Jazzitalia - Recensioni - Rocco, Dominguez, Mandelman: Spaghetti Jazz - Live In Buenos Aires
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Nominations dei 63° Grammy Awards. Gerald Clayton, Joshua Redman, Regina Carter, Maria Schneider, Goznalo Rubalcaba, Kurt Elling, il "solito" Chick Corea, e poi Carmen Lundy, Ambrose Akinmusire, Kenny Washington.....

La Musica Italiana a sostegno del Rosetta Jazz Club di Matera.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Riparte il San Severo Winter Jazz Festival. Annunciata la XI^ Edizione 2020/21 a cura del direttore artistico Antonio Tarantino.

Il Saint Louis College Of Music presenta Master di I Livello in Music Business & Management (60 CFA).

Arduino Jazz 2020. Al Parco Archeologico dell'Appia Antica il grande jazz tra nomi internazionali e sperimentazione con la rassegna ‘Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz'.

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            GADDI Piero (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Rocco, Dominguez, Mandelman
Spaghetti Jazz - Live In Buenos Aires



CD Baby (2012)

1. Un perro nefasto
2. Stefania e il naso
3. Ciabatte
4. Mavalà/Tre sorelle/Garibbà
5. Todos los pepinos del mundo
6. Cuartal
7. Insectos molestos
8. Aargh!
9. Il beccheggio

Rodrigo Dominguez - sax tenore, soprano, electronic toys
Enzo Rocco - chitarra, kazoo, strumenti-giocattolo
Hernan Mandelman - batteria


"Spaghetti jazz": già il titolo prefigura un impegnativo o improbabile assemblaggio fra un piatto della tradizione italiana e la musica afroamericana. In realtà il connubio che si realizza in questo disco è di tutt'altro genere. Qui si celebra, infatti, l'incontro fra uno dei chitarristi più curiosi della nostra scena con due musicisti altrettanto indiscreti del panorama argentino. E' il jazz, in un'accezione molto ampia, ad unificare i percorsi di questi tre artisti fuori dalle righe e dalle convenzioni. Le composizioni sono tutte a firma di Enzo Rocco, ma gli sviluppi dell'idea di partenza seguono strade spesso imprevedibili e inattese. Come se lo svolgimento fosse indipendente dall'indicazione iniziale. Ci si aspetta un profumo di tango o di qualche danza sudamericana in questi nove brani, anche per la sede da cui proviene la registrazione, il "Notorious" di Buenos Aires. Ebbene si può trovare pure quello, in particolare in un brano, accanto a tanto tanto altro. Si respira in questo disco, infatti, una grande libertà di intenzioni nell'approcciare stili apparentemente contrapposti per amalgamarli, rimodellarli in un melange di sicuro richiamo.

"Un perro nefasto" annuncia il clima del resto dell'album: ogni musicista procede per suo conto per un certo tratto, incrociando le comunicazioni, fino a sfociare tutti insieme in una breve sequenza di jazz ortodosso. E' una parentesi, perché si ritorna nel finale su atmosfere destrutturate. "Stefania e il naso" ondeggia fra echi di paso doble, passaggi free, tempi di marcia ricorrenti e ironici a rompere gli equilibri o a incrementare gli squilibri del pezzo. "Ciabatte" comincia con un'immersione nei rumori della giungla tropicale e va a parare in un motivo in stile "Brotherood of breath" di Chris Mcgregor, semplice e accattivante. "Mavalà/Tre sorelle/Garibbà" parte a passo di carica, si attorciglia su suoni dissonanti con il sax tenore maltrattato da Dominguez, mentre Rocco punteggia e punzecchia i partners. Per non far mancare la sorpresa agli ascoltatori spunta fuori, dal cappello a cilindro del trio, un valzer malinconico eseguito a bassa voce. Tutto poi viene rimesso in discussione e capovolto dai tre musicisti. Mai crogiolarsi su un'intuizione anche valida. "Todos los pepinos del mundo" (non male come titolo) è un tango. In Argentina su questo tipo di tradizione non si può scherzare. Difatti i tre si mantengono più rispettosi e prendono meno licenze. Il brano non ne risente in negativo. "Insectos molestos" è atmosferico e rumoristico. La traccia racchiude al suo interno un nervoso e pregevole intervento della chitarra e un subisso di effetti elettronici non sofisticati. "Cuartal" contiene un bel solo di sax soprano, giocato sugli acuti e le dissonanze. Successivamente si inserisce un intermezzo free-bop in duo, senza la chitarra, tirato e intenso. "Aargh" somiglia alla colonna sonora di un film degli anni settanta di "Django" o "Sartana", non per niente definiti "spaghetti western". L'andamento è solenne e maestoso come la cavalcata di quegli eroi solitari. Si conclude il disco con un rock and roll, "Il beccheggio", facile e messo in campo senza troppi stravolgimenti o risvolti inconsueti.

Va dato merito a Enzo Rocco di aver voluto incidere su disco la registrazione di quella serata in Argentina. Pur nella ricercata o contingente assenza di rifinitura, il cd ci consegna una musica dai diversi e contrastanti aspetti, viva e sfacciata.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
24/04/2011

Seis Episodios En Busca De Autor (Pablo Ledesma, Enzo Rocco) - Cinzia Guidetti

26/02/2011

Fine Tuning (The Gradisca Concert) (Lol Coxhill, Enzo Rocco)- Enzo Fugaldi

12/03/2004

Intervista a Enzo Rocco: "...credo di far parte del jazz, se per jazz si intende una musica che ormai non ha più confini e che succhia linfa vitale da qualsiasi cosa le capiti a tiro. Non è sempre stato così?" (Gianmichele Taormina)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 8.327 volte
Data pubblicazione: 17/03/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti