Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


2000
Panastudio (
www.panastudio.com)

Dino Massa
Punti di Vista

1- Solar (M. Davis)
2- Someday my prince will come (F. Churchill)
3- Come una volta (D. Massa)
4- A night in Tunisia (D. Gillespie)
5- Just friends (Klemmer/Lewis)
6- Carpe diem (D. Massa)
7- Beautiful love (V. Young)
8- Night and day (C. Porter)
9- Mister Sand (D. Massa)
10- Take the "A" train (B. Strayhorn)
11- 6 Forever (D. Massa)
12- Concerto n° 2 per piano e orchestra in C minore
Op. 18 - 1° movimento (S. Rachmaninov)

Uno degli aspetti più stimolanti del jazz è dato dalla grande varietà di percorsi e di punti di vista possibili nell'esplorazione di questo affascinante linguaggio. Anche limitandoci ad una panoramica sui contributi dei nostri musicisti negli ultimi 50 anni troviamo di tutto ed il contrario di tutto: dall'intimismo mitteleuropeo alla ricerca di saporite connessioni con la cultura popolare, all'avanguardia più radicale, alla ricostruzione di modalità stilistiche pregresse, dalla voglia di multimedialità all'atteggiamento severamente francescano e scevro da connessioni. (…)

Poiché è permesso tutto ciò che non è esplicitamente proibito, ci si può anche divertire. Dino Massa in questo disco si concede e regala divertimento, nel senso più nobile della parola. La sua esperienza di musicista, compositore e docente lo ha indotto a passeggiare con leggerezza e ironia in un campo minato: quello degli standards, e per giunta tra i più frequentati…triti e ritriti direbbe qualcuno, ma qui sta il bello.

In ciascun episodio Dino Massa si tuffa sul materiale tematico interpretandolo di volta in volta sotto angolature diverse, evidenziando e sviluppando un frammento caratterizzante, il giro armonico, la particolarità timbrica, la poliritmia ecc., riuscendo a mantenere una solida coerenza stilistica. Valgano per tutti ad esempio il brillante uso del contrattempo in "
Night and Day" o lo stride piano in "Take The A Train".

Anche nei titoli originali si evince uno sguardo incantato, affettuoso ed elegante sui grandi luoghi comuni del passato, come nella deliziosa struttura tipo bambola russa (o scatola cinese, fate voi) nello chopiniano "
Mister Sand". Last but not least: progettare un intero disco di piano solo performance non è impresa da considerare sottogamba e Dino l'affronta con il coraggio, con l'umiltà e l'abnegazione che ci fanno ben sperare per il futuro del nostro jazz.
Bruno Tommaso (note di copertina)
 






Articoli correlati:
09/11/2008

Anime Diverse (Dino Massa Quartet )

19/04/2007

Strani effetti della globalizzazione sulla musica afroamericana: uh’anema (Piccola Orchestra Dino Massa)

30/12/2004

Intervista a Dino Massa: "...Il jazz è una musica in continua evoluzione ed è così anche per i musicisti che la suonano. Pensare ad una formazione che non muti mai significherebbe rimanere ancorati a degli stili e dei linguaggi..." (Massimiliano Cerreto)

28/06/2004

Un po' come...noi (Dino Massa)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.182 volte
Data ultima modifica: 05/01/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti