Jazzitalia - Recensioni - Antonio Di Fonzo: Rebirth
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Annunciato il San Severo Winter Jazz Festival 2021, 7 concerti internazionali dal 29 ottobre al 1 aprile 2022..

Pubblicato "The Rising Sun" il nuovo e quarto album del chitarrista modern jazz Fabrizio Savino.

ECM: le novità in uscita della prestigiosa casa discografica tedesca. .

Open Day del Saint Louis Music School dedicato al Master in I livello in Music Business & Management. .

Al via il Premio Rota 2021. Un'edizione dove accanto alla consegna dei riconoscimenti vi sarà tanta musica dal vivo. .

Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz".

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Antonio Di Fonzo
Rebirth



dIG (2019)

1. Letter of Love
2. Desert Flower
3. Inspiration
4. Rebirth
5. Dancing Sea
6. Space Waltz
7. Falling Stars
8. Beat of My Heart
9. Innocent Soul
10. Sir Rudy
11. The Rain

Antonio Di Fonzo - pianoforte


Solo con il pianoforte e, per giunta, solo con le sue composizioni. Tutto ciò sembrerebbe incredibile, quasi una blasfemia per un giovane musicista al suo esordio discografico. Inoltre, qui parliamo di un musicista che conosce bene la musica classica, confortato da ottimi studi ed encomiabili successi. Ma il suo tocco è da innamorato del jazz; meglio: anche del jazz. E quindi, mette insieme i due linguaggi – anche dal punto di vista compositivo – con ardore, con passione: nulla è qui studiato. Ci si accorge a primo orecchio, che agisce con naturalezza espressiva e sostanziale. Certo, l'arpeggio arioso, veemente; gli accordi sontuosi e la cadenza imperiosa dei grandi pianisti del romanticismo è sempre in prima linea, come in "Desert Flower". Così anche i passaggi novecenteschi, con sospensioni e pause ricche di significato che rileggono un repertorio infinito, personalizzato da Di Fonzo con passaggi degni del migliore bagaglio del piano jazz europeo ("Inspiration", "Dancing Sea"). Fanno capolino le blue notes in "Space Waltz" con l'allungarsi delle note, con accordi interrotti in favore di una melodia ben marcata. Merita una menzione speciale "Falling Stars" per la bellezza della sua semplicità melodica, cantabile, danzabile e per i cambi di volume, per gli stop e le ripartenze che la rendono vibrante e rigogliosa. Imperiosa, arriva " Sir Rudy": e anche qui assistiamo a dei cambi di passo, dalla cadenza rigorosa e pomposa iniziale – lì dove si ascoltano anche delle inclinazioni stride -, a lucenti e vellutate note. Una caratteristica che accomuna le tredici composizioni di Antonio Di Fonzo, dove – si badi bene – ogni composizione ha il suo vissuto, il suo personale racconto.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.264 volte
Data pubblicazione: 26/04/2020

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti