Jazzitalia - Savo (Stefano Savini): Sumar
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Autoprodotto 2006
Savo (Stefano Savini)
Sumar


1. Fuso
2. 2 x 1
3. Spre
4. L'ora
5. Liaison # 2
6. Massa
7. Sumar
8. Nodi
9. Danza scura
10. Angiulì

Stefano Savini - chitarra classica, chitarra 12 corde, chitarra elettrica, basso, piano, tastiere cavaquinho, drum loops, percussioni, fischio e cori



Troviamo brevi racconti di vita, immagini, sensazioni, nelle dieci tracce che compongono "Sumar", primo lavoro solista di Stefano Savini, chitarrista di spiccata eccentricità musicale, in cui diverse convivono formazioni ed esperienze musicali diverse, originando sovente una particolare espressione stilistica che caratterizza le sue composizioni.



N
ell'album, da lui interamente composto ed eseguito, facile è percepire un senso di allontanamento rispetto l'idea del cosiddetto genere musicale, inteso come mera limitazione espressiva.
Numerose a questo proposito le intenzioni, ora jazzistiche, ora classiche, sino ad arrivare ad influenze tipicamente contemporanee, non solo riferite ad un punto di vista prettamente compositivo, ma caratterizzato della stessa scelta nell'utilizzo di strumenti elettronici quali sintetizzatori o drum loops. Secondo la scelta l'artista indirizza il proprio viaggio creativo in spazi profondamente autonomi ed individuali, libero di raccontarsi e raccontare.

Palese esempio di quanto accennato è la breve titletrack "Sumar", nell'intenzione di rappresentare un netto punto di frattura rispetto alle sobrie e ben calibrate armonie presenti nel cd.
Qui la linea melodica di Savini si introduce distorta,irregolare, traendo ispirazione da una sorta di impetuoso moto interiore, rigettando note come dissonanti escursioni.

Indicativa in tal senso è "L'ora", brano che si intrattiene inizialmente tra sonorità caute, scure, di un disegno non privo di nitidezza, ma forse è questa stessa che inquieta. E sopra perpetui giri di accordi, lentamente si schiude una lirica leggera, nostalgica, via via sempre più energica, sino a creare una scissione sempre più marcata all'interno della traccia stessa, segnata da una continua ascesa a cui l'autore preferisce non dare una fine, bensì una scia.

Il complessivo disegno armonico,infine, può apparire frammentario, eterogeneo, nel momento in cui si percepisce ogni brano come chiuso in sé dalla propria univocità, dal proprio perché; o a causa d'un dinamismo instabile, espresso talvolta in ostinata macchinosità, talvolta in momenti di fisica semplicità, dove al piano o chitarra, non seguono altri.
Diversamente apparirebbe, se accettassimo di sentire il tutto come simbolica rappresentazione di umane emozioni, nel loro alternarsi, contraddittorie, nella propria voluttuosa natura.

Fabrizio Ciccarelli e Daniel Bologna per Jazzitalia







Articoli correlati:
13/04/2009

Cortile (Stefano Savini)

05/12/2006

Intervista a Stefano Savini dei NoPop: "Se il lavoro come nel nostro caso è una ricerca di se stessi e della propria identità musicale, direi che conviene essere sincero quando voi dare te stesso o la tua anima per comunicare con chi ti ascolta..." (Fabrizio Ciccarelli)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.941 volte
Data pubblicazione: 05/09/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti