Jazzitalia - Mike Reed's People, Places & Things: Stories and Negotiations
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Rinvio al 2021 per la XX Edizione del Beat Onto Jazz Festival.

Multiculturita Summer Fest 2020!! Annunciata anche nel 2020 un'edizione del famoso e longevo festival capursese: aLa musica del crooner Nick The NightFly Quintet e il Brasile di Rosalia de Souza..

12.500 euro destinati per una Borsa di Studio "Giorgia Mileto". promossa dalla famiglia e dal Saint Louis College of Music per i Corsi accademici di Jazz & Popular Music..

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

E' morto Jimmy Cobb.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Aldo Bassi, trombettista, direttore d'orchestra, insegnante e leader di varie band, è venuto a mancare a Latina..

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Mike Reed's People, Places & Things
Stories and Negotiations



(482 Music)

1. Song of a Star
2. Third Option (for Art Hoyle)
3. El is a Sound of Joy
4. Wilbur's Tune
5. The And of 2 (for Ira Sullivan)
6. Door #1 (for Julian Priester)
7. Urnack
8. Lost and Found

Mike Reed - batteria
Jason Roebke - contrabbasso
Tim Haldeman - sax tenore
Greg Ward - sax contralto
Art Hoyle - tromba e flicorno
Julian Priester - trombone
Ira Sullivan - sax tenore
Jeb Bishop - trombone


Il graffiante quartetto guidato dal batterista americano sviluppa un progetto concepito al momento della sua costituzione, ossia quello di rivisitare la musica di Chicago, dimostrando la continuità – dall'hard-bop della metà degli anni '50 all'AACM (fondata nel 1965, e tuttora esistente) – con quello che sta succedendo oggi. Per l'occasione il quartetto raddoppia ospitando tre musicisti veterani, Hoyle e Priester, entrambi ex membri della band di Sun Ra ed Ira Sullivan, che colpì il giovane Reed per l'incoraggiamento ricevuto durante una jam session di tredici anni fa. Accanto ad essi, il batterista ha convocato inoltre un elemento dirompente della scena musicale chicagoana, il trombonista Bishop.

Inserito nel lettore, il disco si lascia ascoltare fino alla fine, nonostante una durata che oltrepassa i sessanta minuti. Merito della bravura dell'ottetto, di una freschezza negli assolo, di una perfetta comunicazione tra i sei fiati, di un perfetto sincronismo della ritmica, pronta ad effettuare stop improvvisi o a partire snella ad altissima velocità. Ottimo l'uso delle spazzole, swingante ed incisivo nell'iniziale "Song Of A Star". E felice l'intercambiabilità di tempo tra l'afro e lo swing in "Wilbur's Tune". In scaletta, tre brani originali, omaggio ai tre musicisti veterani, coronano un'intesa anche compositiva tra Reed e l'altosassofonista Greg Ward. Il disco è ricco di swing e di colori, di sfumature da scoprire ascolto dopo ascolto e ci fa desiderare di vedere dal vivo una formazione così esplosiva, la quale è anche la dimostrazione del legame esistente tra due generazioni così lontane, eppure caratterialmente così vicine grazie ad un comune sentire musicale.

Giovanni Greto per Jazzitalia







Articoli correlati:
01/12/2018

Flesh & Bone (Mike Reed)- Gianni Montano

11/04/2015

Possible Universe - Conduction® 192 (Lawrence D. "Butch" Morris)- Gianmichele Taormina

27/01/2007

Choice (Fabrizia Barresi)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.335 volte
Data pubblicazione: 06/03/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti