Jazzitalia - Antonio Flinta Trio: Portraits & Songs
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Splasc(h) records cdh1513.2
Antonio Flinta Trio
Portraits & Songs


1. Samo
2. Inscape
3. De Kooning’s Double Portrait
4. The Whale
5. Tilsa
6. Longing
7. Okitatanana
8. Lush Life (piano solo)

Antonio Flinta - piano
Roberto Bucci - bass
Claudio Gioannini - drums



Nuovo lavoro discografico per il trio di Antonio Flinta dal titolo "Portraits & Songs" dove il pianista cileno, da anni residente in Italia, esprime il suo lessico jazzistico di ampio respiro e di alto livello grazie anche al valido supporto del contrabbassista Roberto Bucci e del batterista Claudio Gioannini ai quali è anche legato da una profonda amicizia. Amicizia che di certo ha contribuito a consolidare la loro unione, infatti i tre suonano insieme ormai da quindici anni, e si ritrovano a meraviglia nell'esplicare un invidiabile interplay che è forse il dato più rilevante del loro suonare il jazz.



Sette composizioni originali firmati da Flinta e uno standard "Lush Life" di Strayhorn costituiscono il contenuto del cd interpretato dai tre musicisti con pari coinvolgimento. Un album intenso, per i notevoli contenuti, non solo musicali, a cui l'autore si è ispirato per la composizione di alcuni brani, vengono infatti citati, nelle brevi ma esaurienti note nel libretto allegato al cd, quattro pittori del secolo scorso, Jean-Michel Basquiat, William De Kooning, Sebastiàn Matta e Tilsa Tsuchiya, gli ultimi due sudamericani, le cui qualità artistiche sono state appunto fonte d'ispirazione per altrettanti brani. Brani quasi tutti di notevole durata, brani identificati già nel titolo dello stesso album in parte come "Portraits" ovvero componimenti, dalla struttura tipicamente jazzistica e in parte come delle autentiche "Songs", canzoni, per cui grande attenzione innanzitutto al fraseggio melodico. In entrambi i casi c'è spazio per l'improvvisazione, per i cambi di tempo, per l'assoluta libertà per ognuno dei tre, libertà di esprimersi e di dialogare con gli altri e per l'articolato sviluppo che caratterizza ogni brano. Quindi il piano trio celebrato in tutta la sua capacità di esprimersi secondo la tradizione senza per questo escludere riferimenti a linguaggi più attuali.

Appena iniziato l'ascolto ci si ritrova immersi in un tema blues ricco di feeling e ritmo che fa da preludio ai primi momenti di dialogo fra i tre musicisti, è il brano dedicato a Basquiat, si chiama "Samo", ascoltandolo si ha l'esatta percezione del contenuto dell'intero album. Un dialogo a due, batteria e piano, caratterizza invece la parte iniziale di "Inscape" (per Sebastiàn Matta) ed è la batteria, strumento portante attraverso l'arte delle percussioni di Claudio Gioannini, che disegna la melodia supportato dal tocco notevole di Flinta. La mia mente fa presto a correre indietro nel passato, tra i grandi della musica afroamericana, andando a cogliere in quel tocco, sui tasti bianchi e neri, qualcosa del grande Bill Evans. Ma questo album vive comunque di luce propria e se ne ha certezza all'ascolto di "The Whale" introdotta da un magnifico solo di Roberto Bucci al contrabbasso, quando per poco più di un minuto è protagonista principale prima che Flinta e Gioannini entrino in gioco, fra proposizione del tema e improvvisazione, per uno sviluppo dilatato ma regolare del brano. "Tilsa" è dedicato ad una pittrice peruviana la cui arte è contraddistinta dal mistero, e il brano alterna una suggestiva melodia alle immancabili parti non scritte, mentre "Okitatanama" è l'omaggio del pianista cileno all'America latina e quindi alle sue origini, perfetto equilibrio e riuscito connubio tra jazz e ritmo sudamericano. Il cd si chiude con il doveroso e irrinunciabile omaggio alla tradizione con una sentita e solitaria interpretazione di Antonio Flinta della "Lush Life" di Bill Strayhorn dedicata alla memoria di Tony Scott.

Gli altri brani si mantengono ai livelli di quelli citati e tutto il cd definisce il verbo musicale del trio: una sintesi tra passato e presente plasmata attraverso la sensibilità di tre professionisti della musica che guardano lontano.
Giuseppe Mavilla per Jazzitalia







Articoli correlati:
07/03/2010

Tamed (Antonio Flinta Trio & Quartet) - Alceste Ayroldi

06/01/2006

La Edad de la ira (Antonio Flinta Trio )

23/06/2004

Tree and Figure (Antonio Flinta Jazz Trio)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 2.272 volte
Data pubblicazione: 02/02/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti