Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Splasc(H) records CDH789.2
Cover & Photo: Maurizio Gijvovic

Massimo Barbiero
Silence Quartet


1) Sand *(C.Lodati)
2) Boule de Suife °(M. Barbiero)
3) Minnie °(C.Lodati)
4) Estate* (B.Martino)
5) Dott. Smith° (C.Lodati M.Barbiero F.Marchesano, R.Cangini)
6) Soffici Soffi ° (C.Lodati)
7) Pelinkovec ° (C.Lodati)
8) Walkin' in the Middle ° (C.Lodati)
9) Naioro * (C.Lodati,R.Cangini)
10) Walkin' on the Major Road *(C.Lodati)
11) Poppuilion Quisquilias ° (C.Lodati M.Barbiero,F.Marchesano,R.Cangini)
12) Trottavi * (C.Lodati)

Massimo Barbiero: drums, percussion
Claudio Lodati:
guitar
Federico Marchesano:
double bass
Rossella Cangini:
vocals

"Chi volesse dubitare di tutto, non arriverebbe neanche a dubitare.Lo stesso giuoco del dubitare pressupone già la certezza." Wittgenstein

T
rovo molto efficace la frase di Wittgenstein usata da Barbiero a suggello di questo CD che sancisce, in concreto, l'esordio di una sua nuova avventura musicale, tanto che potrebbe sostituire essa stessa queste note. Già, il dubbio, questa parola che nelle sue eccezioni grammaticali, aggettivo e sostantivo, appartiene al linguaggio ma nella sostanza proviene dal pensiero si impone come prassi di conoscenza del reale. Quindi appartiene anche alla musica, che di certezze ne conosce ben poche.

Soprattutto nei primi due brani di questo disco, la musica si muove circospetta, con musicisti che sembrano indugiare in uno spazio neutro, aereo, immateriale, attraverso il quale ascendere ad una consapevolezza che dovrebbe appartenere di diritto ad ogni musicista. Quella che attesta il suono come unico elemento certo della musica e tutto il resto come una costruzione pragmatica, spesso codificata ma in realtà, arbitraria e sempre sconfessabile. Ogni apporto strumentale da parte dei componenti del Silence Quartet si conforma a questa idea, sebbene ciò non significhi che tutto sia lasciato al caso o venga guidato dal puro istinto. C'è molta coerenza invece, nell'evidente volontà di una libera trasfigurazione, sia tematica [come nel paradossale "
Soffici soffi" o nell'originale "Estate"] sia timbrica, con la ricca gamma di suoni estratti dalla chitarra di Lodati, ola rinuncia alle parole da parte della Cangini che predilige un'articolazione essenzialmente fonica più letterale. Allo stesso modo, la rimarchevole duttilità di Marchesano che sa passare da un sublimale tocco da violoncellista ["Boule de suife"] al più corposo e serrato walkin' - ideale contraltare al drumming di Barbiero, episodicamente tellurico ma sovente sulfureo, calibrato e cristallino, vanno ad arricchire una trama sintattica piana e lineare, tutta a favore della melodia che spesso impronta indelebilmente la maggior parte delle composizioni.

Nel privilegiare una costruzione sonora fuori dalle regole, c'è spazio anche per estetiche parentesi referenziali, di provocatorio smascheramento stilistico [il reggae? il rock? la Mina degli anni 60?] come "
Pelinkovec" e "Walkin in the middle", partoriti anch'essi dall'irrefrenabile dubbio, questa volta espressione dello stato d'animo di chi si abbandona al già noto per farne altro. Infatti, è pronta la rapida abiura dell'inafferrabile "Naioro" dove tutto viene re-inventato sul momento e da qui ripartire per la lunga "major road", quella che porta all'ipostasi delle deità musicali [armonia,melodia, ritmo] e che solo l'improvvisazione sa incarnare. Sempre dubitando però, né troppo né troppo poco, affinché nulla sia sempre dato per scontato.
Paolo Curtabbi

Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.481 volte
Data pubblicazione: 21/06/2003





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti