Jazzitalia - Recensioni - Luz: Polemonta
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Pat Metheny cita Pasquale Grasso come "il più significativo nuovo chitarrista che abbia ascoltato in molti, molti anni... ".

2016 senza tregua, Alphonse Mouzon non c'è più! Muore a 68 anni il grande batterista americano..

Il crooner e trombettista statunitense Benny Benack III con il suo Italian Quartet al The Empty Space di Molfetta .

VI edizione per il Multiculturita Black Music Contest per solisti e gruppi di giovani musicisti e per promuovere la cultura e la pratica della musica afroamericana sul territorio .

14 grandi concerti con star internazionali, live performance, incontri divulgativi per il festival di produzioni originali Special Guest presso il Teatro Eliseo di Roma.

Proposta di legge per erogare 1 Milione di euro l'anno al Festival Umbria Jazz..

Spettacolarità, coinvolgimento, creatività, originalità: sono i tratti che contraddistinguono ancora una volta la rassegna musicale "Aperitivo in Concerto" 2016-2017.

Cartellone internazionale per la settima edizione del San Severo Winter Jazz Festival che apre ad ottobre con Luis Perdomo.

Fabrizio Bosso, Incognito, Falzone, Rosario Giuliani, Fresu, Petrella, Billy Cobham fra i concerti di gennaio e febbraio 2017 al Blue Note Milano.

Il Saint Louis, Istituzione di Alta Formazione Artistica Musicale autorizzata dal Miur a rilasciare titoli accademici di I e II livello, apre le iscrizioni al prossimo anno accademico 2016/2017.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            ASCANI Riccardo (chitarra)
            BALLANTI Marco (chitarra)
            BOCCIA Marco (contrabbasso)
            CHECCHINI Igor (batteria)
            CIUFFREDA Daniele (chitarra)
            DEL PEZZO Massimo (batteria)
            ESPOSITO Gianluca (sax)
            FRASCAROLI Andrea (piano)
            JESSIE & THE HOT NUTS (gruppo)
            MORONE Franco (chitarra)
            PAISSA Roberto (chitarra)
            PIOVESAN Sebastian (basso e contrabbasso)
            SANTANGELO Giuseppe (sax)
            VENDRAMIN Graziella (voce)
            VERGALITO Gianluca (chitarra)
            VOLPICELLI Lucia (voce)
Luz
Polemonta



AUAND (2014)

1. Frate Mitra (Ancillotto)
2. Zdenek (Ancillotto)
3. Frate Mitra #1 (Ancillotto)
4. The Youngest Man Alive (Legari)
5. Zdenek #1 (Ancillotto, Legari)
6. Nogales (Legari)
7. Youngest #1 (legari, Ancillotto)
8. Tomatoes (Legari)
9. Riddim (Legari)
10. Polemonta (Legari)
11. Frate Mitra #2 (Ancillotto)
12. True Stories (Legari)
13. La notte ha mille occhi (Brainin, Bernier; arrangement by Giacomo Ancillotto, based on the original tune "The night has a tousand eyes")
14. Polemonta #1(Legari, Ancillotto)
15. Dorme (Ancillotto)

Giacomo Ancillotto - guitar
Tomeka Reid - cello
Igor Legari - double bass
Federico Leo - drums

Cover photo by Leonardo Ancillotto
design by segni&disegni



Auand Records di Marco Valente
via XXIV maggio, 40
70052 Bisceglie (Ba) Italy
tel&fax +39.080.3929215
mobile +39.347.6107026
e-mail:
feedback@auand.com


Ho sentito una volta che i moderni audiofili credevano che nel corpo ci fosse un residuo minuscolo, inamovibile, posto all'estremità interna dell'orecchio. Si chiama "riconoscenza" e non si liquefa, nel marasma musicale contemporaneo, ma riecheggia al grido di battaglia dei Luz: Polemonta.

Il trio italiano, prodotto dall'etichetta pugliese Auand records, non esita a imporre la propria voce nei settanta minuti che caratterizzano questo esordio discografico, impreziosito dalla collaborazione con la violoncellista americana (associata all'AACM di Chicago) Tomeka Reid: a patto che di esordio sia possibile parlare; altrettanto notabile è l'indiscussa presenza di Giacomo Ancillotto alla chitarra, Igor Legari al contrabbasso e Federico Leo alla batteria.

E' questo un progetto ambizioso, di spessore non esclusivamente musicale: valenti le analogie socio-letterarie che pregnano il concept, tali da condurre l'ascoltatore nel luogo d'una musica tangibile, affondante le radici nella tradizione afroamericana senza tralasciare l'influenza d'atmosfera europea, in particolare mediterranea; tale eclettismo stilistico si rintraccia nel sound di base del trio capace di gestire la vena lirica, dal gusto raffinato, di Ancillotto attraverso l'incalzante dialettica dinamica di Legari e Leo.

A tal proposito colpiscono: "Frate Mitra" in cui il triplice, estensivo prologo del pezzo ("Frate Mitra #1" – "Frate Mitra #2") sottolinea il legame con la portanza d'un violoncello d'eccezione che confonde, a tratti, le sfumature tematiche della chitarra per condurre l'ascoltatore a un apparente primo movimento melodico in cui emerge l'approdo timbrico del carismatico Legari, "Zdenek" e "Polemonta" in cui lo stesso, questa volta duplice, "pro-epilogo" ("Zdenek #1" – "Polemonta #1") affranca il ruolo di Leo in favore d'una periodicità melodica ben più che cantabile e "La notte ha mille occhi", il reminiscente tributo poetico che gode dell'oculato arrangiamento di Ancillotto.

Un disco hardcore, illuminato: durevole.

Antonella Chionna per Jazzitalia






Articoli correlati:
08/08/2016

Chaos Magnum (Forefront)- Enzo Fugaldi

24/07/2016

L'uomo poco distante (Toni Cattano Ottetto)- Gianni Montano

09/06/2013

Sketches Of Light (Dee Alexander's Evolution Ensemble)- Alceste Ayroldi

30/09/2012

Silentium (Francesco Negro Trio)- Enzo Fugaldi

16/08/2012

Hear In Now (Mazz Swift, Tomeka Reid, Silvia Bolognesi)- Gianni Montano

10/03/2012

Sweet Dream Baby (Baap!)- Rossella del Grande

05/02/2012

Mansarda (Mansarda)- Gianni Montano

06/10/2009

XXIVa EDIZIONE del Festival Internazionale "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Da Chicago a Sant'Anna Arresi (e vice versa). Questo e altro è stato l'esplosivo leitmotiv del Festival Internazionale "Ai Confini Tra Sardegna e Jazz". A quarantaquattro anni di distanza dalla fondazione della AACM (Association for the Advancement of Creative Musicians), storico movimento chicagoano nato dall'idea rivoluzionaria di un artista come Muhal Richard Abrams, bene si è pensato di celebrare all'interno della manifestazione le gesta memorabili di un periodo, di una fase storica, di una filosofia musicale e politica che ha influenzato profondamente il jazz contemporaneo e non solo." (Gianmichele Taormina)

23/11/2008

Abbagli (Francesco Negro Quartet )







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 456 volte
Data pubblicazione: 03/01/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti