Jazzitalia - Recensioni - Tor Yttredal-Roberto Bonati: Some Red Some Yellow
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Brass in Jazz. Palermo unica in Europa con Jon Faddis, unica in Italia, esclusa dal Mibact per il Jazz.

Joey DeFrancesco, 51 Anni, è Improvvisamente venuto a mancare la notte del 26 agosto 2022.

Mimmo Langella pubblica "EAR TRAINING PER CHITARRA e non solo!", il primo manuale di Ear Training dedicato specificamente ai chitarristi.

Master della durata di 12 mesi in Music Industry Management. Direzione: Alceste Ayroldi. .

Prima edizione del Little Jazz Festival: il nuovo progetto degli studenti dell'indirizzo musicale della Scuola Secondaria di Primo Grado dell'Istituto Comprensivo di Fiesso Umbertiano..

Pubblicato dalla Sher Music Co. un nuovo volume della collana Jazz Songbook dedicato alla musica di Steve Khan.

Blue Note Records e Universal Music Group Africa annunciano la creazione del nuovo marchio Blue Note Africa con la pubblicazione dell'album di Nduduzo Makhathini, "The Spirit Of NTU".

Grammy Award 2022: premi postumi (Chick Corea e Lyle Mays), la voce di Esperanza Spalding e i tre "nuovi talenti" Ron Carter, Jack DeJohnette, Gonzalo Rubalcaba.

Stage di Chitarra Flamenco di Manuel Montero nell'ambito del festival Arte in Vivo a San Lucido (Cosenza).

Esce anche in e-book il libro di Alceste Ayroldi sulla legislazione dello spettacolo e il diritto d'autore delle opere musicali.

Monopoli, sabato 12 marzo - Presentazione libro Alceste Ayroldi.

Nasce Pantuk, sinergia tra Pannonica e Tuk Music.

Alceste Ayroldi pubblica un libro sulla legislazione dello spettacolo e il diritto d'autore in musica .

Si è spento all'età di 95 anni la grande icona della chitarra jazz Franco Cerri..

Annunciato il San Severo Winter Jazz Festival 2021, 7 concerti internazionali dal 29 ottobre al 1 aprile 2022..

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Ultimi aggiunti:

            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAPORALE Giorgio (chitarra)
            CAPPI Andrea (piano, tastiere)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            LUCA NECCIARI QUARTETTO (gruppo)
            LUPI Benedetta (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            PELLEGRINO Vincenzo (batteria)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            RUSSO Biagio (piano)
            TATONE Angelo (chitarra)
            THE JAZZ RUSSELL (gruppo)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Tor Yttredal-Roberto Bonati
Some Red Some Yellow



Parmafrontiere (2021)

1. Tuning
2. Incanto
3. Bar to Bar
4. Some Red, Some Yellow
5. Saltimbanco
6. Invocatio
7. Bounting
8. Question Marks
9. Strokes
10. Night Village
11. To Byte Who
12. Come pioggia nel mattino silentee
13. La Venexiana
14. Seven By Seven
15. 15.Canto Antico

Tor Yttredal - sax soprano, tenore, clarinetto basso, flauto
Roberto Bonati - contrabbasso


Roberto Bonati e Tor Yttredal sono in contatto da tempo, nell'ambito della collaborazione fra il conservatorio di Parma e quello di Stavanger in Norvegia, ma è la prima volta che si confrontano in dialogo con i rispettivi strumenti in un disco formato da 15 tracce, la maggior parte composte da Bonati, una da Yttredal e 3 improvvisate, attribuite, però, alla firma di entrambi.

La musica del cd è immersa in un clima ovattato, dove ogni suono assume un senso, una valenza nell'interfaccia con la corrispondente risposta del partner, altrettanto congruente e significativa. I temi sono a volte cantilenanti e presuppongono il collegamento, la memoria di melodie popolari scandinave o perlomeno sembrano ispirati a quel tipo di ambientazione. In altri segmenti si palesano arie vellutate, classiche nella loro semplicità, animate da variazioni arabescate, che tendono a penetrare dentro i motivi e a svelarne possibili accezioni nascoste. Si intravedono in certe sequenze riferimenti al barocco e ad altri stili accademici, più vicini alla nostra epoca, sfumati, ma riconoscibili. Insomma ci sono parecchi ingredienti nell'album, fusi insieme dalla sapienza strumentale e compositiva dei due artisti. Gli angoli sono smussati, i contorni levigati, ma questo non denota un tipo di espressione fredda o esangue. Si rinviene in "Some red some yellow" parecchia polpa al suo interno. Non si tratta di un esercizio formalmente ineccepibile, ma vuoto di contenuti, cioè. Un cd così congegnato, poi, mette in risalto la grande intesa fra Bonati e Yttredal. La voce dei sassofoni pare, infatti, una propaggine della voce del contrabbasso e viceversa. Tutto è in ammirevole e ricercata continuità. Anche quando prende strade divergenti, almeno apparentemente, il duo trova nessi comuni, attinenze intuitive. Si fa apprezzare in particolare la capacità del sassofonista norvegese di costruire strati uniformi di note lunghe modulate, pronunciate in modo differenziato, per evidenziare il carattere peculiare di ogni singolo fraseggio. Bonati, da parte sua, non è mai a completo servizio delle iniziative del partner. Il contrabbasso inventa un accompagnamento da solista in ogni frangente, prendendosi, in determinati punti, uno spazio per portare avanti idee rigogliose o disegnare fondali di rara efficacia. Contribuisce, infine, ad accrescere il fascino di due pezzi John Derek Bishop, abile manipolatore elettronico, in grado di infiltrarsi nel mondo dei due titolari dell'impresa con discrezione e accortezza.

Questo capitolo, in conclusione, va a collocarsi convenientemente nella discografia di Roberto Bonati, già ricca di prove di ottima qualità, confermando l'abilità del bandleader parmense di immaginare e realizzare musica con organici di tipo differente, dal solo alla big band, in maniera raffinata, colta e personale.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
20/11/2022

Parmajazz Frontiere Festival 2022 - XXVII Edizione: "Il contrabbassista e compositore Roberto Bonati ha scritto una complessa suite in quattro movimenti in occasione del centenario delle Barricate..." (Aldo Gianolio)

01/11/2015

Intervista con Roberto Bonati - ParmaJazz Frontiere: "Il jazz rischia di diventare un sistema di scale e accordi e una specie di gioco di abilità, chi suona più note nel percorso più difficile...L'esecutore diventa più importante della musica e non dovrebbe essere così... " (Nina Molica Franco)

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

07/09/2013

Bianco il vestito nel buio (Roberto Bonati)- Alceste Ayroldi

27/01/2013

Parma Jazz Frontiere 2012: Intitolata "Non tacciono i canti" la XVII Edizione del festival diretto da Roberto Bonati sui "canti" di Molvaer, Sclavis, Trovesi (Nina Molica Franco)

24/12/2011

Parma Jazz Frontiere - XVI Edizione: Il profumo di Norvegia dell'Arve Henriksen Trio, l'ensemble pieno di suono e solarità di John Surman con la Big Band di Bergen, l'omaggio a Graham Collier di Roberto Bonati e l'ensemble "Ruvido Insieme", la contaminazione fra arte contemporanea e musica del duo chitarra & tela di Luca Perciballi e Mattia Scappini in "Fragile" e poi del Pollock Project, il Bobo Stenson trio a chiudere magnificamente la XVI edizione del Parma Jazz Frontiere festival. (Margot Frank, Nina Molica)

11/07/2011

Songs (Tiziana Ghiglioni)- Gianni Montano

13/03/2010

14ma edizione di Parma Jazz Frontiere 2009, "A viva voce": "E' una rassegna piena di coraggio. L' artista oggi si trova davanti tante porte. Magari dietro molte di queste porte non ci sono percorsi da seguire. Ma bisogna aprirle ugualmente e rischiare, perchè senza ricerca e senza rischio c' è la cristallizzazione, che è nemica dell'arte. Un festival non deve far solo ascoltare il noto ed il già sentito. Non deve invitare solo i musicisti più che conosciuti, o invitarli solo perchè americani e-o afro-americani." (Marco Buttafuoco)

25/04/2009

Un sospeso silenzio (Roberto Bonati)

29/02/2008

Roberto Bonati e i Sacred Concerts di Ellington a Parmafrontiere: "...il vasto ensemble, nel suo complesso, ha fatto sentire quel mix indicibile di spiritualità e sensualità, quel superamento della scissione fra arte e vita, fra danza e preghiera, fra religione e quotidianità proprio dell' arte africana prima e afro americana poi." (Marco Buttafuoco)

16/06/2007

A Silvery Silence - Fragments from Moby Dick (Roberto Bonati - Parma Frontiere Orchestra )

11/04/2005

The Blanket of the Dark (Roberto Bonati – ParmaFrontiere Orchestra)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 336 volte
Data pubblicazione: 16/01/2022

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti