Jazzitalia - Recensioni - Jan Garbarek Hilliard Ensemble: Remember me, my dear
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Edizione Speciale, il nuovo album di Enrico Rava.

Si è spento all'età di 95 anni la grande icona della chitarra jazz Franco Cerri..

Annunciato il San Severo Winter Jazz Festival 2021, 7 concerti internazionali dal 29 ottobre al 1 aprile 2022..

Pubblicato "The Rising Sun" il nuovo e quarto album del chitarrista modern jazz Fabrizio Savino.

ECM: le novità in uscita della prestigiosa casa discografica tedesca. .

Open Day del Saint Louis Music School dedicato al Master in I livello in Music Business & Management. .

Al via il Premio Rota 2021. Un'edizione dove accanto alla consegna dei riconoscimenti vi sarà tanta musica dal vivo. .

Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz".

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPPI Andrea (piano, tastiere)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            INDRA (gruppo)
            LEPORE Fabio (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Jan Garbarek Hilliard Ensemble
Remember me, my dear



Ecm, distr. Ducale (2019)

1. Ov zarmanali
2. Procurans odium
3. Allting Finns
4. Litany
5. Dostoino est
6. Sanctus
7. Most Holy Mother Of God
8. Procendentum sponsum
9. Se je fayz deuil
10. Alleluia nativitas
11. O ignis spiritus
12. We Are The Stars
13. Agnus dei
14. Remember me, my dear

Jan Garbarek - sassofono soprano

The Hilliard Ensemble:
David James - contraltista
Roger Covery - Crump, tenore
Steven Harrold - tenore
Gordon Jones - baritono


E' un live del 2014, registrato a Bellinzona, questa opera magnificente di Garbarek con l'Hilliard Ensemble. Perché magnificente? Perché plasmare la musica sacra, trattarla, concepirla oggi è per gente che ci sa fare veramente. Il canto gregoriano del sodalizio britannico – scioltosi, purtroppo, proprio nel 2014 – è di quelli che fanno venire i brividi, per i palati raffinati; ma anche per chi ha bisogno di sciacquare la coclea e ristorarsi un po'. D'altro canto, ci sarà un motivo per cui l'album registrato nel 1993 ebbe un così tale riscontro di critica e di pubblico da far impallidire le vendite anche dei big del pop.
 
L'apertura con una composizione di Komitas, con il soprano di Garbarek che scandisce con meticolosa lentezza e riverberi opportuni l'ascetica armonia mentre le quattro voci tessono un unicum a sostegno prima di liberare la bellezza del loro canto. Allting Finns reca la firma di Garbarek e mette insieme la monodia liturgica con gli acquerelli scandinavi, che sembrano nati l'una per gli altri.

La bellezza di " Procedentum sponsum" con le ficcanti, liberatorie note ingioiellate di Garbarek, risiede anche nella luminosità del contralto David James, che fa da cantore con grazie e impeccabile prosodia. Anche "We Are The Stars" proviene dalla vena compositiva di Garbarek; il sassofonista norvegese tinteggia con rispetto l'opera magna che la storia del canto ci ha tramandato, illanguidendola in ambienti siderali. La gioiosità di "Alleluia nativitas" è condotta da Garbarek, inaspettatamente, con un incedere blues, giusto per non dimenticare quanto il tempo sia un concetto relativo.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
31/05/2015

Vicenza Jazz New Conversations - XX Edizione: "Venti anni di passione e consapevolezza per un festival al servizio della città e dei tanti artisti che gravitano nel suo comprensorio, con una partecipazione mai registrata in precedenza." (Vittorio Pio)

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

27/11/2010

Officium Novum (Jan Garbarek – The Hilliard Ensemble) - Dario Gentili

07/12/2009

Dresden (Jan Garbarek Group) - Alceste Ayroldi

01/11/2009

New Conversations Vicenza Jazz 2009, "Il Jazz che venne dal freddo" con John Zorn e Uri Caine, Jan Garbarek & l'Hilliard Ensemble, Pete Churchill in "solo Performance" e la Mingus Dynasty con "Mingus Ah Um". (Giovanni Greto)

25/10/2009

Giunto alla 29a edizione il Roccella Jazz Festival sotto il titolo "Rumori Mediterranei" propone quest'anno trenta concerti in undici giorni con i più grandi artisti della scena internazionale. Una rassegna itinerante partita da Reggio Calabria e che, toccando diverse località, si è conclusa nella sua città natìa Roccella Jonica con i consueti quattro giorni di musica e appuntamenti collaterali. (Vincenzo Fugaldi)

19/09/2009

XXII Edizione del Festival Internazionale Time in Jazz dedicata all'Acqua: "Forse, mai come stavolta, si è percepito tra i cultori del jazz e delle sue variabili una simbiosi tra musica e luoghi intesi come mondo in cui vivere. Nei giorni del festival, ogni artista, ogni singola nota, ogni messaggio ha ribadito che anche attraverso la musica si può - anzi, si deve - offrire il proprio contributo per tenere in vita nel miglior modo possibile per noi e per coloro che arriveranno, un mondo che oggi appare offeso e trascurato nelle sue risorse essenziali: tra queste l'acqua, nelle sue forme e mutazioni in parallelo con le infinite combinazioni musicali." (Viviana Maxia)

05/07/2008

Jazz! Appunti e Note del Secolo Breve. (Franco Bergoglio )

18/08/2007

Jan Garbarek Quartet a Venezia: "Deludente, e lo diciamo dispiaciuti, l'esibizione del sassofonista norvegese nel celebre teatro veneziano, per la seconda edizione di Jazz at Fenice..." (Giovanni Greto)

18/12/2004

In Praise of Dreams (Jan Garbarek)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 706 volte
Data pubblicazione: 19/01/2020

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti