Jazzitalia - Emiliano Loconsolo: Prelude
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Original Music Records – OMS 0104 – 2007
Emiliano Loconsolo
Prelude



2 Sophisticated Lady
3 What Is This Thing Called Love?

5 Honeysuckle Rose
6 Lush Life
7 Love for Sale
8 Duke Ellington's Sound of Love
9 Scalinatella

Emiliano Loconsolo - voce
Casper Gydensoe - chitarra
Evan Gregor - contrabbasso
Maxim Lubarsky - piano
David Moore - batteria
Oleg Osenkov - contrabbasso
Demian Cabaud - contrabbasso
Joe Moffett - tromba
Jacob Zimmerman - sax contralto
Steve Rodriguez - sax tenore
Alexander Nickelsen - piano
Kim Cass - contrabbasso
Pedro Tsividis - batteria



La storia di Emiliano Loconsolo è molto simile a quella di tanti jazzisti nostrani, da Bollani a Giuliani a Fresu solo per citarne alcuni, che, partendo dall'Italia, hanno trovato rifugio all'estero, in Francia soprattutto, nella speranza di raggiungere il proprio sogno.



M
ilanese, classe 1974, dopo le prime esperienze live sui palchi dei club italiani, nel 2002 emigra negli Stati Uniti dopo aver ricevuto il Berklee College of Music's International Best Talent Scholarship e dove consegue il diploma di conservatorio presso il New England Conservatory di Boston con specializzazione in Jazz Performance. All'inizio della sua carriera, il cantante milanese si è dedicato alla riscoperta della tradizione folk italiana attraverso "villanelle" e "canzonette" ed alla rilettura del repertorio di Roberto Murolo, per poi passare a quello più classico degli standard tipici della cultura jazzistica e dei songbooks americani. Ed in questa direzione si colloca Prelude, pubblicato dalla Original Music Records nel giugno dello scorso anno.

Composto da nove brani, il controtenore italiano va sul sicuro scegliendo di omaggiare i vari Gershwin, Ellington, Strayhorn, Porter e Mingus quasi sempre in quartetto, alternando la presenza del piano a quella della chitarra, ma anche utilizzando la formula del duo nelle riuscite e suggestive Something To Live For e Duke Ellingtons Sound Of Love accompagnato rispettivamente dalle sole corde della chitarra prima e del contrabbasso poi. Il brano di apertura è per la classica But not for me, brano caro a Chet Baker e di cui si sentirà l'influenza per l'intero album.

Nonostante i facili paragoni a cui rischia di andare incontro cimentandosi con tali standard, Loconsolo riesce a dimostrare tutto il suo talento dando vita ad un album mainstream delicato e interessante, avvalendosi tra l'altro di pregevoli quanto precisi musicisti che ci riportano alle atmosfere romantiche degli anni cinquanta e sessanta.

Nel finale trova spazio anche un ricordo di Murolo con una versione live di Scalinatella in sestetto, registrata a Boston nel 2002 con l'arrangiamento di Dave Holland.
Luca Labrini per Jazzitalia







Articoli correlati:
10/11/2008

Intervista a Emiliano Loconsolo: "Sono convinto che stiamo attraversando un periodo di sintesi ancora piu' ampia delle precedenti. Per questo se ascolti i nuovi lavori ti rendi conto di quanto il jazz, l'800, il rock la musica antica e quella folk riescano a compenetrarsi e a convivere all'interno di una stessa composizione." (Eva Simontacchi)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 2.195 volte
Data pubblicazione: 23/08/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti