Jazzitalia - Maurizio Brunod: Svartisen - Band Epoque
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ravenna Jazz 2019. Il festival ravennate raggiunge la 46ma edizione, caratterizzata da una programmazione ad ampio raggio: ben dieci giorni di musica con concerti diffusi su tutto il territorio cittadino..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

I 50 anni di Woodstock: fu vera gloria? Incontro gratuito col giornalista e critico musicale Alceste Ayroldi per un'analisi dei momenti chiave che ne hanno fatto un evento simbolo di una generazione..

JAZZ e Cinema: la storia della musica jazz nel cinema attraverso aneddoti, proiezioni a cura di Alceste Ayroldi con la band di Mike Zonno.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Rosario Giuliani Hammond Trio per il prosieguo della rassegna Boogie Jazz Season a Roma, curata da Gabriele Buonasorte.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)


Maurizio Brunod Feat. John Surman
Svartisen
Svartisen-Splasc(H) 2010

1. Svartisen
2. Frydor
3. Lara's dance
4. Isen
5. Gaucho
6. Rosa
7. Defiance
8. Didime
9. Waltz for Joe
10. Lara's dance


Maurizio Brunod - chitarra elettrica, chitarra classica, live sampling
Bjørn Alterhaug - contrabbasso
Ivar Antonsen - pianoforte
Paolo Vinaccia - batteria
John Surman - sax soprano, sax baritono


Maurizio Brunod
Bad epoque
Monk records 2011

1. Mamuth
2. Blue In Green
3. Sequences
4. Milonga Del Nord
5. Neve
6. Message from a Sad Dolphin
7. Bad Epoque


Maurizio Brunod - chitarra elettrica, loops e live electronics

Maurizio Brunod è un musicista sicuramente disponibile, pronto a partecipare a progetti differenti, aggiungendo la sua voce in contesti diversi, in sintonia con le esigenze espressive di altri leader. Quando è lui a dover condurre il gioco, però, si aprono orizzonti diversi e si scopre un artista che non va affannosamente in cerca di un timbro particolare, di una cifra stilistica personale o unica. Il chitarrista suona semplicemente quello che gli piace, quello che fa parte del suo gusto e della sua storia, senza preoccuparsi di collocarsi in un determinato genere o in un particolare personaggio costruito in cui non può riconoscersi.



Così, in questi suoi ultimi due cd, raggiunge gli obiettivi delineati, utilizzando metodi e mezzi alquanto dissimili. "Svartisen" è la realizzazione di un sogno, non si può definire altrimenti l'incisione di un disco al mitico "Rainbow Studio" di Oslo, teatro di tante sedute di registrazione della ECM con i migliori artisti dell'etichetta tedesca. In più in questo Cd è ospite, in alcuni brani, il sassofonista John Surman, uno dei fuoriclasse di Manfred Eicher e non solo. Il gruppo base è costituito da competenti strumentisti scandinavi, oltre al batterista italiano Paolo Vinaccia, emigrato in quelle zone. Tutto scaturisce dalla partecipazione di Brunod a un festival di una località dal nome impronunciabile "Smeitedighelen". Da questa esperienza nascono la proposta e i contatti necessari per arrivare a Oslo nel tempio della musica jazz europea.

Una volta varcata la soglia dello studio con un notevole coraggio, ma conscio anche delle sue potenzialità, il chitarrista valdostano schiera una serie di sue composizioni in cui crede molto, lasciando spazio anche a brani dei suoi compagni di avventura. Ne viene fuori un disco fresco, gradevole, con una cantabilità inequivocabilmente italiana, unita ad un ambiente sonoro nordico, caldo e accogliente come una casa di legno fra i fiordi. La registrazione è di prima scelta e mette nel giusto risalto il lavoro di ogni componente del quintetto. Ivar Antonsen è un pianista che sa il fatto suo e non segue i grandi modelli del jazz scandinavo, conservando una sua peculiarità nel porgere e nel girare attorno ai motivi di base. Bjorn Alterhaug ha il timbro scuro che ci si aspetta da un bassista norvegese, ma fa vibrare il suo strumento con calore, quando gli è richiesto. Paolo Vinaccia suona sempre quello che non ci si attende da lui, con un uso delle percussioni così irregolare e sorprendente nella ricerca dei suoni, ma altrettanto sostanzioso, essenziale nell'economia del discorso. Quando si unisce al quartetto John Surman la musica non decolla necessariamente, non cambia aspetto, perché il sassofonista si limita, con molta umiltà, a mettere al servizio dei partners il suo contributo: non gigioneggia, non fa la prima donna. Si inserisce al momento giusto con assoli pieni di misura e calibrati; fa il quinto del gruppo, non la star ospitata. Fra i brani migliori si raccomanda "Svartisen" - dedicata ad un ghiacciaio norvegese - per la varietà di situazioni che annovera, con gli "svolazzi" iniziali del soprano di John Surman, la chitarra acustica molto ritmica e l'accompagnamento anomalo, ma vivo e pulsante delle percussioni. Da ricordare pure l'elettronica "Isen" in trio con effetti iniziali e uno sviluppo lento che fa presagire un accelerando nella dinamica e nell'intensità e, invece, prosegue nella stessa suggestiva direzione per tutta la lunghezza del pezzo.

Più recente è "Bad epoque" inciso in solitudine con la chitarra elettrica. Rispetto al precedente disco in solo, "Northern lights", c'è un'uniformità di fondo assolutamente voluta. Mentre nel precedente cd si alternavano scenari diversi e Brunod andava a rovistare nelle sue passioni per ricavare un disco con parecchie sfaccettature, qui prevale una tinta unica su tonalità scure, si direbbe, ma luminose. I brani iniziano tutti lentamente. Si evidenzia uno spunto melodico su cui il chitarrista opera dal punto di vista timbrico e armonico. Attraverso la loop station copia alcune frasi e le ripresenta, mentre il filo del discorso va avanti accidentato da altri effetti elettronici e vivificato da nuove intuizioni, in grado di far evolvere la traccia con una progressione minima, ma significativa. Come rivela lo stesso autore nelle note di copertina "ho voluto lasciare libero sfogo alle mie influenze psichedeliche, jazz e visionarie..." In effetti Brunod epitomizza gli impulsi che gli arrivano dai grandi musicisti targati ECM, o dai mostri sacri del rock più avanzato degli anni settanta per scrivere composizioni comunque originali, con una preferenza per l'aspetto melodico dei brani decisamente italiano. Si distinguono in particolare "Neve" con un suono lungo di richiamo iniziale, quasi una dolce sirena, raddoppiato e triplicato più volte. Il motivo viene fuori piano piano. Poi una chitarra ricama arpeggi e ruota attorno ad una frase ben definita, facendo diventare il tempo leggermente più mosso. Successivamente sembra entrare una synth, ma è un'illusione. Questo strumento non fa parte della dotazione scelta per l'incisione. Ancora il suono iniziale e la ripresa di una variazione già sentita ancora ripetuta con micro-modifiche, finché il brano va a morire.

Echeggia Bach, invece, "Message from a sad dolphin" di Bjorn Alterhaug (il bassista di "Svartisen", per intenderci). Brunod lo esegue come fosse un'aria classica, con un suono della chitarra che sa di organo di chiesa, magari elettrificato e un andamento solenne, austero, perfettamente in linea con il brano. "Bad epoque" in chiusura riassume alcuni elementi incontrati in precedenza. L'inizio è visionario, fantasioso, effettistico. Si impone, subito dopo, un tema bello e malinconico, che viene "rimasticato", "rivoltato" in svariate fogge tutte affascinanti e a loro modo misteriose. E' un finale adeguato per un disco che ci consegna l'immagine attuale di un musicista curioso e sempre desideroso di cambiamenti, ma con i piedi ben saldi nella "sua" tradizione, formata da tante musiche, la più importante delle quali è certamente il jazz.

Gianni Montano per Jazzitalia









Articoli correlati:
23/09/2017

Talos Festival 2017: "Un esempio virtuoso di politica culturale che trae la propria forza dalla competenza, dalla volontà e dalla passione del direttore artistico..." (Vincenzo Fugaldi)

12/03/2017

Tiresia (Enten Eller)- Gianni Montano

23/12/2013

Saltash Bell (John Surman)- Alceste Ayroldi

25/08/2013

Jazz Groove Parte 2: Joyce in 'Femina', Maurizio Brunod & Miroslav Vitous in 'Duets', Claudio Fasoli Four in 'Patchwork', Ambrosetti, Caine, Di Castri in 'From Bach to Miles and Trane' e l'omaggio a Lester Bowie di Enrico Rava & PMJL. (Giovanni Greto)

02/06/2013

Open Jazz Festival d'Ivrea e Canavese 2013 : "...un festival che ha una lunga storia e vuol proseguire e crescere con opzioni ogni volta coraggiose e intriganti." (Gianni Montano)

20/05/2013

1/2 A Dozen (Norbert Dalsass)- Francesco Favano

02/02/2013

Reunion (Claudio Lodati - Maurizio Brunod)- Francesco Favano

20/01/2013

Kandinsky (Massimo Barbiero, Marcella Carboni e Maurizio Brunod)- Andrea Gaggero

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano

18/08/2012

Tandem Desàrpa (Maurizio Brunod - Giovanni Palombo)- Gianni Montano

24/12/2011

Parma Jazz Frontiere - XVI Edizione: Il profumo di Norvegia dell'Arve Henriksen Trio, l'ensemble pieno di suono e solarità di John Surman con la Big Band di Bergen, l'omaggio a Graham Collier di Roberto Bonati e l'ensemble "Ruvido Insieme", la contaminazione fra arte contemporanea e musica del duo chitarra & tela di Luca Perciballi e Mattia Scappini in "Fragile" e poi del Pollock Project, il Bobo Stenson trio a chiudere magnificamente la XVI edizione del Parma Jazz Frontiere festival. (Margot Frank, Nina Molica)

23/04/2011

Cherry Dance (Pierluigi Balducci – Maurizio Brunod – Marta Raviglia Trio)- Roberto Biasco

06/02/2011

La musica e il jazz nella Città dell'Uomo. Come la cultura Olivetti ha saputo alimentare un territorio durante e dopo l'utopia della società di Adriano. Dall'Euro Jazz festival all'Open World Jazz Festival: Un Blues per Olivetti. (Franco Bergoglio)

27/08/2010

Marmaduke (Massimo Barbiero - Maurizio Brunod, Alexander Balanescu, Claudio Cojaniz)- Franco Bergoglio

16/08/2010

Northern lights (Maurizio Brunod)- Gianni B. Montano

25/07/2010

Unstandards (Alessandro Galati)- Vincenzo Fugaldi

17/04/2010

Bergamo Jazz 2010: "Tocca sempre a Bergamo il compito di inaugurare la nuova stagione del jazz in Italia, dall'alto di una tradizione di scintillante fattura, impreziosita dalla seconda conduzione artistica di Paolo Fresu, il cui obiettivo quest'anno è stato quello di concentrarsi su alcune delle correnti che attribuiscono al genere nuova linfa." (Vittorio Pio)

27/12/2009

Jack DeJohnette & The Ripple Effect all'Auditorium di Roma: "Di una cosa si può esser certi: è praticamente impossibile assistere per due volte allo stesso concerto se questo ha per protagonista Jack DeJohnette, tale è la varietà e la diversità di progetti musicali di cui è l'ispiratore e il leader." (Dario Gentili)

24/09/2009

Brewster's Rooster (John Surman)- Dario Gentili

25/03/2008

Anouar Brahem, John Surman, Dave Holland in "Thimar" all'Auditorium di Roma: "...una politica musicale assolutamente apprezzabile quella dell'Auditorium di Roma di non rincorrere soltanto le nuove uscite discografiche per strappare una data del tour che ne segue, ma di costruire il proprio calendario cercando di riproporre e rilanciare formazioni e progetti, i cui lavori non intercettano propriamente la più stretta attualità e che probabilmente non torneranno in sala di registrazione." (Dario Gentili)

26/01/2008

Jack DeJohnette & The Ripple Effect with John Surman per Aperitivo in Concerto: "In due ore di musica non si conta un solo minuto di carenza di tensione o di feeling. I suoni e le idee coinvolgenti, assieme all'indiscutibile e riconfermato talento di questi grandi musicisti, hanno offerto al pubblico un evento difficilmente dimenticabile." (Achille Zoni)

15/11/2007

Hoarded Dreams (Graham Collier)





Video:
italian guitars trio and ralph towner "stinko tango"
Video ufficiale Italian guitars Trio & Ralph Towner...
inserito il 10/05/2013  da Maurizio Brunod - visualizzazioni: 3181


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.727 volte
Data pubblicazione: 10/12/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti