Jazzitalia - Recensioni - Glauco Venier - Michele Corcella: Symphonika
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Max Ionata Three One per la rassegna Boogie Jazz Season presso il BOOGIE CLUB di Roma.

Per i dieci Anni di Milleunanota arriva la cantante brasiliana Rosàlia De Souza.

Dolomiti Ski Jazz 2019. 22° Edizione, dal 9 al 17 marzo 2019: concerti su misura per… sciatori. Il Dolomiti Ski Jazz è un incrocio di passioni: quelle per gli sport invernali, per la black music, per la natura alpina.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Glauco Venier - Michele Corcella
Symphonika



artesuono (2014)

1. A tor a tor (Popolare, Venier)
2. Prejera par Tualjas (Dall'Orbo, Venier)
3. L'Ave (Zardini, Venier)
4. Tedescha (Mainerio, Venier)
5. Stelutis alpinis (Zardini, Venier)
6. Lipe Rosize (Popolare, Venier)
7. Gust da essi viva (Cantarutti, Venier)
8. Ce matine (Zardini, Venier)
9. Schiarazula marazula (Mainerio, Venier)
10. Cjant da ils cjampanis (Pasolini, Satie, Vernier)
11. Gorizia (Venier)
12. Ungarescha (Mainerio, Venier)

Glauco Venier - composizione
Michele Corcella - arrangiamento e orchestrazione
Walter Themer - direzione
Norma Winstone - voce
Uli Beckeroff - tromba, flicorno
Matthias Nadolny - sax tenore
FVG Mitteleuropa Orchestra & Mittelfest Big Band


Poesia, folklore, mistica bellezza della natura, le villotte ottocentesche di Zardini, le arie rinascimentali di Mainerio, i ritmi appena un po' zingareschi della czarda ungherese, la solennità delle arie tedesche; elementi che confluiscono in Symphonika splendidamente amalgamati dal compositore e pianista Glauco Venier, che realizza un'opera capace di raccontare le mille anime del Friuli, una terra da sempre crocevia di popoli e culture, proiettata al centro dell'Europa, ma capace di guardare anche verso Oriente. Alla base dell'album (che include anche un dvd), il pregevole lavoro di ricerca di Venier, che ha volto lo sguardo in più epoche e direzioni, arrangiando composizioni antiche e moderne, colte e popolari, e creandone una ad hoc, ovvero quella Gorizia che racchiude l'anima ancestrale del Friuli. C'è spazio anche per la memoria delle antiche migrazioni dei friulani (Prejera par Tualjas), a ricordarci cosa si prova quando si è costretti a lasciare la propria terra natia.

Un album che, a voler trarre un paragone con le opere letterarie, fa propria la delicatezza di Saba e Rilke, ma sotto questa patina di estetica profondità, ecco emergere il Friuli atavico di Italo Svevo - fatto di fughe rapsodiche nella memoria, di rigorismo prussiano, di sommesso fatalismo -, e quello tragico e struggente di Boris Pahor, che ancora non ha completamente rimarginate ferite vecchie di decenni. Toccante, infine, l'omaggio a Pier Paolo Pasolini, del quale viene ripresa Cjant da ils cjampanis, delicata poesia di sapore pascoliano, intrisa di oscurità e nostalgia.

In mezzo, giocose incursioni nelle atmosfere rinascimentali di Mainerio, che evocano l'atmosfera della corte asburgica. Tedescha è una danza vivace cui il sax conferisce una ballabilità più vicina al gusto contemporaneo, mentre Schiarazula marazula diventa, sotto l'egida della vivace orchestra, un brano vicino per affinità d'atmosfera ai ballabili di Broadway. Un accostamento azzeccato fra la concezione rinascimentale del ballo, e quella degli anni d'oro del jazz.
Coinvolgente chiusa con la suite di sapore magiaro Ungarescha, dalle note calde e il pianoforte rapsodico, cui le cui dinamiche linee di sax infondono una briosa atmosfera che richiama Broadway e le sue luci. Un brano dal quale riaffiora la tradizione delle bande militari ottomane, mentre i fiati si abbandonano a fraseggi di gusto manouche, al punto che la seconda parte sembra un pezzo di jazz gitano.

A impreziosire Symphonika, la delicata voce dell'inglese Norma Winstone, che canta friulano, riportando, per così dire, alla ribalta, questo antichissimo patrimonio linguistico, formatosi sulle ceneri del latino e influenzato da elementi celtici e germanici. Una lingua dura come roccia, sulla quale si adagia come una rondine primaverile la voce di Winstone, che torna a collaborare con Venier dopo Stories Yet To Tell.

Le due orchestre e i musicisti aggiunti creano un intenso e affascinante substrato sonoro, cui ora gli archi ora i sax conferiscono di volta in volta un'antica solennità, o una vivace atmosfera jazz. Corcella e Venier compiono un'operazione culturale di ampio respiro, che interessa la letteratura, la poesia, l'etnografia, il jazz, la musica popolare e la musica classica. Un album, Symphonika, che è l'affresco di una Mitteleuropa ancora presente, che merita di essere riscoperta.

Niccolò Lucarelli per Jazzitalia







Articoli correlati:
29/01/2017

Miniatures (Glauco Venier)- Alceste Ayroldi

20/08/2016

Südtirol Jazz Festival Alto Adige 2016 - "New Sounds - Fresh Perspectives": "Il festival altoatesino prosegue nel suo lodevole intento di coinvolgere l'intero territorio della Provincia, dedicando l'edizione principalmente all'incontro fra musicisti della vicina Austria e musicisti italiani." (Vincenzo Fugaldi)

15/06/2014

Norma Winstone e il battito "naturale" delle parole: "La cosa importante è trovare l'essenza di una composizione ed eseguirla con rispetto." (Davide Ielmini)

21/11/2010

Stories Yet To Tell (Norma Winstone)- Vincenzo Fugaldi

18/09/2010

Intervista a Gerardo Frisina, punto di riferimento per l'intera scena nu-jazz internazionale: "La musica è musica e l'emozione deve esser trasmessa dalla melodia, non dalle parole. Inoltre ciò che arriva alle orecchie della gente è spesso fasullo e la musica viene sporcata se non è sincera ed è fatta per mettersi in mostra." (Mario Melillo)

21/02/2009

Festival ECM alla Casa del Jazz, con il trio di Norma Winstone, il trio Melos e il collettivo franco-norvegese Dans les arbres. "Una delle etichette discografiche che ha caratterizzato la storia del jazz europeo (e non solo), tanto da aver definito un suo peculiare "suono", una delle etichette più discusse, amata fino al feticismo per le sue confezioni e odiata talvolta solo per pregiudizio, la ECM di Manfred Eicher, compie quest'anno quarant'anni. Lo scorso dicembre, in nome di una ormai solida collaborazione, la Casa del Jazz di Roma ha voluto inaugurare i festeggiamenti con un piccolo festival di tre giorni." (Dario Gentili)

21/01/2009

Distances (Norma Winstone)

13/04/2008

Jazzitalia all'IAJE Annual Convention 2008: "E' un vantaggio ed uno svantaggio al tempo stesso il fatto che all'Annual Convention dell'IAJE vi sono così tanti concerti, clinics, masterclasses a cui partecipare, persone da incontrare, strumenti da provare, stand da vedere e chiacchiere da fare..." (Jamie Baum)

14/08/2003

Intervista a Glauco Venier: "...l'allievo, quando impara a suonare gli accordi, le prime scale, dovrebbe anche avere subito un certo tipo di approccio all'improvvisazione libera, perché è quella che fa uscire veramente ciò che sei: non hai sovrastrutture, non hai teorie, sei tu in quel momento.". (Antonio Terzo)

14/04/2002

Serenade Furlane: mettere insieme archi, coro, con al piano e al sax due solisti di jazz, non é certo una cosa di tutti i giorni. Ma questo non stupisce chi conosce Glauco Venier.





Video:
MICHELE CORCELLA: "Dawn". Performed by Bohuslän Big Band (AUDIO HIGH QUALITY)
MICHELE CORCELLA: "Dawn". Performed by Bohuslän Big Band (AUDIO HIGH QUALITY)...
inserito il 10/06/2010  da mickycorcella - visualizzazioni: 2876
MICHELE CORCELLA - Solennemente e intensamente
MICHELE CORCELLA - "Solennemente e intensamente" per voce e orchestra.Vincitore del secondo premio al concorso internazionale di composizion...
inserito il 21/08/2009  da ennionavale - visualizzazioni: 2909


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 697 volte
Data pubblicazione: 05/11/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti