Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Click here to read the english version


abeat 2001 - AB JZ 006

Antonio Zambrini
Quartetto

1. Mani-Festa-Forum (sociali)
2. PAT (Piace A Tito)
3. Melampo
4. Undici, dodici
5. Andante andante
6. Tano
7. Parole al vento
8. Una sera
9. La strada di Gino
10. Ariacqua

Tutti i brani sono composti e arrangiati da Antonio Zambrini

Antonio Zambrini
piano
Kyle Gregory
trumpet
, flugelhorn
Tito Mangialajo Rantzer
double bass
Roberto Dani
drums
, percussions

Fin dal suo disco d'esordio Antonio Zambrini si è rivelato come uno dei più interessanti tra i nuovi compositori e pianisti della scena jazzistica europea.

Credo sia importante sottolinearne il ruolo di autore, dato che spesso la critica ha preferito soffermarsi sulle sue qualità pianistiche (del resto facilmente avvertibili dal primo ascolto) e sul buongusto innato che ad esse appartiene; a proposito delle sue composizioni si è invece fin troppo parlato di "voluta semplicità", quasi che Zambrini si compiacesse di un gusto naïf che invece gli è del tutto estraneo.

I brani di questo artista sono solo apparentemente semplici, e il fatto di evitare fronzoli di ogni tipo non impedisce loro di articolare un pensiero musicale estremamente raffinato e complesso. La naturale ritrosia che Zambrini nutre per il virtuosismo esteriore lo porta, anche nella creazione dei pezzi, a mascherare dietro un'assoluta trasparenza di scrittura notevoli capacità di costruzione, formale e melodica. Su tutto spicca uno straordinario gusto
armonico
, che gli permette di inanellare progressioni di accordi assai sofisticate con la massima naturalezza, senza alcuna sensazione di artificiosità, e spesso nei temi di questo disco una melodia di poche note viene guidata attraverso una foresta armonica assai ramificata (l'esempio migliore di questa tecnica si ritrova nel bellissimo brano
Melampo).

La predilezione di Zambrini per l'uso dell'enarmonia lo accomuna a livello ideale con musicisti che pure appartengono a sfere stilistiche assai lontane dalla sua, come Ivan Lins, Antonio Carlos Jobim e Djavan, oltrechè a figure cardine della musica del Novecento come Maurice Ravel.

Rispetto ai dischi precedenti si nota una maggiore libertà dal punto di vista ritmico, dovuta alla presenza di un musicista prodigioso quale è Roberto Dani. Il suo set percussivo è dotato di una flessibilità unica, in grado di fornire al leader continue proposte di figure asimmetriche (come nel brano che apre il disco) senza che venga mai a mancare lo swing necessario a sostenere l'impianto del gruppo. Solidità e libertà sembrano essere le caratteristiche genetiche di Dani, e Zambrini ha l'intelligenza di saperle utilizzare al meglio, inserendo nel suo pianismo una grinta diversa rispetto alle tinte pastello predilette in passato.

Anche il basso di Tito Mangialajo Rantzer risponde in modo assai incisivo alla batteria di Dani e stende intorno ad essa un'intelaiatura ritmico/melodica in cui cantabilità e groove si mantengono in mirabile equilibrio senza che un elemento sovrasti l'altro.

Il flicorno di Kyle Gregory sottolinea con la bellezza del suo suono le curvature melodiche dei pezzi, e negli assoli dimostra una capacità di costruzione in perfetta sintonia con quella di Zambrini, dando vita a un pensiero musicale dove silenzi e respiri sono importanti quanto le note. Ciascuno di questi musicisti ha fortunatamente superato da tempo la necessità di esibire la propria bravura strumentale, scegliendo invece di concentrare la propria attenzione sull'intensità del risultato finale, che viene mantenuta per tutta la durata del disco senza cedimenti. La tensione resta alta anche nei passaggi più tranquilli di questa musica, e l'ascolto conferma una volta di più (sempre che ce ne fosse bisogno) la statura di questo musicista e dei suoi compagni di viaggio
Carlo Boccadoro
 





Articoli correlati:
12/11/2017

Different Standards - Short Stories (Lo Greco Bros)- Alceste Ayroldi

28/09/2014

Plays Nino Rota (Antonio Zambrini)- Antonella Chionna

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

30/09/2012

La Belle Vie (Simona Severini)- Enzo Fugaldi

20/02/2011

Time To Change (Diego Ruvidotti)- Rossella Del Grande

30/05/2010

Songs From The Procol Harum Book (Antonio Zambrini Trio) - Marco Buttafuoco

20/08/2009

It's a Gadget World… (Ron Horton feat. Antonio Zambrini) - Alceste Ayroldi

06/01/2008

Il Lee Konitz Quartet al Barletta Jazz Festival: "Il trio Zambrini-Tavolazzi-Manzi è stato assolutamente superlativo! Gli interventi dell'ottimo pianista Zambrini, in particolare evidenza per intelligenza e purezza espressiva, sono stati apprezzati dal pubblico per la chiarezza delle linee melodiche e ritmiche." (Pasquale Stafano)

12/09/2006

Intervista ad Antonio Zambrini: "Non ci sono delle difficoltà particolari nell'avviare una carriera nel jazz: è proprio la carriera che è difficile, per mille motivi..." (Rossella Del Grande)

05/08/2006

Il Nick La Rocca Jazz Festival 2005 in uno scenario con un'atmosfera semplicemente incantevole, una perfetta organizzazione, una manifestazione che ha offerto sicuramente più luci che ombre. (Francesco Peluso)

24/05/2006

Musica (Antonio Zambrini)

15/03/2006

Ron Horton Quartet alla Salumeria della Musica: "Il grande jazz può essere anche molto fresco e giovane. Questa è la sensazione che ho provato fin dall'inizio, ascoltando Ron Horton, Ben Allison, Mike Sarin ed Antonio Zambrini..." (Rossella Del Grande)

01/11/2005

I concerti di Viggiano 2005: Aula, Vigorito e Zambrini con intervista, Zegna, Marcotulli, Bonvini, Giammarco e l'Orchestra Laboratorio diretta da Mario Raja... (Francesco Peluso)

23/08/2003

Due Colori (Antonio Zambrini)

09/02/2003

Antonio Zambrini (piano)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 9.886 volte
Data pubblicazione: 12/12/2001

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti