Jazzitalia - Traeben: Push
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Max Ionata Three One per la rassegna Boogie Jazz Season presso il BOOGIE CLUB di Roma.

Per i dieci Anni di Milleunanota arriva la cantante brasiliana Rosàlia De Souza.

Dolomiti Ski Jazz 2019. 22° Edizione, dal 9 al 17 marzo 2019: concerti su misura per… sciatori. Il Dolomiti Ski Jazz è un incrocio di passioni: quelle per gli sport invernali, per la black music, per la natura alpina.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Traeben
Push



Jarr Records (2012)

1. Top Dog
2. Try To Remember
3. God Makes Backups
4. Can You?
5. Catatraffic
6. All It Needs
7. We'll Let You Know
8. Simple Things
9. Nothing Or Nothing At All
10. Mi Hijo

Soren Ballegaard - sax tenore
Jens Larsen - chitarra
Olaf Mejer - contrabbasso
Haye Jellema - batteria


Le note di copertina sono un biglietto di presentazione niente male, perché firmate da chi di musica buona ne sa parecchio: Hein Van De Geyn, che descrive a meraviglia le linee che conducono verso la nuova scena jazzistica europea. Una scena che vede anche protagonista il quartetto danese (Jen Larsen e Soren Ballegaard) / olandese (Olaf Meyer e Haye Jellema) che approda al secondo lavoro discografico sottolineando tutto quanto di buono circoli, al momento, in Europa e dintorni.

Un fiume di musica siglata da Jens Larsen, ad eccezione di "Nothing Or Nothing At All", autografata da Soren Ballegaard, con la melodia che s'insinua, ondeggia e traccia la sua linea nel sassofono dell'autore e si ristora nelle freschezza delle frasi di Larsen.
Ma al di là delle composizioni, d'ottima fattura, è l'insieme che fa la differenza: splendidamente coeso, si muove dominato da un interplay costruttivo che tende verso un comune scopo. Non v'è chi fa la voce grossa e nessuno tende a coprire l'altro, semmai il contrario. Il gioco è comune e la squadra si muove bene, attraverso le pulsioni del drumming poliritmico di Jellema che caratterizza i colori della varierà delle scale di Larsen e dell'agile fluire, caldo e levigato, del tenore di Ballegaard ("Top Dog"), in souplesse, poi, nelle morbide note di "Try To Remember".
Giganteggia il groove disegnato da Mejer in "God Makes Backups", che riluce della migliore tradizione hard bop. Radici evocate anche nella ballad "Can You?", cantata con giusto lirismo dal sax di Ballegaard e nelle tanto energiche, quanto emozionanti, corde di Larsen. "Catatraffic" rispecchia l'onda con strutture armoniose e progressioni semplici, sorrette da una sezione ritmica omogenea e agile. Veste abiti eleganti, venati di soul nelle rotonde sonorità di "All It Needs" e "We'll Let You Know", quest'ultima più corpulenta nei sussulti metrici. E' la polposa voce del contrabbasso di Mejer a cantare il waltz di "Simple Things".
"Mi Hijo", perfetto incontro tra idiomi differenti, chiude un lavoro che tiene a mente la tradizione, rinnovandola con particolare acume e lasciando che due concezioni differenti si sposino, senza urtare la sensibilità di nessuno.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.007 volte
Data pubblicazione: 29/12/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti