Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


© 2004 DDQ Records (Black Saint/Soul Note)
distribuzione IRD

Mauro Campobasso e Mauro Manzoni
Punto Zero

1. Punto Zero
2. We Cried A Lot
3. Caution. Explosive Bolts.
4. This Place
5. Getting Out, Getting Anywhere
6. Mr. Lowry And The Shrill Note
7. Forget The Stars
8. Unconfortable Silence
9. Solaris

Mauro Manzoni - tenor, soprano and baritone saxophone,
wood flutes, looper, programming and electronics

Mauro Campobasso - electric guitars, looper,
programming and electronics

Con coraggio, Punto zero mette in secondo piano finalità di intrattenimento per perseguire un jazz che si inserisce nel solco della musica d'avanguardia contemporanea.

Sfruttando le possibilità del looper, il sax di Mauro Manzoni e la chitarra di Mauro Campobasso impastano una materia sonora costituita dalla ripetizione ossessiva di microstrutture che si addensano in armonie per poi ridissolversi in uno spazio vuoto.

Sebbene proprio il tipo di influenza reciproca tra composizione e tecnologia in Punto zero potrebbe spingerci a rintracciare riferimenti e contiguità coi protagonisti dell'esperienza minimalista degli anni sessanta (come Terry Railey, Steve Reich o Philip Glass), tuttavia la libertà espressiva dell'improvvisazione di Manzoni e Campobasso, affatto subordinata ad un rigore geometrico-cristallino della composizione, se ne allontana; la loro improvvisazione piuttosto si infiltra, si espande, liquida, nei paesaggi interiori suggeriti di volta in volta.

Ne scaturisce un senso di sospensione, spesso quasi di angoscia; il suono del soprano riverbera ricordando il sapore metafisico di alcuni lavori di Garbarek mentre la chitarra ha un timbro sempre scarnificato ed essenziale.

In questa esperienza di duo i segni della musica, nella loro essenza di ripetizione, tendono ad evocare una relazione con i segni di altri linguaggi, in particolare con l'universo delle immagini (e questo è un fattore chiave che Campobasso riconosce consapevolmente nel suo percorso di ricerca).

La musica di Punto Zero cattura ed inquieta perché si percepisce complementare ad altro (proprio all'immagine?) e ci costringe a cercare quello che manca, quello che non si vede: induce dunque, in qualche modo, anche noi ascoltatori (ed è sempre un merito) a ricercare.
Francesco Lombardo per Jazzitalia







Articoli correlati:
26/01/2015

Aurum (Piero Delle Monache)- Alceste Ayroldi

16/03/2008

Transitions (Mauro Campobasso, Mauro Manzoni)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.716 volte
Data pubblicazione: 28/05/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti