Jazzitalia - Traeben: Push
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Rinvio al 2021 per la XX Edizione del Beat Onto Jazz Festival.

Multiculturita Summer Fest 2020!! Annunciata anche nel 2020 un'edizione del famoso e longevo festival capursese: aLa musica del crooner Nick The NightFly Quintet e il Brasile di Rosalia de Souza..

12.500 euro destinati per una Borsa di Studio "Giorgia Mileto". promossa dalla famiglia e dal Saint Louis College of Music per i Corsi accademici di Jazz & Popular Music..

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

E' morto Jimmy Cobb.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Aldo Bassi, trombettista, direttore d'orchestra, insegnante e leader di varie band, è venuto a mancare a Latina..

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Traeben
Push



Jarr Records (2012)

1. Top Dog
2. Try To Remember
3. God Makes Backups
4. Can You?
5. Catatraffic
6. All It Needs
7. We'll Let You Know
8. Simple Things
9. Nothing Or Nothing At All
10. Mi Hijo

Soren Ballegaard - sax tenore
Jens Larsen - chitarra
Olaf Mejer - contrabbasso
Haye Jellema - batteria


Le note di copertina sono un biglietto di presentazione niente male, perché firmate da chi di musica buona ne sa parecchio: Hein Van De Geyn, che descrive a meraviglia le linee che conducono verso la nuova scena jazzistica europea. Una scena che vede anche protagonista il quartetto danese (Jen Larsen e Soren Ballegaard) / olandese (Olaf Meyer e Haye Jellema) che approda al secondo lavoro discografico sottolineando tutto quanto di buono circoli, al momento, in Europa e dintorni.

Un fiume di musica siglata da Jens Larsen, ad eccezione di "Nothing Or Nothing At All", autografata da Soren Ballegaard, con la melodia che s'insinua, ondeggia e traccia la sua linea nel sassofono dell'autore e si ristora nelle freschezza delle frasi di Larsen.
Ma al di là delle composizioni, d'ottima fattura, è l'insieme che fa la differenza: splendidamente coeso, si muove dominato da un interplay costruttivo che tende verso un comune scopo. Non v'è chi fa la voce grossa e nessuno tende a coprire l'altro, semmai il contrario. Il gioco è comune e la squadra si muove bene, attraverso le pulsioni del drumming poliritmico di Jellema che caratterizza i colori della varierà delle scale di Larsen e dell'agile fluire, caldo e levigato, del tenore di Ballegaard ("Top Dog"), in souplesse, poi, nelle morbide note di "Try To Remember".
Giganteggia il groove disegnato da Mejer in "God Makes Backups", che riluce della migliore tradizione hard bop. Radici evocate anche nella ballad "Can You?", cantata con giusto lirismo dal sax di Ballegaard e nelle tanto energiche, quanto emozionanti, corde di Larsen. "Catatraffic" rispecchia l'onda con strutture armoniose e progressioni semplici, sorrette da una sezione ritmica omogenea e agile. Veste abiti eleganti, venati di soul nelle rotonde sonorità di "All It Needs" e "We'll Let You Know", quest'ultima più corpulenta nei sussulti metrici. E' la polposa voce del contrabbasso di Mejer a cantare il waltz di "Simple Things".
"Mi Hijo", perfetto incontro tra idiomi differenti, chiude un lavoro che tiene a mente la tradizione, rinnovandola con particolare acume e lasciando che due concezioni differenti si sposino, senza urtare la sensibilità di nessuno.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.058 volte
Data pubblicazione: 29/12/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti