Jazzitalia - Recensioni - Stefano Zenni: Storia del Jazz - Una prospettiva globale
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Robert Vignola da Trivigno a Hollywood e ritorno con la musica di Zerorchestra: l'anteprima mondiale di "Beauty's Worth" è stato un autentico trionfo..

Brda Contemporary Music Festival: festival dedicato alla musica creativa e d'improvvisazione vede la sua ottava edizione tornare a Smartno, con la dir. artistica di Zlatko Kaučič.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            COLI Alessio (sax)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            RONCA Marco (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)


Stefano Zenni

Storia del Jazz - Una prospettiva globale

(Stampa Alternativa – Collana New Jazz People)

Nell'aprile dello scorso anno esce per Stampa Alternativa un nuovo, ponderoso e ponderato, volume a firma Stefano Zenni; volume inteso (anche) quale complemento/completamento dell'altrettanto imprescindibile, e fors'anche più innovativo, "I Segreti del Jazz" (sempre per Stampa Alternativa).

Leggiamo nel Preludio "…questa è la prima storia del jazz di vasto respiro realizzata da un autore italiano dai tempi di "Jazz" di Arrigo Polillo" che è del 1975. La lapidaria affermazione, posta così in apertura a firma dell'autore medesimo, potrebbe essere tacciata di presunzione e iperbolicità: purtroppo è affatto vera e agevolmente sottoscrivibile. La constatazione, perlomeno per chi scrive, diventa anche un'amara riflessione sul provincialismo e ritardo della cultura musicale in Italia nello scorcio tra secondo e terzo millennio: le musiche di matrice afroamericana sono a tal riguardo emblematiche.
 


Il testo in esame distanziandosi grandemente dal Polillo ne costituisce in qualche modo un contraltare e insieme un sentito omaggio: testi diversissimi e in qualche modo complementari, seppur a distanza e su piani diversi. Esso colma agevolmente la lacuna citata, europea oltreché italiana e i trentasette anni che lo separano da "Jazz" paiono un'eternità; anni che, anche solo per l'impostazione generale e le coordinate scientifico-metodologiche impiegate, non sono fortunatamente passati invano.
Questa storia del jazz è (finalmente!) un lavoro mirabile da diversi punti di vista: per la ricchezza dei contenuti, per la coerenza e la modernità d'approccio metodologico, per la profondità di sguardo e insieme per la capacità di sintesi. Opera capitale, opera "di una vita", frutto prezioso di una passione antica. Diverse caratteristiche fanno di questa storia una testo imprescindibile anche in quanto aggiornato e basato sulle più recenti ricerche nel settore. Non troviamo qui, a differenza del Polillo, la divisione tra storia e protagonisti ma un fluire ricco, sovente sorprendente, che traccia le coordinate per un aggiornato approccio alla materia; materia oggi di amplissime dimensioni, ricchezza e complessità.

Va riconosciuto a Stefano Zenni un grande coraggio, al limitare di una salubre "incoscienza"; coraggio particolarmente produttivo allorquando, come qui, scaturisce da una smisurata passione e da una capacità di sintesi e di messa a fuoco di nuovi nessi e percorsi. Si deve riconoscere altresì al presidente della SIdMA il merito di aver tentato, riuscendoci ampiamente, di fondare nuovi paradigmi per una storia della musica di matrice afroamericana cogliendo e confutando, con strabiliante ricchezza di apparato critico-musicologico, i tanti luoghi comuni tramandatisi pigramente per diversi decenni.
Proviamo a dar conto delle novità d'impostazione, alcune assolute, altre frutto di accurata esegesi dei più importanti testi d'argomento degli ultimi cinquant'anni, qui contenute. Potranno queste diventare preziosi strumenti per approfondimenti e nuove indagini?

Il sottotitolo, non sviluppato compiutamente, trova il suo fondamento nell'importanza che viene attribuita alle migrazioni, a partire da recenti descrizioni ricostruttive della nascita e diffusione del genere umano; invece l'approccio geografico non ha grandi riscontri, perlomeno nella nostra lingua, a differenza di altri più consolidati ambiti di studio quale quello delle storie dell'arte e il fondante From Jazz To Swing di Mike Hennessy. Ma il vero "giant step" di Stefano Zenni consiste nell'aver fatto proprie le risultanze delle più aggiornate ricerche, condotte nell'ultimo trentennio per la quasi esclusività in lingua inglese. Emerge allora una galleria di vecchi e nuovi storici, critici e musicologi anche poco noti in Italia, a testimonianza del fatto che in Europa e oltreoceano è cresciuta, e si è andata consolidando, una nuova letteratura jazzistica. A partire da tale corpus Zenni tenta di ricapitolare e fare il punto della situazione, riuscendovi non senza sforzi.

La narrazione intreccia il racconto storico con approfondimenti e fulminanti intuizioni musicologiche e riesce a rimuovere la crosta fatta di luoghi comuni e mitologia urbana stratificatasi sulla materia, mettendo in luce inedite prospettive di lettura e pone l'accento sull'importanza e centralità delle forme nel jazz: a tal proposito è d'obbligo citare la primogenitura di Marcello Piras. Dà, giustamente, un ruolo non secondario ai compositori; evidenzia il ruolo, sovente determinante, di impresari e manager sulle future sorti di musicisti e compagini orchestrali e restituisce ai musicisti la dignità di cittadini politicamente impegnati.

Andrea Gaggero per Jazzitalia







Articoli correlati:
11/05/2017

Narrazioni Jazz 2017: A Torino, diretto da Stefano Zenni, la prima edizione di un nuovo festival culturale orientato alla mescolanza di linguaggi, alle produzioni originali con anteprime ed esclusive.

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

12/07/2015

Torino Jazz Festival 2015: "La quarta edizione del festival torinese diretto da Stefano Zenni è iniziata con l'atteso progetto "Sonic Genome" di Anthony Braxton: un percorso di otto ore all'interno delle sale del restaurato Museo Egizio." (Vincenzo Fugaldi)

01/06/2014

Torino Jazz Festival 2014: "...terza edizione, la seconda con la direzione artistica di Stefano Zenni ed è premiato ancora una volta da un lusinghiero successo di pubblico." (Gianni Montano)

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

03/08/2013

Torino Jazz Festival 2013: "...coniugare il fatto artistico con il lato ricreativo. Divertire con la cultura." (Gianni Montano)

12/05/2013

Miles Davis rewind (Guido Michelone - Gianfranco Nissola)- Gianni Montano

08/01/2012

Per combattere la crisi bisogna avere delle idee forti e saperle mettere in rete collettivamente parlando, incontrandosi e discutendone...riuscire a trovare la "famosa" idea che deve fare la differenza. La crisi può essere anche una buona opportunità per cambiare, per ripensare a se stessi e alla propria identità culturale. (Cinzia Guidetti)

30/05/2010

Paolo Fresu racconta il jazz attraverso la storia dei grandi trombettisti americani (Paolo Fresu)- Alceste Ayroldi

23/01/2010

Happy Birthday Django! 23 gennaio 2010: centenario della nascita di Django Reinhardt, il più grande e innovativo chitarrista jazz di tutti i tempi: "Il jazz è americano, ma la musica non ha patria. E il jazz è musica. Noi suoniamo un tipo di jazz che è in stretti rapporti con la cultura europea, ma è sempre jazz. Perchè il jazz ha regole espressive da cui non si può derogare - Django" (M. Losavio).

26/10/2008

"Tonyght Jazz", tributo a Tony Scott: "Un concerto irripetibile e di elevato livello culturale, in un momento in cui la cultura langue: sia per i musicisti coinvolti, alcuni appositamente chiamati, sia per il progetto entro cui la serata si inserisce. L'idea, infatti, nata dalla vulcanica mente e dal sensibile animo del regista Franco Maresco, è quella di realizzare un film-documentario sulla vita di un indimenticabile protagonista del jazz di tutti i tempi: Tony Scott." (Antonio Terzo)

26/07/2008

I Segreti del Jazz (Stefano Zenni )

21/07/2008

28 giugno 1928. Ottanta anni fa. A Chicago Sei musicisti di colore capeggiati da Louis Armstrong incidono la storica "West End Blues". Stefano Zenni ci illustra le peculiarità di quell'esecuzione "...Una nuova concezione dell'assolo, l'idea che tu possa produrre un'idea, un discorso musicale coerente in perfetta solitudine...ha seminato la sintassi del jazz. Semplicemente..." (Marco Buttafuoco)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.429 volte
Data pubblicazione: 06/11/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti