Jazzitalia - Quintetto del Delirio - Pippo Starnazza : Jazz in Italy in The 40s
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

E' morto Roy Hargrove!! Il geniale trombettista statunitense è deceduto il 2 novembre 2018. Il cordoglio dei musicisti e della comunità tutta in ricordo del suo grandioso talento..

Nuovo appuntamento di Storie di Vinile, interamente dedicato a Ennio Morricone per il suo novantesimo compleanno.

Giordano in Jazz Winter 2018: Bollani, Cincotti, Level 42, Alex Han e il gospel natalizio per l'edizione winter 2018, nella stupenda cornice del Teatro Umberto Giordano e non solo..

26ma edizione di Umbria Jazz Winter: nel cartellone i più bei nomi del jazz italiano e personaggi di culto del jazz americano. Una edizione che si segnala anche per alcune esclusive. .

Jazz Concept: Forme e Linguaggio Moderno del Jazz. workshop intensivo dedicato allo studio melodico del linguaggio jazzistico a cura del CEMM.

Ventisettesima Edizione per l'EFG London Jazz Festival, unanimemente riconosciuto come uno degli eventi più sfavillanti all'interno dell'offerta culturale della capitale inglese.

Sessantesimo anniversario del Bologna Jazz Festival, sui palchi e nei club anche di Modena e Ferrara, con un ricco programma e molti eventi didattici, culturali .

Chick Corea, John Scofield, Joe Lovano, Enrico Rava, Pat Martino tra i nomi di spicco del Padova Jazz Festival che si terrà dal 13 ottobre al 24 novembre.

Esce il 19 ottobre "La Fenice", registrazione del concerto che Keith Jarrett ha tenuto a Venezia nel luglio 2006.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Antonino (chitarra)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
Quintetto del Delirio - Pippo Starnazza
Jazz in Italy in The 40s



Riviera Jazz

1. Come ti chiami?, Pippo Starnazza voce 1941
2. Da quando penso a te, Rudy Solinas, voce 1941
3. O ciucci perché mi fai gli occhioni?, Carlastella voce 1941
4. La marchesa sinforosa, Pippo Starnazza voce 1941
5. Ua Ua Canapino, voce 1941
6. T'aspetterò alle nove, Carlastella voce 1941
7. Il solletico, Carlastella voce1941
8. Il fantasma innamorato, Carlastella voce 1941
9. Ritmando in sol Canapino, voce 1942
10. C'è sempre un ma, Canapino, voce 1942
11. Tu sei bella, Pippo Starnazza voce 1942
12. Starnazza, Pippo Starnazza voce 1942
13. Ciao Biondina, Angelo Servida, voce 1942
14. Sarà l'amore?, Enzo Passatore, voce 1942
15. Guarda un po', Enzo Passatore, voce 1942
16. Fragile, Carlastella voce1942
17. Se mi vien la mosca al naso, Pippo Starnazza voce1942
18. Ah, se fossi musicista, 1942
19. Non lo dir, Pippo Starnazza voce 1943
20. Oh bimba, Pippo Starnazza voce 1943
21. Chi lo sa perché, Pippo Starnazza voce 1942
22. Il giovanotto matto, Carlastella voce 1944
23. Così com'è, Pippo Starnazza voce 1947
24. I speak english, Pippo Starnazza voce 1947
25. Dinah, Pippo Starnazza voce 1962
26. Oh bimba, Pippo Starnazza voce 1962


Quintetto (Orchestra) del Delirio:
Pietro Di Salvatore - tromba
Astore Pittana - tromba
Franco Mojoli Clarinetto - sax alto
Piero Cottiglieri - sax tenore

Enzo Ceragioli (Elio Lotti si chiamava in realtà Aurelio Codognotto, Sampierdarena) - piano
Armando Camera - chitarra solista
Angelo Servida - chitarra ritmica
Adriano Almangano - sax baritono
Luigi Redaelli
("Pippo Starnazza"), batteria, voc.

Altri musicisti:
Clinio Bergamini - trombone in 2 e 5- 21
Sergio Almangano - violino in 3
Quirino Spinetti - vibrafono in 3
Rinaldo Ferri - sax alto in 5-12 -10
Cosimo Di Ceglie - Chitarra solista in 5-16
Luigi Readelli
("Pippo Starnazza"): slide Whistle

Pippo Starnazza e gli Squa Men in 25 -26
Giuliano Bernicchi - tromba
Eraldo Romanoni - piano arr
Armando Camera - chitarra
Moschetti - sax baritono
Enrico Cuomo - batteria
Pippo Starnazza - voc

Adriano Mazzoletti - A&R Manager



Ancora un'uscita di Riviera Jazz Records sul jazz italiano delle origini:. ventisei brani, riversati su cd da 78 giri degli anni 40 (salvo le ultime due tracce) e dedicati ad un gruppo di studio milanese molto eccentrico, per l'epoca, detto appunto "Quintetto del delirio" (in realtà la formazione era molto "mobile" come si può vedere dalla scaletta dei brani e degli interpreti). Insieme ad esso cantarono molte delle voci del jazz italiano degli anni pionieristici, come Luigi Redaelli, alias Pippo Starnazza, che fu anche attore, oltre che batterista e cantante dal piglio cabarettistico. Basta ascoltare lo strampalatissimo gramelot che il Nostro improvvisa su "Dinah " nella venticinquesima traccia per capire il personaggio. O il buffo "La Marchesa Sinforosa " che allude ironicamente alle condizioni di vita degli italiani durante e la guerra.

Le incisioni qui documentate ebbero allora un buon successo commerciale durante gli anni di belligeranza, anche se la Radio di Stato li ignorava. La musica ed i testi spesso surreali ed umoristici erano troppo distanti da qualsiasi retorica guerresca e patriottarda, e d'altronde la libertà del jazz sempre si è mal sposata con le ideologie totalizzanti del XX secolo.

La parte strumentale è davvero notevole. La conoscenza del jazz di quei musicisti doveva essere, nonostante le limitazioni e della tecnologia di allora e l' atteggiamento ostile dei media di regime, molto avanzata ed approfondita. I pezzi sono, ad eccezione della succitata Dinah (incisa peraltro nel 1962), tutti di autori italiani, fra i quali autorevoli personaggi come Gorni Kramer, Lelio Luttazzi, Giancarlo Testoni (fondatore di "Musica Jazz "). L'autarchia culturale non permetteva infatti di utilizzare materiale d'importazione, ma qua e là si ascoltano citazioni di standard (Ad esempio "I got Rhythm" nella traccia 11).

Ottime – e non poteva essere altrimenti - le note di copertina redatte da Adriano Mazzoletti e tradotte in inglese da Marcello Piras.

Un disco davvero straordinario, pieno di umorismo, garbo e buona musica, frutto dello splendido lavoro dell'etichetta romana. Quale che sia il giudizio di un appassionato sull' evoluzione del jazz non si possono affatto ignorare i pionieri coraggiosi e brillanti che fecero conoscere questa musica nel nostro paese.

Un disco da non perdere, il cui ascolto si può (si deve) proficuamente abbinare alla lettura delle recenti opere che autori come lo stesso Mazzoletti o Guido Michelone hanno recentemente pubblicato sul jazz italiano d'antan.

Marco Buttafuoco per Jazzitalia







Articoli correlati:
05/05/2014

Beginnin of modern jazz in Milano (AA. VV.)- Marco Losavio

03/02/2014

Jazz al Nord (AA. VV. - Jazz In Italy in the 30s, 40s & 50s)- Valeria Loprieno

22/02/2012

L'Italia del Jazz (Adriano Mazzoletti)-

27/06/2010

Presentazione del libro di Adriano Mazzoletti "Il Jazz in Italia vol. 2: dallo swing agli anni sessanta": "...due tomi di circa 2500 pagine, 2000 nomi citati e circa 300 pagine di discografia, un'autentica Bibbia del jazz. Gli amanti del jazz come Adriano Mazzoletti sono più unici che rari nel nostro panorama musicale. Un artista, anche più che giornalista, dedito per tutta la sua vita a collezionare, archiviare, studiare, accumulare una quantità impressionante di produzioni musicali, documenti, testimonianze, aneddoti sul jazz italiano dal momento in cui le blue notes hanno cominciato a diffondersi nella penisola al tramonto della seconda guerra mondiale" (F. Ciccarelli e A. Valiante)

22/04/2010

The Rise of Dolce Vita - Roman New Orleans Jazz Band, Benny Goodman Sextet, Sistina Street Swingers, Bricktop (AA.VV. - Jazz in Italy in The 50s)- Franco Bergoglio

23/01/2010

Happy Birthday Django! 23 gennaio 2010: centenario della nascita di Django Reinhardt, il più grande e innovativo chitarrista jazz di tutti i tempi: "Il jazz è americano, ma la musica non ha patria. E il jazz è musica. Noi suoniamo un tipo di jazz che è in stretti rapporti con la cultura europea, ma è sempre jazz. Perchè il jazz ha regole espressive da cui non si può derogare - Django" (M. Losavio).

26/12/2009

Jazz in Italy (Gilberto Cuppini Groups/Orchestra di Ritmi Moderni diretta da Francesco Ferrari)- Luca Labrini

18/10/2008

Dizionario del Jazz (Philippe Carles, Andre' Clergeat, Philippe Comolli )

28/04/2007

Jazz e Politica: Una città...jazz! Pavese, Mila, Gramsci & Co: Intellettuali e Jazzofili a Torino. (Franco Bergoglio)

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)





Video:
The Sinner - Marcello Rosa, Dino Piana e Luca Begonia.MPG
...
inserito il 30/05/2010  da MAVICH81 - visualizzazioni: 3586


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 4.656 volte
Data pubblicazione: 06/06/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti