Jazzitalia - Corrado Zanetti 4tet: Sukhumvit Road
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Un'orchestra per Pino Daniele special guest: Tony Esposito e Tullio De Piscopo a Bari per un concerto dedicato al grande musicista e in favore dell'Alzheimer.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Corrado Zanetti 4tet
Sukhumvit Road



LineEditions 2011

1. Victor Blue
2. Huè
3. Tea Time
4. Sukhumvit Road
5. GrayDay
6. Miles Funk
7. Geko
8. Self Portrait

Corrado Zanetti - sassofoni tenore e soprano
Daniele Labelli - piano e tastiere
Stefano Olivato - basso elettrico
Phil Mer - batteria


Nonostante spesso sia difficile ripetere quanto di buono espresso nel disco d'esordio, "Sukhumvit Road", il secondo lavoro del sassofonista e compositore veneziano Corrado Zanetti, risulta senza dubbio più convincente del primo, "Bahia Blanca". I musicisti sembrano vivere una felice tensione, assieme ad un ottimo affiatamento e ad una sorprendente tecnica. Il disco scorre lieto nel lettore CD e, traccia dopo traccia, fa sì che l'ascoltatore, si soffermi su diversi punti focali, quali l'improvvisazione individuale, la puntualità negli attacchi, il timbro degli strumenti, i vari colori. Nel disco traspare la passione del leader per il continente asiatico, in particolar modo per l'Indocina, come testimoniano la title track, nella quale l'esposizione tematica descrive la vita rumorosa lungo l'arteria principale di Bangkok, e ‘Huè', un pezzo basicamente latino dedicato alla omonima cittadella storica del Vietnam.

Nella sua lunga esperienza musicale, Zanetti è riuscito a interiorizzare parecchi stili e fraseggi di illustri sassofonisti, cercando di cogliere il giusto spirito, filtrato attraverso un jazz di ottima fattura e che in certi episodi ricorda la lezione di Wayne Shorter. Sei su otto brani sono scritti dal leader. Il primo appartiene invece alla penna del bassista che ricorda quel tipo di accompagnamento funkeggiante ed originale di Jaco Pastorius. Commovente il pezzo conclusivo, sentito omaggio a Michael Brecker, che lo interpretò con gli Steps Ahead, artista prematuramente scomparso e rimpianto da colleghi e appassionati. Convincono infine il drumming di Phil Mer, ex batterista di Pino Daniele, attualmente nuova linfa per lo storico gruppo di pop italiano dei Pooh e il pianista Daniele Labelli, dal tocco elegante, sensibile e raffinato.

Giovanni Greto per Jazzitalia







Articoli correlati:
07/01/2014

The Framers (Phil Mer, Andrea Lombardini)- Enzo Fugaldi

06/11/2011

Desiderata (Quinteto Porteno)- Pietro Scaramuzzo







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.313 volte
Data pubblicazione: 18/12/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti