Jazzitalia - Recensioni - Murakami Haruki, Wada Makoto: Ritratti In Jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Lunedì 23 ottobre al via la stagione dei concerti al Modo di Salerno con Alain Caron, il virtuoso del basso elettrico a sei corde .

Lucca Jazz Donna. Tutto pronto per la XIII edizione. Ospite clou il 22 ottobre, Amii Stewart.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Il Saint Louis, Istituzione di Alta Formazione Artistica Musicale autorizzata dal Miur a rilasciare titoli accademici di I e II livello, apre le iscrizioni al prossimo anno accademico 2016/2017.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AMELIA SMOOTH JAZZ (gruppo)
            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI IENNO Gianluca (piano)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            GIOLLI Marco (batteria)
            MINI Elisa (voce)
            MOON WALKER JAZZ BAND (gruppo)
            PELLITTERI Marcello (batteria)
            PIRAINO Alessandro (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            SILVESTRI Vittorio (chitarra)
            VENTUROLI Danilo R. (piano)
            VIGNALI Michele (sax)


Murakami Haruki, Wada Makoto

Ritratti in Jazz
Einaudi 2013
Pagine 239 – euro 19, 50

Cesare Segre, filologo e raffinato teorico della letteratura italiana, critico militante del Corriere della Sera nel marzo 2007, proprio da quelle colonne, scrisse del libro "La vita in comune" di Letizia Muratori, partendo così: "è una storia d'amore? Esplicitamente no; sì invece, quando ci si familiarizzi con i personaggi, e li si capisca meglio". Le solipsistiche questioni di Segre fanno capolino anche in "Ritratti in jazz": è una summa, vibratamente personale, del jazz di "casa Haruki"? Sì e no. Sì, perché i musicisti di cui si parla sono amati (non sempre e tutti) dallo scrittore; no, perché il filo rosso lo fanno le opere visive di Wada Makoto, che qui occupano una pagina ogni quattro, con assoluta sistematicità: cinquantacinque per l'esattezza, tante quanto i musicisti schedati.

Murakami Haruki è penna famosa e celebrato in mezzo mondo, soprattutto per il trittico "IQ84". Dietro (o prima de) lo scrittore giapponese c'è una vita passata a dirigere un jazz bar. Wada Makoto è un artista di vaglia, prossimo ai settantotto anni, e anche lui il jazz lo ha respirato a pieni polmoni.

La storia va così: Makoto prepara un paio di mostre a tema (Jazz e Jazz 2) e le tavole finiscono tra le mani di Haruki che, per sua stessa ammissione, trova "faticoso scrivere di jazz"; ma sui ritratti dei musicisti di Makoto decide di farlo. E un po' di affanno s'avvede, perché il risultato ottenuto è parecchio simile a un'autobiografia dell'universo jazzistico stabilitosi a casa dello scrittore nipponico.

Lo scritto è ad alta gradazione alcolica, perché si versano fiumi di whisky, bourbon, gin, vodka e quant'altro, più o meno per ogni scheda: un Bukowski del jazz, insomma. Haruki alterna colpi di genio, come nell'episodio dedicato a Fats Waller, dove incornicia nella stessa tela il solo di Ray Manzarek dei Doors in "Light My Fire" con "Jitterbug Waltz" del pianista e organista di New York, a critiche pungenti quanto un porcospino spaventato allorquando discetta di Jack Teagarden e della passione svanita per quel jazz, in favore del "tanto fervore per ascoltare gente come Keith Jarrett, tanto varrebbe…ma non è quello che volevo dire adesso". Ammazza da subito Cannonball Adderley, perché "non era capace di suonare quel genere di musica fatale che riesce a scuotere dalla radice il nucleo esistenziale di chi lo ascolta". E sfiorisce il fascino di Ella Fitzgerald e di Oscar Peterson con una rasoiata degna di Jack Lo Squartatore: "ogni tanto nella loro arte c'è troppa maestria. Sono bravissimi, d'accordo, ma la cosa finisce lì, non trasmettono a chi ascolta quell'elemento oscuro che non può mancare nell'animo di ogni essere umano". Molti sono coloro i quali si meritano la sua corona d'alloro; per altri la sua stessa critica appare confusa, come nella carambola di parole su Teddy Wilson. Però, per tutti ha una parola buona, una lode, in alcuni casi quasi sottintesa, come per Herbie Hancock, letteralmente demolito a colpi di maglio o per Tony Bennett del quale dice: "il suo stile è molto diverso da quello di Sinatra, ma in pratica di cantanti davvero in gamba, Sinatra a parte, c'era solo lui".

Forse dice delle verità, idee che serpeggiano, mozziconi di parole che nessuno vuole dire. Forse eccede in sofismi musicali, camminando a inciamponi nella lettura dei singoli dischi – appartenenti alla sua collezione – che accompagnano ogni anamnesi del musicista. Non è anodino, anzi: di carattere ne ha messo tanto, anche un po' a casaccio.
E' la chiave di lettura, l'approccio e l'identità dell'autore che lo rendono vaporoso e c'è il rischio che possa cadere in una libreria polverosa, senza uno scaffale definito.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia












Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.497 volte
Data pubblicazione: 15/02/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti