Jazzitalia - Girardi, Recchia, Senni, Burk: Spinoza
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Multiculturita Summer Fest 2020!! Annunciata anche nel 2020 un'edizione del famoso e longevo festival capursese: aLa musica del crooner Nick The NightFly Quintet e il Brasile di Rosalia de Souza..

12.500 euro destinati per una Borsa di Studio "Giorgia Mileto". promossa dalla famiglia e dal Saint Louis College of Music per i Corsi accademici di Jazz & Popular Music..

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

E' morto Jimmy Cobb.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Aldo Bassi, trombettista, direttore d'orchestra, insegnante e leader di varie band, è venuto a mancare a Latina..

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Girardi, Recchia, Senni, Burk
Spinoza



Improvvisatore Involontario (2011)

1. La mente o il corpo
2. Virtù e ragione
3. L'uomo libero
4. La cosa più utile all'uomo è l'uomo stesso
5. Falsità o privazione
6. Essere per esistere
7. La forza degli affetti
8. Le idee e le cose: ordine e connessione
9. Amore intellettuale eterno
10. Enti metafisici
11. La mente: azione e passione.

Greg Burk - piano, glockenspiel
Davide Recchia - chitarra
Stefano Senni - contrabbasso
Alberto Girardi - batteria, perc.


Spinoza? Spinoza e il jazz? Con questo interrogativo iniziano le note di copertina di Davide Poggi, autorevole studioso dell'università di Verona, nonché presente con un "readings" in alcune tracce del disco. In effetti l'accostamento è tra i più audaci, ma la musica funziona, "gira bene" e tanto basta per giustificare questo tipo di operazione.
Il cd si struttura su undici titoli, tutti ricavati dall' "Ethica", l'opera principale del filosofo olandese.
Si comincia con "La mente o il corpo", dove ogni musicista sembra andare per suo conto, fino alla scoperta di un accordo raggiunto in divenire, sottolineato dalle parole dette in modo asciutto senza espressione, come scelta di campo, da Davide Poggi.



"Virtù e ragione" è il brano più lungo, epìtome di tutto quanto si svolgerà dopo e quanto si è svolto prima. Greg Burk picchia sugli ottantotto tasti con vigore, o accarezza la tastiera con delicatezza. Davide Recchia punteggia il discorso dei partner con note staccate ben delineate, o segue un riff e lo ripete ad libitum con la sua chitarra, creando una discrepanza o una consonanza, a seconda dei momenti, nel tessuto complessivo del pezzo. Alberto Girardi prende assoli senza soluzione di continuità. E' spesso coloristico con un uso insinuante dei piatti. Stefano Senni accompagna o prende in mano la situazione utilizzando il contrabbasso in maniera melodica o ritmica, sapientemente.
"L'uomo libero" si annuncia con un dialogo stretto fra glockenspiel e basso archettato con la batteria a suggerire un tempo sospeso per aria. La parola sentenziosa di Davide Poggi apre ad un altro scenario. Precipitiamo in una sorta di etno-jazz danzante dove tutti collaborano per tenere vivo un clima gioioso che improvvisamente viene troncato, quasi a giustificare l'assunto di partenza: "In Spinoza sono compresenti istanze apparentemente contraddittorie e "dissonanti" ", proprio come in questo cd.
"La cosa più utile all'uomo è l'uomo stesso" vede Girardi intarsiare con le spazzole l'iniziativa del pianista consistente in blocchi di accordi che si mostrano prima con forza, fino a scomporsi in una linea severa di suggestione vagamente lirica. Sembra quasi che certe atmosfere siano schivate come opzione di fondo o subentrino di soppiatto, senza darlo troppo a vedere....
"Falsità o privazione" è un bozzetto in stile tardoromantico appannaggio esclusivo di Greg Burk, che qui si stacca dal clima di altri segmenti e libera tutto il suo personale background, tenuto a freno in altri brani o incanalato inevitabilmente nell'estetica di base del progetto.
In "Essere per esistere" il batterista porta avanti un lungo solo, dove brevi pause interrompono a tratti un eloquio funkeggiante sì, ma contenuto nei toni e nei modi.
"Le idee e le cose: ordine e confusione" racchiude una frase ripetuta dalla chitarra e dal pianoforte e mantiene un andamento swingante, con la ritmica che, sottotraccia, accompagna in modo più "traditional" sempre con le dovute riserve e cautele.

Stefano Senni si appropria in solitudine di "Amore intellettuale eterno", un breve, succoso intermezzo che serve a far calare la tensione.
E' rumoristica "Enti metafisici". Si ascoltano battiti di mani, suoni del pianoforte ottenuti pizzicando le corde, i martelletti all'interno dello strumento. Si sentono note aliene della chitarra e sfigolii delle percussioni. Tutto in attesa di un qualcosa che non arriva, se non verso la fine con la declamazione o meglio la non declamazione del professore veronese di una pillola dell'"Ethica". Poi tutto rifluisce nuovamente nel disordine e nella dissonanza.
Chiude "La mente: azione e passione" a completa disposizione di Davide Recchia, che riassume gli obiettivi del disco con un assolo chitarristico a tratti bluesy e in certi punti spigoloso e acuminato.
"Spinoza" conferma il coraggio di un'etichetta, l'"Improvvisatore involontario" nel concedere carta bianca a musicisti impegnati in progetti bizzarri come questo, perlomeno in teoria. I quattro artisti più Davide Poggi con il loro disco dimostrano, però, di meritare ampiamente il credito ricevuto, perché costruiscono un qualcosa di filosofico-poetico e musicale intelligente e originale.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
07/06/2020

Time Lapse (The Taste of a 2nd life)- Alceste Ayroldi

10/05/2015

Laut (Gaia Mattiuzzi)- Laura Scoteroni

21/12/2014

Enrico Rava & Parco della Musica Jazz Lab: "Se il nome è un pezzo sacro della storia del jazz italiano, le aspettative schizzano su alle stelle in un baleno. Il problema delle aspettative è che quando vengono tradite, l'amaro in bocca fatica ad andare via." (Nina Molica Franco)

19/10/2014

Meets Mahler (Sonata Islands (Giovanni Falzone))- Valeria Loprieno

12/10/2014

Ipso Facto (Edge)- Nina Molica Franco

08/06/2014

Young Jazz Festival 14: "Dieci anni di Young Jazz a Foligno, celebrati con un'edizione densa di appuntamenti, che ha puntato a valorizzare il centro storico della cittadina umbra con una serie di momenti musicali di notevole spessore." (Vincenzo Fugaldi)

25/11/2013

Collettivo Gallo Rojo (Collettivo Gallo Rojo)- Gianni Montano

07/04/2013

The Song Is You (Chiara Pancaldi)- Valeria Loprieno

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

15/07/2012

The Path Here (Greg Burk) - Francesco Favano

09/07/2012

4 Stories (Matt Renzi, Stefano Senni, Jimmy Weinstein)- Enzo Fugaldi

01/05/2012

Shadows (Nico Gori Millenovecento Feat. Tom Harrell)- Enzo Fugaldi

28/05/2011

Enrico Rava & Parco della Musica Jazz Lab "Gershwin & more": "Nonostante il repertorio di uno dei maggiori classici che il jazz possa annoverare, appare stimolante l'ascolto della grande abilità strumentale e l'eclettico universo musical-sperimentale dei giovani componenti della band, in una stupefacente "modernità". E Rava si conferma, ancora una volta, grande e storico scopritore di talenti..." (Viviana Falcioni)

15/05/2011

Enrico Rava Parco della Musica Jazz Lab a Linguaggi Jazz con il progetto "Gershwin & More" il quale ripropone alcuni noti standard del sommo compositore riarrangiati in maniera contemporanea. (Franco Bergoglio)

06/03/2011

Look To The Neutrino (John Tchicai Lunar Quartet)- Giovanni Greto

03/05/2010

Spirit Of The Mountains (Federico Casagrande)- Andrea Gaggero

18/01/2010

Acariciando El Rio (Virginia Viola Rayuela Group) - Alceste Ayroldi

02/01/2010

Exotica Domestica (Daniele D'Agaro Adriatics Orchestra) - Giuseppe Mavilla

07/12/2009

Clouds Over Me (Michele Polga) - Giuseppe Mavilla

23/11/2008

The House Behind This One (Giovanni Guidi Quartet)

02/11/2008

Udin&Jazz 2008: I will not apologize: "In un incontro dedicato al tema del festival, William Parker e Amiri Baraka, scrittore e poeta, affiancati da alcuni critici italiani, hanno parlato dei tempi che corrono, lucidamente e a volte con pessimismo, confermando come, sì, il free e la Black music sono stati importanti per la causa della gente di colore, ma molto rimane ancora da fare." (Giovanni Greto)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

06/07/2008

Comeglians (Daniele D'agaro Adriatic Orchestra)

20/02/2005

Carpe Momentum (Greg Burk Quartet)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.295 volte
Data pubblicazione: 02/11/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti