Jazzitalia - Recensioni - Francesco Baiguera: Post Jazz Chamber Music
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Pubblicità su Jazzitalia! (click!)

Brass in Jazz. Palermo unica in Europa con Jon Faddis, unica in Italia, esclusa dal Mibact per il Jazz.

Joey DeFrancesco, 51 Anni, è Improvvisamente venuto a mancare la notte del 26 agosto 2022.

Mimmo Langella pubblica "EAR TRAINING PER CHITARRA e non solo!", il primo manuale di Ear Training dedicato specificamente ai chitarristi.

Master della durata di 12 mesi in Music Industry Management. Direzione: Alceste Ayroldi. .

Prima edizione del Little Jazz Festival: il nuovo progetto degli studenti dell'indirizzo musicale della Scuola Secondaria di Primo Grado dell'Istituto Comprensivo di Fiesso Umbertiano..

Pubblicato dalla Sher Music Co. un nuovo volume della collana Jazz Songbook dedicato alla musica di Steve Khan.

Blue Note Records e Universal Music Group Africa annunciano la creazione del nuovo marchio Blue Note Africa con la pubblicazione dell'album di Nduduzo Makhathini, "The Spirit Of NTU".

Grammy Award 2022: premi postumi (Chick Corea e Lyle Mays), la voce di Esperanza Spalding e i tre "nuovi talenti" Ron Carter, Jack DeJohnette, Gonzalo Rubalcaba.

Stage di Chitarra Flamenco di Manuel Montero nell'ambito del festival Arte in Vivo a San Lucido (Cosenza).

Esce anche in e-book il libro di Alceste Ayroldi sulla legislazione dello spettacolo e il diritto d'autore delle opere musicali.

Monopoli, sabato 12 marzo - Presentazione libro Alceste Ayroldi.

Nasce Pantuk, sinergia tra Pannonica e Tuk Music.

Alceste Ayroldi pubblica un libro sulla legislazione dello spettacolo e il diritto d'autore in musica .

Si è spento all'età di 95 anni la grande icona della chitarra jazz Franco Cerri..

Annunciato il San Severo Winter Jazz Festival 2021, 7 concerti internazionali dal 29 ottobre al 1 aprile 2022..

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Ultimi aggiunti:

            BATTAGLIA Sergio (sax)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAPORALE Giorgio (chitarra)
            CAPPI Andrea (piano, tastiere)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            LUCA NECCIARI QUARTETTO (gruppo)
            LUPI Benedetta (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            PELLEGRINO Vincenzo (batteria)
            RUSSO Biagio (piano)
            TATONE Angelo (chitarra)
            THE JAZZ RUSSELL (gruppo)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Francesco Baiguera
Post Jazz Chamber Music



Aut (2021)

1. Heavy Blue
2. Beauty through Clouds
3. Never so Close
4. Intermezzo
5. Astract Thoughts
6. Istantanea
7. Postlude

Daniele Richiedei - violino
Massimiliano Milesi - sassofono tenore e soprano
Francesco Baiguera - chitarra elettrica
Giulio Corini - contrabbasso


Il chitarrista bresciano Francesco Baiguera ha pubblicato il primo disco a suo nome, "Preludès", nel 2020, in compagnia di Giacomo Papetti al contrabbasso e di Emanuele Maniscalco alla batteria. Nel nuovo cd, invece, i partners sono differenti e in più si ha la rinuncia alle percussioni. Siamo in presenza, perciò, di un quartetto cameristico, secondo definizione. In realtà la pronuncia e il lessico dei musicisti coinvolti sono indubbiamente jazzistici, pur operando in una cornice classica. La musica dell'album ha un'aria rilassata, ma accorta, e si sviluppa su unisoni di chitarra-sax o violino, su cui, successivamente si dipartono assoli singoli, o si intersecano due voci contemporaneamente, mentre il terzo elemento rimarca i caratteri del tema. il contrabbassista, invece, assicura una funzione ritmica, scandendo il tempo, oppure assiste e pungola i partners con interventi costruttivi e consolidanti con il giusto concentrato di swing. Baiguera usa la chitarra elettrica con un minimo sindacale di effetti e si espone con interventi misurati, per tessere le trame delle sue composizioni e arricchirle di possibili incrementi melodici. Milesi sul tenore sfoggia un timbro caldo, privo di vibrato e un fraseggio architettonicamente fondante. E' più vaporoso, ma penetrante con il soprano. Richiedei assume il ruolo del folletto, in certe sequenze, prendendo il largo con il violino sui motivi dispiegando una sequela di note e, in ogni caso, garantendo un apporto timbrico e armonico determinante.

E' una proposta, nel suo complesso, provvista di un grosso retrogusto blues, in certi pezzi, e di un rimando ai climi di un cool jazz post-datato, in altri brani. Insomma l'aggancio con la tradizione è sicuro e ben radicato. Siamo lontani, però, dal mainstream, intendiamoci.

Fra le sette tracce si fa preferire "Never so Close" per un lungo intervento ondeggiante ed espansivo di Milesi su un contrappunto stringente degli altri strumenti, e per una particolare atmosfera retrò, da un certo momento in poi, o meglio post-retrò…
Con quest'ultima opera, in conclusione, Francesco Baiguera dimostra di avere le carte in regola per dire la sua con autorevolezza in un'area galleggiante fra il jazz e il patrimonio accademico, o magari anche oltre, perché il chitarrista lombardo sembra ogni volta alla ricerca di nuovi spunti da approfondire, di sfide inedite da affrontare. Non c'è che da aspettarlo alla prossima prova discografica…

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
30/05/2021

Oofth (Massimiliano Milesi)- Enzo Fugaldi

17/01/2021

Four Winds (Andrea Grossi and Blend Orchestra)- Gianni Montano

29/07/2017

Giulio Stermieri Stopping Sextet: "...un pianismo preciso e rigoroso, quello di Stermieri, che rifugge da meccanicità e ostentazione di abilità: è un musicista che si sta già confermando, nonostante la giovane età, un navigato capitano di vascello." (Aldo Gianolio)

09/11/2014

Hymnus Ad Nocturnum (Gabriele Mitelli)- Gianni Montano

25/11/2013

Collettivo Gallo Rojo (Collettivo Gallo Rojo)- Gianni Montano

25/08/2013

From Time To Time (Emanuele Maniscalco)- Enzo Fugaldi

29/05/2011

Nuvole di carta (Felice Clemente Quartet)- Alessandro Carabelli

15/05/2010

Il Tino Tracanna Quartet presenta al Blue Note di Milano l'album "Un'ora": "Da una parte mi piace la ricerca, amo cercare di lavorare su organizzazioni del materiale musicale non convenzionale, non tonale, non tipo "standards", a volte lavoro su tempi dispari, con strutture anomale, ma mi piace molto anche la melodia. Quando mi capita di scrivere una bella melodia, mi piace suonarla anche in maniera abbastanza classica, perchè penso che in un concerto sia bello avere anche una melodia cantabile, perchè fa anche parte della nostra cultura." (Rossella Del Grande)

04/04/2010

When the Teacher (Einfalt) - Giuseppe Mavilla

05/01/2010

Off-Site Meetings (Giulio Corini Libero Motu) - Enzo Fugaldi

06/06/2009

No leader (Nelide Bandello / Leibniz)

18/04/2009

Blue of mine (Felice Clemente )

14/03/2009

4Steps (Luca Boscagin)

28/09/2008

Nasciri (Francesco Saiu)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 133 volte
Data pubblicazione: 18/12/2022

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti