Jazzitalia - Nino Di Leone: Quel che non si fa più
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Four - 2006
Nino Di Leone
Quel che non si fa più


1. Ma non eternamente (Nino e Guido Di Leone)
2. Preambolo
3. Borsalino (Bolling)
4. Quando un cantante è triste (C. A. Rossi)
5. Fumo negli occhi (J. Kern)
6. Senza cerini (L. Luttazzi)
7. Fumo la pipa (F. Batacchi)
8. Sweet and lovely (Arnheim)
9. Quel che non si fa più (G. Garvarentz)
10. Il capello (C. A. Rossi)
11. Teresa non sparare (Buscaglione - Chiosso)
12. On the sunny slde of the street (J. Mc Hugh)
13. Una riprovevole carenza (Adrenalina) - La terapia del whisky (Giacobelti - Savona - Ferrio - Chiosso)
14. Un po' di latte (fa sempre bene) (Giacobelti - Savona - Ferrio - Chiosso) 15. Amico whisky (G. Cichellero)
16. Whisky facile (Buscaglione - Chiosso)
17. Core 'ngrato (Catarì, nomi femminìli e personaggi pittorici) (Cardillo)
18. Le donne (A. Martelli)
19. Canti nuovi (Armando Gil)
20. Vivere (C. A. Bixio) - L'hai voluto te!
Pericolo n.l - Donna riccia (Bonagura - Modugno)
21. Maramao (Consiglio - Panzeri)
22. Is you ìs or is you ain't (B. Austin - L. Jordan)
23. There will never be another you (H. Warren - Gordon)
24. l've only eyes for you (H. Warren) - They can't take that away from me (G. Gershwin)
25. The contìnental (Conrad)
26. Pigliate 'na pastiglia - 'A sonnambula (R. Carosone - Alfieri)
La pansé - Chella lIa' (Rendine - Pisano - Taccani)
27. Ho bevuto (G. Kramer)
28. Una sigaretta (Buscaglione)

Nino Di Leone - piano, voce
Luciano Bellomo - contrabbasso
Guido Di Leone - batteria


Nino Di Leone è un musicista d'altri tempi. Il suo stile coinvolgente lo vede calzar le vesti del cantante-showman dell'era Swing, ed allo stesso tempo ricorda, con i piccoli e ricorrenti intervalli fra un brano e l'altro, un intrattenitore di qualche piccolo cabaret che si diletta a far sorridere il proprio pubblico.



Il disco in questione, dall'allettante titolo "Quel che non si fa più", ci mostra l'artista pugliese stupendamente a proprio agio, accompagnato dal contrabbasso di Luciano Bellomo e da Guido Di Leone alla batteria, che si prodiga lungo tutta una serie di piacevoli brani d'annata categoricamente obliati dalle odierne proposte televisive e, ahimé, radiofoniche: dimenticati cioè dai palinsesti di quell'apparecchio divenuto celebre e popolare proprio grazie alle melodie che ora abbandona con rozza irriverenza. Ma Nino - viene spontaneo chiamarlo per nome, dopo essere entrati in confidenza con il suo modo allegro e smaliziato di presentarsi - ha ben chiari i propri propositi e dipana lungo la serata (il disco infatti è una registrazione dal vivo nel locale in cui si esibisce, eccezion fatta per il primo brano) questi motivi che in fondo lasciano sempre la sensazione di far parte di un ambiente passato certo, ma inspiegabilmente assimilato e vivissimo nel nostro patrimonio musicale. E' davvero difficile non lasciarsi coinvolgere quindi dalle melodie semplici e trasognanti di questi Swing o Blues più popolari, legati proprio al mondo dell'entertainment che va dagli anni '30 fino ai '50 e che ci riportano titoli come "Smoke gets in your eyes" "Il Capello" "Whisky facile" o la classica ma inaspettata "Maramao". Viene da sorridere mentre si ascoltano motivi che quasi per istinto si intendono legati al suono sommesso ed un po' gracchiante di qualche vecchio disco vinile, magari addirittura un 78 giri, ed invece ci appaiono limpidi e paradossalmente attuali, dimostrando oltretutto come la musica "commerciale" di allora fosse ben più valida di quella di oggi.

Inoltre, a supporto della già piacevole riscoperta di queste musiche il nostro camaleontico musicista veste l'abito dell'istrione sorridente ed introduce quasi tutti i brani ed ogni strumentista con brevi intervalli a cavallo fra una canzone e l'altra, o si dilunga su qualche curiosità riguardo a ciò che sta per farci ascoltare. Il modo di parlare è un po' teatrante, quasi spensierato, per un pubblico certamente divertito da un programma quasi organizzato per temi che raccontano appunto "quel che non si fa più", il fumo, il whisky, le donne con grande simpatia ed ironia (si ascolti "La terapia del whisky" o "Un po' di latte").

Oltre alla forma con cui presenta il proprio lavoro, c'è anche da considerare che Nino Di Leone è un musicista totalmente autodidatta, artista per passione e jazzista vero, coerente con la propria musica soprattutto nella piacevole condivisione del palco con amici musicisti di passaggio, assieme a cui imbastisce brevi jam-session, ampliando così l'organico sul palco dal semplice trio di partenza. Egli fa della semplicità la propria insegna e grazie al sensibile tocco sui tasti del pianoforte centra perfettamente l'obbiettivo. Impossibile infatti, durante l'ascolto, non immaginarsi il classico e forse stereotipato locale night velato da luci soffuse, sul cui palco si esibisce la Jazz band del momento, avvolta da una nube di fumo (quando Veronesi ancora non dettava legge) e dall'odore pregnante di drinks ed alcolici.

I brani proposti, 28 in totale, rimettono in luce grandi nomi: il Gershwin di "They Can't Take That Away From Me" passando per Buscaglione, McHugh, dal grandissimo Renato Carosone ad Armando Gil. Durante l'ascolto non si sente la necessità di identificare degli esempi più o meno efficaci di altri, perché oltre ad una certa omogeneità stilistica, costituita dai tipici arrangiamenti e melodie Swing, c'è da osservare che non è sulla tecnica ma sulla qualità che si punta tutto; non avrebbe senso voler isolare dei brani ed analizzarli, per così dire, slegati dall'insieme, se si considera a monte il proposito del musicista: costituire la colonna sonora, l'elemento portante, di una serata che ha avuto fisicamente luogo in un piano bar, e quindi immune ad una fredda analisi critica compiuta sulla registrazione dell'evento. Come lo stesso Nino spiega in "Preambolo", la sua maniera di esprimersi più usuale e salda è proprio quella dello show dal vivo, ma sia ben chiaro che c'è una profonda differenza fra un concerto di Jazz e lo show di questo artista, proprio perché quest'ultimo comprende non solo la musica, ma anche l'ambientazione, le parole, il rapporto stretto e ravvicinato col pubblico e, perché no, anche la dimensione essenziale del divertissement, connotazione "commerciale" inscindibile dal modello musicale cui si fa riferimento.

Una volta terminato l'ascolto del disco l'impressione è decisamente positiva, anche se purtroppo dinanzi a questo lavoro si prova inevitabilmente il rammarico di non aver potuto assistere alla serata, che sicuramente ha reso la musica ancor più coinvolgente e vibrante di quanto non appaia già dalla registrazione sul disco, comunque una valida consolazione assieme, come si apprende durante l'ascolto, ad un buon whisky on the rocks ed alla voce "aspra e cavernicola" di Nino.
Achille Zoni per Jazzitalia







Articoli correlati:
18/06/2017

Bisceglie, una città intera a suon di Jazz: 5 straordinarie location tra il centro storico e la litoranea, tutte con lo skyline del mare, trasformeranno Bisceglie il 5-6 e 7 agosto in una città a suon di jazz.

19/07/2015

Intervista a Saverio Pepe: "Mi rivolgo a tutti gli appassionati delle cose belle della vita, del buon gusto, dell'ironia, della profondità delle cose." (Nina Molica Franco)

29/03/2015

The Duke (Vibeguitar Quartet)- Antonella Chionna

01/02/2015

The night has a thousand eyes (Angelo Adamo, Guido Di Leone, Francesco Angiuli)- Alceste Ayroldi

17/11/2014

Epoca (Onofrio Paciulli)- Alceste Ayroldi

22/06/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Antonio Delvecchio, Fo(u)r: "Il jazz in questi anni, in particolare in Italia, è sicuramente condizionato dalla situazione contingente e quindi non gode di buona salute. " (Alceste Ayroldi)

08/02/2014

Quattro chiacchiere con...Guido di Leone: "C'è ancora chi pensa che sia una musica difficile e per vecchi: alcuni ragazzi non l'hanno mai sentito. Poi quando lo scoprono se ne innamorano!" (Alceste Ayroldi)

07/12/2013

The Smitherson & Guido di Leone The Smitherson & Guido di Leone : "Grazie al loro suono verace e carico di passione gli artisti hanno dato vita a una serata all'insegna della buona musica..." (Francesco Favano)

02/02/2013

Broadway (Di Leone, Macchia, Di Lecce)- Francesco Favano

03/12/2011

Treni A Vapore (Max Monno)- Pierfrancesco Falbo

23/10/2010

Com os Violoes (Francesca Leone)- Alessandro Carabelli

22/03/2010

sings Cole Porter& the beat of yearning desire (Giuseppe Delre) - Cinzia Guidetti

25/08/2009

Blue night (Guido Di Leone) - Giuseppe Andrea Liberti

12/10/2008

Falando de Jobim (Paola Arnesano )

14/08/2008

Dallo swing al funk per la 6° edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival 2008 con l'intensità di Kekko Fornarelli insieme a Rosario Giuliani, la tranquilla andatura dei Manhattan Transfer, la scherzosa (e sacra...) musica di Lino Patruno e l'incendiaria forza di Marcus Miller: 4 serate all'insegna della musica di qualità con un pubblico che ha sempre riempito la piazza della Reale Basilica di Capurso. (Marco Losavio)

22/06/2008

Colorando (Marchio Bossa)

04/12/2006

All the Way (Francesca Leone)

31/10/2006

Moon, stars and nights (Chrissie Carpenter Oppedisano)

19/08/2006

The Way I Like (Berardi Jazz Connection)

18/12/2005

Italian Jazz Ensemble (Italian Jazz Ensemble)

18/07/2005

Isole (Guido di Leone e Ottonando Brass Ensemble)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.631 volte
Data pubblicazione: 30/03/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti