Jazzitalia - Eva Simontacchi: Pure Ecstasy
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Splasc(h) Records - 2007
Eva Simontacchi
Pure Ecstasy


1. Pure Ecstasy (Roberto Cipelli, Eva Simontacchi)
2. I Remember You (V. Schertzinger, J. Mercer)
3. I Thiught About You (J. Van Heusen, J. Mercer)
4. Lush Life (B. Strayhorn)
5. You Lighten Up My Life (Roberto Cipelli, Eva Simontacchi)
6. Some Gershwin Air (Attilio Zanchi, Eva Simontacchi)
7. What Is This Thing Called Love (C. Porter)
8. In Summer (Brighetti, B. Martino, J. Hendricks)
9. The More I See You (H. Warren, M. Gordon)
10. There Is No Greater Love (I. Jones, M. Symes)
11. When I Fall In Love (special guest, singer Ermanno Principe) (Y. Young, E. Heyman)

Eva Simontacchi - vocal
Roberto Cipelli - Piano
Attilio Zanchi - double bass
Gianni Cazzola - drums

Special Guest:

Gendrickson Mena - trumpet & flugelhorn



Eva Simontacchi si presenta con un primo album a suo nome, Pure Ecstasy edito per la Splasch. Ci si chiede subito perchè non l'abbia fatto prima. La Simontacchi,infatti, possiede tutti i requisiti per ben figurare nella ristretta cerchia delle vocalist italiane di classe: intonazione, swing, pronuncia perfetta ed una cultura jazzistica non indifferente (è una docente molto apprezzata di tecnica vocale).



S
i capisce fin dalle prime note che la scelta delle composizioni dell'album non è per nulla casuale, ma è supportata da una conoscenza approfondita del songbook di Broadway, anche nella dimensione storica delle più grandi interpreti del jazz (Ella Fitzgerald, in primis). Ma anche le composizioni originali, scritte a quattro mani con Cipelli e Zanchi, sono interessanti e ben arrangiate, in particolare You lighten up my life con un'introduzione intrigante seguita da una bella linea melodica che valorizza le qualità e i colori vocali della vocalist. Anzi proprio il mood di questa traccia insieme a Pure Ecstasy, potrebbe a mio avviso orientare le future scelte della Simontacchi.

Anche la scelta dei partner non poteva essere più azzeccata. L'Esp trio (Cipelli, Zanchi, Cazzola) è infatti una delle poche ritmiche italiane "specializzate" proprio nell'accompagnamento delle cantanti (ricordiamo infatti la lunga e proficua collaborazione con Sheila Jordan). I tre poi non mancano di ritagliarsi quello spazio solistico di pregio che meritano.

Ma sul fronte strumentale la vera sorpresa del disco è il trombettista cubano Gendrickson Mena, a me personalmente sconosciuto, veramente sorprendente sia a tromba scoperta, sia sordinata nonchè al flicorno. Oltre alle idee musicali solistiche che mette in luce con sicurezza e perizia tecnica, si sente sicuramente una conoscenza "avanzata" dell'armonia, derivata sicuramente dalla pratica diretta del pianoforte. Pur nel contesto soffuso e sospeso, come quello scelto dalla Simontacchi per il suo disco d'esordio, Gendrickson non manca anche di rischiare qualche fraseggio "obliquo" che conferisce proprio un valore aggiunto alle sue improvvisazioni.

Da sottolineare inoltre la bella versione, pianoless, di I remenber you e quella di Lush Life, di particolare pregio la performance di Cipelli, e di When I Fall In Love in cui Eva duetta con la bella voce di Ermanno Principe. In sintesi un bel lavoro, maturo e piacevole all'ascolto. Non possiamo altro che augurarci un prossimo lavoro su brani originali e forse anche con un pizzico di rischio in più che la Simontacchi può sicuramente permettersi.
Claudio Angeleri per Jazzitalia
 







Articoli correlati:
09/04/2017

Travel Music (Roberto Spadoni New project Jazz Orchestra)- Alceste Ayroldi

07/08/2016

Vittoria Jazz Festival: "Il festival diretto da Francesco Cafiso, giunto alla nona edizione, ha cambiato formula: nove giorni consecutivi presso la consueta cornice di Piazza Enriquez ma anche presso altri suggestivi spazi della cittadina in provincia di Ragusa." (Vincenzo Fugaldi)

19/09/2015

Roccella Jazz Festival - African Noises: "Edizione numero trentacinque per lo storico festival della provincia di Reggio Calabria, tornato a riempire le serate d'agosto dopo un'annata 2014 in versione ridotta." (Vincenzo Fugaldi)

10/05/2015

Red Note: il Jazz ad "Alli Due Buoi Rossi": "Il "rinato" Alessandria Jazz Club continua la programmazione cambiando location e impostazione: un concerto l'ultimo giovedì di ogni mese con formazioni di musicisti italiani - dal trio al quartetto: Inside 4et, Francesca Ajmar 4et e Fabio Giachino Trio" (Andrea Gaggero)

01/06/2014

Torino Jazz Festival 2014: "...terza edizione, la seconda con la direzione artistica di Stefano Zenni ed è premiato ancora una volta da un lusinghiero successo di pubblico." (Gianni Montano)

17/06/2013

Simply Marvellous (Tommaso Starace)- Francesco Favano

25/05/2013

Places (Eva Simontacchi)- Alceste Ayroldi

10/02/2013

The Silver Lining (Maria Patti)- Matteo Mosca

03/12/2011

Stilita (Roberto Cipelli)- Eva Simontacchi

21/11/2010

The Blue Note Years (Paolo Fresu)- Vincenzo Fugaldi

01/11/2010

Le tre trombe Enrico Rava, Paolo Fresu, Dave Douglas e il "Megalitico" di Gavino Murgia al festival Jazz di Nuoro. (Cinzia Guidetti)

11/08/2010

Songlines / Night & Blue (Paolo Fresu Quintet) - Alceste Ayroldi

10/05/2010

Promemoria (Ars 3) - Marco Buttafuoco

11/04/2010

Parliamo di Bruno. Intervista a Franca De Filippi. Eva Simontacchi incontra Franca De Filippi con la quale ripercorre alcuni degli aspetti che hanno reso Bruno De Filippi un uomo amato, rispettato e spesso considerato un riferimento come rimarcano le testimonianze dei tanti colleghi e amici qui riportate. Quest'anno Bruno De Filippi avrebbe compiuto 80 anni che sarebbe stato solo un altro dei suoi ambiti traguardi e, purtroppo, l'unico non raggiunto...(Eva Simontacchi)

01/01/2010

Don't Forget (Tommaso Starace Quartet)- Alessandro Carabelli

31/10/2009

Intervista a Ivan Lins: "Quando inizio a comporre, a scrivere lo faccio per altri. In effetti non ho mai scritto canzoni per me, perchè ho iniziato a cantare tardi nella mia carriera. Ho iniziato tutto tardi. Ho iniziato a suonare il piano a 18 anni, poi ho cominciato a scrivere canzoni mentre frequentavo l'università, e non ho mai nemmeno pensato di poter cantare un giorno. Dunque quando iniziavo a scrivere delle canzoni, immaginavo semplicemente che qualcuno le cantasse. E questo è ciò che sento nel cuore ancora oggi." (Eva Simontacchi)

31/10/2009

Ivan Lins al Blue Note di Milano: "La sua semplicità, naturalezza e generosità sono ben evidenti durante le sue esibizioni. Si avverte che è con il suo pubblico in ogni momento, si concede senza riserve e lo fa divertendosi e coinvolgendo il chitarrista Amuedo con sguardi e intese per stabilire al momento tempi e dinamiche." (E. Simontacchi, N. Pazzaglia)

21/06/2009

"...sostegno e respirazione, potenza, proiezione e dinamiche, voce di testa, voce di petto, mix di testa e mix di petto, i quattro tipi di vibrato codificati dalla docente, effetti artistici e improvvisazione vocale sulle scale blues e pentatoniche." al Vocal Power Meeting per istruttori autorizzati tenuto da Elisabeth Howard. (Eva Simontacchi)

11/04/2009

Presso la Divisione ORL dell'Ospedale Fatebenefratelli è ormai attivo, nella sua completezza, il Centro integrato e laser-assistito di video-endo-stroboscopia elettronica delle vie aerodigestive superiori, un Centro Specialistico per visite ed esami consigliabile a tutti coloro che utilizzano la voce cantata e parlata.

05/10/2008

A Sagliano Cavour (LE) il Locomotive jazz festival 2008. In questa terza edizione, sotto la direzione artistica di Raffaele Casarano, Sheila Jordan con Billy Drummond, Roberto Cipelli, Attilio Zanchi e Alborada quartet; Franco Califano, Cuncordu e Tenore De Orosei, Nguyen Le; e ancora Massimo Manzi, Bebo Ferra, Maria Pia De Vito, hanno incontrato il meglio del jazz pugliese e salentino. (Mariagiovanna Barletta)

19/03/2008

Sonata Islands Quintet con Roberto Cipelli: "Il concerto si è snodato in modo fluido; gli eccellenti musicisti hanno dato prova di sensibilità e perizia, eseguendo splendidamente brani non certo facili, la maggior parte dei quali tutti scritti con parti obbligate da insieme cameristico." (Eva Simontacchi)

27/01/2008

Matteo Brancaleoni al Blue Note: "Una delle cose più importanti per me è "sentirsi nel brano" rispecchiarsi, trovare una propria chiave di lettura nell'interpretazione essendo onesti con sé stessi e con il pubblico." (Eva Simontacchi)

22/12/2007

Imprinting (Francesco Chebat)

20/12/2007

Oh Happy Day (Our Christams Songs) (4 Heaven & More)

21/10/2007

Distanze (Castiglioni – Grossi – Zanchi )

08/07/2007

Rosso, Verde, Giallo e Blu (Paolo Fresu Quintet)

11/03/2007

Master Class di "American English Diction And Pronunciation" tenuta da Eva Simontacchi: "La dizione è qualcosa a cui non si pensa mai abbastanza, ma il risultato di una buona dizione fa la differenza! La canzone risulta più melodica e scorrevole..." (Paola Piccinetti Aiello)

01/03/2007

Voci e Note di Natale, 4 Heaven & More: "Una fresca ricerca di quella purezza formale del bello assoluto che non tralascia assolutamente le ragioni del cuore: musica americana carica di sentimento latino,anzi, italiano e per questo sincero perchè vero." (Mario Livraghi)

03/02/2007

5 giorni di corso con Mary Setrakian: "...dobbiamo affrontare la sfida di "rimanere nudi" con le nostre emozioni, e questo può sollevare delle difese o può rendere qualcuno insicuro. Ma Mary ha sostenuto ognuno di noi nei nostri percorsi individuali." (Eva Simontacchi)

03/02/2007

Mary Setrakian con la Avant Orchestra, quando Broadway incontra il Jazz in Italia: "Arriva cantando, senza microfono, ma perfettamente udibile, e si avvia verso il palcoscenico per raggiungere l'Orchestra lungo il corridoio centrale tra le poltroncine del Teatro delle Erbe. Carica di energia e positività, la sua comparsa è elettrizzante." (Eva Simontacchi)

03/02/2007

Intervista a Mary Setrakian: "...lavoro sul "bisogno". Il "bisogno" è qualcosa che si ha da piccoli, da bambini. Il bisogno di essere amati, il bisogno di essere visti, il bisogno di essere ascoltati, il bisogno di essere qualcuno. Ci sono molti tipi di bisogno diversi, e l'attore si deve collegare alla sensazione di bisogno e deve cantare e parlare attraverso quella sensazione..." (Eva Simontacchi)

11/03/2006

Il Paolo Fresu Quintet alla Maison Musique

04/06/2005

Encanto (Attilio Zanchi - Naco - Bebbo Ferra)

18/07/2004

Intervista a Angela Baggi: "...Per me la musica è un modo per stare vicini e farlo con le persone che hanno una umiltà, una umanità, un modo di sentire la musica che includa tutti quanti: bianchi, rossi, neri tutti assieme..." (Eva Simontacchi)

10/04/2004

Una serata con Bruno De Filippi: "...Louis Armstrong è venuto a sedersi vicino a me...Non sapevo più come fare...avrei voluto toccarlo, parlargli...Balbettavo...con il banjo gli ho accennato l'inizio di una canzone...lui mi ha sorriso, ha preso in mano la tromba e ha incominciato a suonare e cantare..." (Eva Simontacchi)

03/04/2004

Angela Baggi Underground Gospel Project alle Scimmie: "...Angela Baggi con la sua voce calda, penetrante, cattura definitivamente l'attenzione del pubblico. Angela riesce ad esprimere la sua anima quando canta!" (Marina Stiletto)

07/12/2003

Eva Simontacchi, in occasione del laboratorio di tecnica di canto "Vocal Power Singing Method" organizzato dall'A.I.C.I. e tenuto da Elisabeth Howard, ci racconta come si è svolto l'incontro da un punto di vista didattico. Inoltre ha incontrato Elisabeth Howard per una bella intervista in cui la Howard ci racconta la sua intensa vita.





Video:
Paolo Fresu Quintet backstage 2007
Il backstage del Paolo Fresu Quintet al Vasto festival 2007...
inserito il 06/12/2007  da jazzconvention - visualizzazioni: 3719


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 5.095 volte
Data pubblicazione: 24/03/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti