quartet di Gianluca Petrella. (Mariagiovanna Barletta)

22/12/2007

Brisa (Doze Cordas Trio)

28/01/2007

Coherent deformation (Giancarlo Tossani Synapser)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 299 volte
Data pubblicazione: 27/04/2019

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti