Jazzitalia - Komeda Project: Requiem
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

WM Records 2009
Komeda Project
Requiem


1. Night-Time, Daytime Requiem Pt. 1
2. Night-Time, Daytime Requiem Pt. 2
3. Night-Time, Daytime Requiem Pt. 3
4. Ballad For Bernt
5. Dirge For Europe
6. Astigmatic
7. Elutka *
8. Prayer And Question
9. Litania
10. Anubis *

Krzysztof Medyna - Sax Tenore e Soprano
Andrzej Winnicki - Piano
Russ Johnson - Tromba
Scott Colley - Basso
Nasheet Waits - Batteria





L
a musica di Krisztof Komeda, medico e musicista polacco morto in circostanze mai chiarite nel 1969, a soli 38 anni e conosciuto soprattutto per essere l' autore delle colonne sonore di alcuni dei primi capolavori di Roman Polansky (Rosemary's baby, Il coltello nell' acqua) continua ad interessare il jazz contemporaneo. Già dodici anni fa il grande trombettista polacco Tomas Stanko, che di Komeda fu a lungo collaboratore, pubblicò per la ECM il toccante Litania con accanto strumentisti del calibro di Bobo Stenson, Palle Daniellson e Terje Rypdal.

Da alcuni anni opera a New York un gruppo dedicato alla rilettura dell'opera dello sfortunato artista. Un gruppo composto da musicisti polacchi e americani che dopo l' esordio discografico di due anni fa (Crazy girl) consegna ora al mercato questo suggestivo Requiem (Il brano che da il titolo al cd fu scritto da Komeda in occasione della morte di John Coltrane).

Quella di Komeda è certo una musica scrittura intrisa di straziata malinconia slava e di una certa profonda, sofferta religiosità (elemento caratterizzante, d'altronde, dell' anima polacca), come molti titoli dei suoi brani testimoniano. La lettura di Tomas Stanko nel disco citato era forse, per semplificare, più europea ed intimista. Quella del Komeda Project è più dentro alla vicenda del jazz americano degli anni '60, Si sentono Trane ed i suoi epigoni (ma il sassofonista Krisztof Medyna cita nel Requiem delle prime tracce anche Jan Garbarek) e, forse in maniera ancora più accentuata, Charles Mingus. Da notare come recentemente il quintetto si è rinnovato sostituendo Michael Bates con Scott Colley al contrabbasso e Dave Anthony con Nasheet Waits alla batteria, ottenendo così un suono più drammatico, più nero al gruppo di quello espresso nel precedente album.

Paradigma di ascolto di questo cd è il quinto titolo "Dirge for Europe", episodio segnato da sequenze coltraniane e reminiscenze klezmer, tessute su un mesto andamento processionale dettato dagli straordinari tamburi di Nasheet Waits.

Bel disco, intenso e sofferto. Riuscito anche nei due originals firmati dal pianista Andrzej Winnicki. Una testimonianza significativa di come la musica afro americana abbia messo radici nel cuore di milioni di persone in tutto il mondo, diventando linguaggio universale.

Marco Buttafuoco per Jazzitalia







Articoli correlati:
25/04/2018

Notti di Stelle a Bari: Cammariere, Paoli e Rea, Chano Dominguez e il progetto Hudson di Jack Dejohnette &, John Scofield per la 29ma edizione di Notti di Stelle, il festival jazz della Camerata Musicale Barese

14/01/2018

I primi due giorni di Umbria Jazz Winter 2017/2018: "Per i suoi venticinque anni Umbria Jazz Winter si è voluta trattare bene: a Orvieto: un sacco di musicisti, molti dei quali "resident artist" che grazie a questo si sono esibiti in più concerti." (Aldo Gianolio)

26/04/2015

Imaginary Cities (Chris Potter)- Enzo Fugaldi

17/11/2014

Present (Thomas Maintz - Scott Colley - Johnathan Blake)- Alceste Ayroldi

15/08/2013

Spaces (Francesco Cataldo)- Gianni Montano

27/07/2013

Intervista a Francesco Cataldo: "La Spiritualità è il motore della mia ricerca musicale. Non riesco a scindere la spiritualità dalla musica." (Gianmichele Taormina)

08/12/2012

Kenny Werner feat. David Sanchez, Randy Brecker, Scott Colley e Antonio Sanchez: "Siamo una squadra talmente affiatata che ognuno è attento al modo di suonare dell'altro e lo completa." (Gaetano Petronio)

22/04/2012

"Concerto e intervista dopo una settimana al Village Vanguard di New York insieme a Scott Colley e Antonio Sanchez per presentare il nuovo album 'Permutation', segno di un importante cambiamento artistico." (Marco Losavio)

20/03/2011

Journal (Joseph Lepore) - Alceste Ayroldi

30/01/2011

Una gallery di oltre 60 scatti al New York Winter Jazz Fest 2011: Chico Hamilton, Don Byron, Geri Allen, JD Allen, Butch Morris, Steve Coleman Vernon Reid, Anat Cohen, Aaron Goldberg, Nasheet Waits, Abraham Burton, Eric McPherson...(Petra Cvelbar)

19/12/2010

13ma edizione del Padova Jazz Festival: La musica e le immagini del Dave Douglas & Keystone, i New Quartet di Gary Burton - con Antonio Sanchez, Scott Colley e il giovane sorprendente talento Julian Lage - e del veterano Charles Lloyd con i solidissimi Jason Moran, Eric Harland e Reuben Rogers. Tre concerti di alto livello e molto apprezzati da un pubblico spesso in visibilio dinanzi alle performance di questi maestri.

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

04/05/2009

Don't loose your soul (Silvia kleyff)

12/03/2009

Element (Emilio Merone – Luca Nostro Sys2 Quartet)

09/05/2007

Palermo (Eddie Gomez Trio)

07/12/2006

Black Stars (Jason Moran)

02/09/2006

Start Here…Finish There (David Berkman)





Video:
The New Gary Burton Quartet - Live at Porgy & Bess Vienna 2010 11 22 - Afro Blue
The New Gary Burton Quartet - Live at Porgy & Bess Vienna 2010 11 22The New Gary Burton Quartet (USA)Gary Burton: vibraphoneJulian Lage: guitarSco...
inserito il 24/11/2010  da wotan667 - visualizzazioni: 3284
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 3917
JASON MORAN (LIVE)
JM and the Bandwagon = Tarus Mateen - bass and Nasheet Waits - drums brilliant stuff...
inserito il 29/03/2007  da JAZZCAF - visualizzazioni: 2404


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.006 volte
Data pubblicazione: 27/12/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti