Jazzitalia - Pierluigi Vicini: Slow Jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Una produzione Chama Record per Macren Record House
Agosto 2007 - Macren mcr (p) 2 – 2007
Montefeltro - Italia
Pierluigi Vicini
Slow Jazz


1. Cà Rossello (P. Vicini) 3:57
2. Ca' Tomei (P. Vicini) 2:30
3. Ca' de Masi (P. Vicini) 2:51
4. Ca' dell'Olmo (P. Vicini) 4:34
5. Ca' del Nero (P. Vicini) 1:42
6. Cabaldoni (P. Vicini) 2:08
7. Ca' di Vico (P. Vicini) 1:50
8. Cabatarcio (P. Vicini) 4:24
9. Bugaccia blues (P. Vicini) 3:51 Mp3
10. Cà di Bibo (M. Detti) 4:05
11. Ca Piermanzo (P. Vicini) 1:38
12. Cabaroncio (P. Vicini) 1:25
13. Caiolese (P. Vicini) 4:12
14. Calbuzaio (P. Vicini) 5:28
15. Ca l'abate (P. Vicini) 0:56

Pierluigi Vicini - tromba, filicorno, sassofoni tenore, soprano, alto e baritono, sintetizzatore, pianoforte, batteria Tamburo in brani: 2, 3, 4, 5; Arp, percussioni, marimba, effettistica, voce, cori, cembali, basso synt, violini, flauti bamboo e pifferi, armonica, bombardino.
Claudio Cappelli - basso elettrico in brani 7, 8, 9, 15, Batteria in brano 8, Percussioni in brano 14, Ingegnere del suono in brani 7,8,9,12,15
Renzo Pesaresi - pianoforte brano 4, Ottimizzazione e editing
Joe Gothard - chitarra in brano 8
Marcello Detti - trombone in brano 11
Enrico Malatesta - batteria in brani 7, 11
Enrico Montanari - contrabbasso in brano 11
Patrick Patton - ruota paliotica in brano 3



Scorrendo le recensioni su questo sito mi sono accorto che qualcuno ha apposto, sulle note commentanti un CD, questa frase "ma costui fa i dischi a cottimo!?", naturalmente non voglio entrare in merito al commento in quanto tale, ma voglio invece sottolineare che l'autore del disco qui recensito Pierluigi Vicini è un tizio che i dischi a cottimo li fa veramente; basti pensare a tutta la produzione Folk Tunes con la quale Vicini è riuscito a collaborare addirittura con un mito neozelandese che risponde al nome di Bob Lovell. Se è vero però che la quantità stona con la qualità andiamo ad analizzare il prodotto in questione. L'autore, artigiano consolidato del sound afroamericano (come afferma in una nota il saxofonista pugliese Gabriele Partipilo) e della musica contemporanea in genere, sottolinea un nuovo genere Slow Jazz accarezzando forse l'idea di approdare in lidi poco frequentati, almeno in teoria. In Italia, a prescindere dal genere musicale, le pubblicazioni e di conseguenza le recensioni discografiche si sprecano, chiunque può accedere alla registrazione di un CD e quindi alla sua pubblicazione più o meno avvallata dai media. Vicini si divincola da questo assoluto e vi spiego perché. La sua musica è di un'estemporaneità disarmante, non ha un filo logico, si basa inoltre su stilemi cinematografici fade in – fade out e dissolvenze specifiche come a voler lanciare un segnale o un'intonazione senza tenere troppo in considerazione il fenomeno normalizzante dell'elongazione.

Grazie alle sue innumerevoli esperienze artistiche (Teatro/Buskers/Pop/Rock/R&B/Bebop/Free/folk) spazia da un genere all'altro mantenendo però alcune costanti care al Jazz come improvvisazione, timing e swing:

" Questo disco lo dedico alle mie origini e alla mia terra, a mio padre, ai miei nonni, al microcosmo che mi appartiene di rimando; da questi luoghi non mi muovo più da anni con enorme, disumana soddisfazione. Qui scrivo, lavoro e suono tutto quello che mi passa per il cervello con minimi mezzi, supportato da pochissimi e secondo loro inadatti collaboratori, ma questo solo secondo loro…
Vivo in ogni caso con uno sguardo rivolto all'esterno eterno delle cose inamovibili…
Il Ca' non sta per una volgarità ma per Casale o Casa di…
Borghi dell'Altomontefeltro e della prospicente Valle del Savio, terre di transizione e libertà dove ognuno di noi è ospite perfetto " (P. V.)

Tutte le tracce (tranne Ca' di Bibo del giovane trombonista Marcello Detti) come da consuetudine sono di sua composizione e descrivono, appunto, località amene a cavallo tra Toscana, Marche ed Emilia Romagna. Naturalmente la descrizione risulta a titolo personale, empatica e, grossa pecca di questo esperimento, resta proprio il fatto che né in copertina né sulla spartana inlay card possiamo trovare immagini di questi luoghi così da poter condividere sonorità ambientali con l'autore, ma tanté, proviamo mettere in previsione una gita domenicale. Tornando al CD c'è da tener presente che Vicini passa da uno strumento all'altro con frenesia circense tessendo trame saldissime tra di loro seppur deprivate al limite da ogni senso logico e cronologico. Per esempio nel brano n. 6 troviamo il sempre effimero centro tonale dove un garrulo sax Alto disegna arabeschi molto eleganti, mentre nel brano n. 12 assistiamo ad un lancinante interloquire tra l'imboccatura di un sax soprano e lo spazio siderale. In Ca' dell'Olmo scaturisce la buona vena free del musicista che traccia un asintoto di Arp su cui vibra oltre all'Alto un flauto di bamboo tra vivide percussioni ed un poderoso drumming -sempre di Vicini- già saggiato in Nelum album del 2005 che ha suscitato un discreto interesse grazie alla scelta del crossover classica e jazz.
In Ca' Baldoni abbiamo forse uno dei più struggenti sax tenori esperibili, non solo; anche la vacuità estesa del tema (perché di solo tema si tratta) è impressionante, clamorosamente downtown come ribadisce Joe Gothard chitarrista degli Urban Jazz Coalition (Ohio) che ha prestato il suo plettro nella carezzevole ed ipnotica sequenza. Va considerata inoltre l'attenuante della pura spontaneità e la sottile puerilità ricercata sincreticamente nel disco; una rottura vivida, tangibile e urticante che non lascia spazio a critiche ponderate vista anche la natura dell'autodidatta preso in esame, con un posto d'onore sul sito internazionale VBZ surrealism. Un vivo consiglio è quello di visitare uno dei suoi siti Web www.pierluigivicini.net o rintracciarlo presso la Rete Romagna Jazz opportunamente curata dal chitarrista Marco Vienna dove è possibile scaricare Mp3 e articoli legati ai musicisti jazz di questi saporiti e incredibili luoghi.
Nico Cicotti per Jazzitalia


"La musica di Pierluigi Vicini è una musica che mi piace definire artigiana. Una musica che riflette molteplici aspetti della vita moderna. E' una sorta di giungla sonora che accompagna l'ascoltatore il luoghi strani, diversi ed apparentemente molto distanti tra loro. Come in un sogno astratto. Pierluigi esplora i "suoni possibili" con una naturalezza oggi molto rara che fa da filo conduttore. Una musica sincera che rifiuta totalmente qualsiasi strategia commerciale e che denota una forte urgenza espressiva."
Gaetano Partipilo






Articoli correlati:
24/01/2008

Simone Zanchini & Frank Marocco in "Be-Bop Buffet": "Senza tempo, anzi fuori e dentro il tempo, Frank Marocco per l'appunto. Un signore dello swing amante dell'interplay a colloquio con un partner d'eccezione il funambolico e multiforme Simone Zanchini." (Pierluigi Vicini)

31/08/2006

Nelum (Pierluigi Vicini)

22/11/2003

Duet By (Pierluigi Vicini)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.022 volte
Data pubblicazione: 27/10/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti