Jazzitalia - William Parker & Giorgio Dini : Temporary
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Silta Records 2009 - SR0903
William Parker & Giorgio Dini
Temporary


1. Temporary one – preludio
2. Temporary two – improvviso
3. Temporary three – intermezzo
4. Temporary four – lento
5. Temporary five – danza e finale

William Parker - contrabbasso, shakuhachi
Giorgio Dini - contrabbasso





Silta Records
email: info@siltarecords.it
web: http://www.siltarecords.it

 


"Improvisation is the organizing of sound without relying on preset music notation, spontaneously playing music without any preset thought, responding to sound intuitively, second to second". Ovvero: "L'improvvisazione è l'organizzazione del suono senza contare sulla notazione musicale pianificata, suonando spontaneamente la musica senza programmazione del pensiero, rispondendo al suono intuitivamente, secondo per secondo".

William Parker non avrebbe potuto descrivere meglio l'esperienza musicale raggiunta in questo progetto. Tecnicamente parlando, il suo nuovo lavoro è una session di contrabbassi in duo con Giorgio Dini, dalla quale sono stati estrapolati cinque brani di sola improvvisazione sperimentale, senza ombra di regole o pentagrammato. Non è un'esibizione di tecnica, non vi è traccia di evoluzioni virtuose, ma solo uno screening dell'infinita gamma di sonorità che il contrabbasso è in grado di concepire. I due si cercano, dialogano, contrappuntano e riflettono trovando un feeling perfetto, racchiuso in un interplay carico di modulazioni armoniche fantasiose, enigmatiche e finemente espressive. Un lirismo assoluto, fuori da ogni schema, dove solo le poche note melodiche di William Parker, pulsanti nell' "Improvviso" e in "Danza e Finale", offrono delle linee guida che equilibrano il tema astratto con dei basilari arrangiamenti jazz.

L'album inizia dal "Preludio", nel quale i due eseguono, con l'archetto, toni pacati e misteriosi che si sviluppano,attraverso un'escursione esasperata delle note, in un finale frenetico ed esaltante. Maggiore fluidità scorre nell' "Improvviso", dove Parker dà energia al proprio contrabbasso pizzicando sulle corde una successione di contrappunti tonici e accurati, mentre Dini vi disegna un background trascinante ed imperscrutabile. In"Intermezzo" il primo sperimenta il suo shakuhachi dando vita ad un sound malinconico, emotivo che, anche grazie all'accompagnamento riflessivo del secondo, colora il brano di atmosfere orientaleggianti.

L'ultima traccia, l'esecuzione di maggiore espressività dell'album, è una sperimentazione sopraffina, emozionante. I contrabbassi giocano sugli armonici con l'archetto eseguendo principalmente note alte, così da creare un'intensa modulazione di suoni astratti, mistici e trascinanti. Nel sottofondo un perpetuo effetto acustico contribuisce a rendere il brano ipnotico e penetrante. Solo nel finale Parker offre un arrangiamento tipicamente jazz, che sfocia in una conclusione inaspettata ed enigmatica.

Parker e Dini confermano la loro sensibilità musicale in un registrazione che suscita sentimenti di stupore e che indubbiamente porta un vento di novità nell'ambito jazzistico contemporaneo.
Non è un ascolto facile, non dobbiamo aspettarci dei brani scorrevoli e intuitivi, ma studio e ricerca continui della massima espressività sonora concepibile. E nel farlo i due ci mostrano un' empatia totale, sfoggiando un sound fuori da ogni schema. Gli alti livelli di sperimentazione sonora espressi rappresentano un passo avanti nella ricerca di nuove rappresentazioni della musicalità.

Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante per Jazzitalia

Giorgio Dini è il fondatore dell'etichetta discografica indipendente Silta Records. In questa veste ed in quella di musicista lo intervistiamo.

Perché la scelta di due contrabbassi per questo album ?

William ha suonato in diverse occasioni in duo con contrabbassisti di rilievo, come Joelle Leandre, Henry Grimes, Stefano Scodanibbio. Quando mi si è presentata l'opportunità di intraprendere questo progetto, ho deciso di mettermi in gioco e intraprendere questa sfida, certamente non priva di rischi. Gli ho proposto di affrontare la seduta di registrazione senza concordare alcunché, nemmeno una traccia elementare, nulla; sapevo bene che si tratta del tipo di musicista che in ambito improvvisativo di questo tipo ha pochi rivali, ero molto fiducioso del risultato finale.

"Temporary", perché?

"Temporaneo" è una parola che stimola situazioni effimere, propense a variare in maniera repentina, consoni all'approccio improvvisativo ‘intuitivo' che abbiamo messo in pratica; evoca contemporaneità, estemporaneità ed anche un elemento fondamentale nella musica: il tempo, che scorre parallelamente al fluire della musica. E' un episodio nelle nostre vite, la fotografia di un determinato momento nei nostri percorsi musicali che si sono intersecati in questa occasione.

Ricerca del suono "puro" o contrasti emozionali?

Una cosa non esclude l'altra! Il suono è elemento fondamentale in questo disco, per questo abbiamo voluto prestare particolare cura alla fase di mixaggio ed editing: proprio per curare il suono nel particolare. Ma vorrei dire che la ricerca del suono qui non è mai fine a se stessa, bensì mezzo espressivo. I contrasti sono altresì importanti, perché sebbene il disco sia caratterizzato da uno spirito unitario, i contrasti permettono di raggiungere quella varietà che è necessaria alla musica: io non amo la ricerca pura, quella rincorre se stessa, ma le espressioni artistiche innovative che sanno sorprendere per le direzioni inaspettate che prendono. Io amo tutti i contrasti: melodici, ritmici, sonori (‘alla Scelsi'), espressivi…. Ed emozionale come opportunamente noti tu.

Con la tua scelta estetica intendi continuare la tradizione dell'improvvisazione pura o dare nuovo impulso alla ricerca musicale?

Domanda impegnativa! Certamente intendo seguire un certo percorso in maniera fluida e naturale, non forzata: in musica è importante fare quello che ci si sente di fare, non inseguire le opportunità commerciali o propendere per i gusti del momento. Da anni ormai sto approfondendo l'approccio improvvisativo che taluni definiscono ‘musica improvvisata creativa', e non mi sento certo arrivato – sento che il territorio da esplorare è ancora vasto. Poterlo fare con musicisti di spessore come William Parker permette inoltre di ampliare gli orizzonti. Quindi, in risposta alla domanda, il mio personale percorso di ricerca musicale trova linfa vitale proprio da questo tipo di pratica improvvisativa. Più avanti non escludo di dedicarmi ad un tipo di ricerca differente, sempre seguendo quello che chiamo il mio percorso musicale. Il futuro è sempre pieno di sorprese!

L'improvvisazione è senz'altro l'anima delle blue notes, in cui il musicista esprime ogni lato della propria creatività. Qual è la tua idea in proposito?

Tecnicamente le 'blue notes' sono note della scala blues (il terzo e settimo grado, nel bop anche il quinto grado) che vengono suonate leggermente calanti; è proprio questa ‘stonatura' a creare il tipico effetto ‘blues'. Quindi storicamente il musicista Blues ha fatto delle 'blue notes' il suo marchio di fabbrica, la sua cifra stilistica ed il Jazz è genealogicamente collegato al blues come sappiamo, quindi le 'blue notes' sono entrate nel linguaggio dell'improvvisatore Jazz. La musica a cui mi dedico ha forte una forte matrice improvvisativa ma esce decisamente dagli stilemi del Jazz Mainstream, quindi l'uso delle 'blue notes' non è contemplato in quanto tale (ovvero nelle sue relazioni coi gradi della scala), ma si trova certamente qualcosa di simile quando talvolta si fa uso di variazioni microtonali: anche queste, come le 'blue notes', arricchiscono il linguaggio espressivo!

In nome della necessità della "fusione" tra generi diversi il jazz ha spesso percorso strade a volte originali, talaltre discutibili; quali sono stati secondo te i tentativi più significativi?

Non essendo uno storico del Jazz la mia risposta potrebbe essere incompleta, comunque mi vengono in mente le fortunate esperienze del samba-jazz di Stan Getz e Jobim degli anni Cinquanta, poi le venature funk di Horace Silver nei primi anni Sessanta, poi la fusion della fine anni Sessanta / inizi Settanta coi Weather Report e Miles Davis. Più recentemente noto ottimi risultati nelle commistioni con le influenze arabe/mediorientali proposte da Rabih Abou-khalil, le sonorità di Trilok Gurtu, ma anche le atmosfere ricche di pathos di Annette Peacock, le escursioni nella contemporanea di Meredith Monk…E potrei continuare l'elenco!

Quali artisti reputi tuo punto di riferimento?

Questa è la domanda che un musicista cerca sempre di evitare per non essere identificato troppo facilmente – lasciamo agli altri trovare i nostri punti di riferimento! Posso solo dire che è normale avere dei periodi in cui si vuole approfondire la conoscenza artistica di un musicista che si apprezza, poi seguono le fasi di interiorizzazione e di assimilazione, al termine delle quali si è arricchita la propria identità musicale; solo occorre stare attenti a non fissarsi su un filone soltanto, se no si diventa dei cloni (o delle brutte copie nei casi sfortunati…) e non ci si evolve.

A che punto è dunque la tua ricerca musicale?

La mia ricerca musicale è in continua evoluzione e cerco sempre nuove strade. Anche se il cuore di questo percorso resta l'improvvisazione, preferibilmente ‘intuitiva' (una volta si diceva anche ‘radicale' ma questo termine rischia identificazioni fuorvianti) ma senza vincolarsi a questa, ovvero ammettendo senza problemi l'uso della tonalità, mi piace misurarmi con interpretazioni di brani di musica classica dalla quale traggo molta ispirazione, soprattutto in termini di cura del suono, della dinamica, dell'espressione, del controllo e dell'architettura improvvisativa.

Cosa aspetti dal gusto del pubblico?

Il pubblico che segue gli stili musicali alternativi ed è curioso di esplorare le novità musicali è difficile da raggiungere a causa dell'elevatissima frammentazione delle proposte discografiche.
Non vorrei sembrare presuntuoso nel dire che mi aspetto che il pubblico più borderline apprezzerà questa proposta, anche se il fatto che il set sia costituito da solo due contrabbassi non rende le cose facili: è musica da ascoltare con una certa preparazione e una buona predisposizione d'animo, che la vita quotidiana non sempre permette. Ma William è talmente apprezzato in Europa ed America che sono certo che gli appassionati noteranno questo disco che è davvero diverso.

Come pensi che la critica accoglierà questo album?

Ho già avuto riscontri molto positivi dalla critica e questo mi fa pensare in maniera molto positiva; il fatto è che ci sono molti critici validi in Italia che capiscono quello che ascoltano e sanno distinguere la qualità dal resto. Purtroppo, come per chi suona, anche per chi scrive gli spazi sono ristretti – credo che soffriamo un po' tutti per questa omologazione sottoculturale che ormai invade le nostre vite. Ma l'importante è non assuefarsi e continuare ad emozionarsi e incuriosirci per le cose nuove.

A tale proposito, cosa ne pensi della situazione attuale del jazz?

Questa è una domanda che richiederebbe una risposta strutturata, perché le dinamiche che regolano attualmente la scena Jazz sono piuttosto complesse e possono anche presentare differenze a seconda della geografia e dei mercati. A dirla in breve comunque, se parliamo del Jazz che vuole progredire ed evolversi e non di quello che si limita ad autocelebrarsi, allora ha il forte bisogno di allargare i propri confini; questo non significa invadere necessariamente territorio altrui, o mescolare tendenze diverse come avvenne in passato per esempio con la Fusion. Significa che il concetto di improvvisazione non deve temere di estendersi ed evolversi verso forme musicali neanche facilmente definibili. Questa difficoltà a esprimere certa musica in categorie ben precise rende la vita difficile all'industria del disco, ai giornali e a gran parte del pubblico, ma in realtà voler classificare a tutti i costi la musica non serve, perché quello che conta sono i contenuti artistici.

La Silta Records senz'altro si distingue per l'originalità delle proposte: perché questa scelta?

Silta Records è nata per colmare un vuoto: permettere la diffusione di musica di valore e contenuti artistici. L'elemento centrale è l'artista e non le considerazioni di business o di moda, per questo il catalogo contiene musica originale e talvolta coraggiosa. Silta records e i suoi artisti non temono di osare! Se mi chiedi se troppa musica viene pubblicata rispondo che troppa musica inutile viene pubblicata.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Sotto il profilo dell'attività di musicista, ho in cantiere un CD in quartetto in stile ‘Old and New Dreams' con George Haslam, Stefano Pastor e Gianni Lugo, poi altro in fase di progettazione con Simone Zanchini e Gianni Lenoci ed ospiti ragguardevoli. L'etichetta sta per festeggiare i 5 anni di attività con la pubblicazione di un CD in duo di Steve Lacy & Mal Waldron, edizione numerata per collezionisti, al quale seguiranno proposte sempre vive ed originali che ancora non vorrei svelare!

Fabrizio Ciccarelli per Jazzitalia






Articoli correlati:
19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

10/08/2015

Navajo Sunrise (Daniel Carter, William Parker, Federico Ughi)- Antonella Chionna

08/02/2015

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Giorgio Dini, Silta Records: "Oggi siamo al paradosso per cui vendono sempre meno dischi ma se ne producono sempre di più." (Alceste Ayroldi)

03/02/2014

The Cave - Dialogues Between Echoes Of Stone (Marilena Paradisi - Ivan Macera)- Nina Molica Franco

05/05/2013

Music Fur Kommende Zeiten (Intuitive Music Quartet)- Gianni Montano

28/10/2012

Intervista a David S. Ware. Ricordando un Gigante del Jazz...: "...di lui rimane una musica dolente, irrefrenabile, stridula ma anche gentile e ricca di un blues introspettivo..." (Gianmichele Taormina)

17/06/2011

I Liberti e la rivoluzione di Ottobre (Sivlia Cucchi Trio)- Enzo Fugaldi

01/11/2010

Rainbow Inside (Marilena Paradisi - Arturo Tallini) - Roberto Biasco

27/08/2010

Elica (Chiara Liuzzi) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

30/05/2010

Frammenti (Gianni Virone Trio) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

08/05/2010

The Music Of Claudio Monteverdi (Marco Tardito 'Amarilli Quartet')- Andrea Gaggero

18/04/2010

William Parker Conversazioni sul Jazz (Marcello Lorrai)- Alceste Ayroldi

06/02/2010

Nu Bop Live (Matthew Shipp)- Gianmichele Taormina

08/08/2009

Anthony Braxton Diamond Curtain Wall Trio a Pomigliano: "Unica data italiana per il prestigioso multistrumentista e compositore americano, affiancato nell'occasione dalla chitarrista Mary Halverson e dal trombettista Taylor Ho Bynum." (Alfonso Tregua)

28/06/2009

Echoes (Angelo Olivieri) - Gianni B. Montano

28/06/2009

Better alone...! Live (Simone Zanchini) - Cinzia Guidetti

06/06/2009

Shakti (David S. Ware)

20/04/2009

Bill's Heaven - To Bill Evans (Trio)

13/04/2009

Cortile (Stefano Savini)

05/01/2009

XXIIIa Edizione di "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Dedicata alla suggestiva figura ed all'indiscutibile genialità musicale di Don Cherry, la manifestazione sarda, giunta oramai alla sua ventitreesima edizione, ha offerto diversificate sfaccettature del caleidoscopico animo artistico impresso nel tempo dal grande trombettista di Oklahoma City." (Gianmichele Taormina)

02/11/2008

One More Time (Borah Bergman & Giorgio Dini)

02/11/2008

Udin&Jazz 2008: I will not apologize: "In un incontro dedicato al tema del festival, William Parker e Amiri Baraka, scrittore e poeta, affiancati da alcuni critici italiani, hanno parlato dei tempi che corrono, lucidamente e a volte con pessimismo, confermando come, sì, il free e la Black music sono stati importanti per la causa della gente di colore, ma molto rimane ancora da fare." (Giovanni Greto)

12/10/2008

Double Sunrise Over Neptune (William Parker)

12/10/2008

Beyond Quantum (Braxton/Graves/Parker)

18/05/2008

Alphaville Suite (William Parker Double Quartet)

05/05/2008

Baraka Speech Quartet a Parma Jazz Frontiere: "C'era sacralità e vita quotidiana nelle due voci e nelle musiche del duo, un urlo rabbioso ed una preghiera, ansia di cambiamento sociale e amore sconfinato per la tradizione, denuncia aspra e malinconia." (Marco Buttafuoco)

05/04/2008

Etnafest 2008: "Quasi uno stato dell'arte della musica afroamericana, la cui salute è assolutamente eccellente, come testimoniato dai tre concerti qui descritti: Dave Burrell Db3 guest Leena Conquest, William Parker's Inside the Songs of Curtis Mayfield, Joshua Roseman & Constellations" (Enzo Fugaldi)

19/03/2008

The Inside Songs of Curtis Mayfield - Live in Rome (William Parker)

18/03/2008

William Parker Quartet per Jazz a Marghera 2008: "Gli ampi spazi alle improvvisazioni consentono ad ognuno dei quattro, di dimostrare le proprie qualità tecniche e creative, secondo un perfetto equilibrio." (Giovanni Greto)

16/03/2008

Uncrying Sky (Stefano Pastor)

26/02/2008

The Old Standards (Enzo Orefice)

14/07/2007

Vicenza Jazz festival 2007, IIa Parte: William Parker Octet, Anthony Braxton - William Parker Duo e "Una Notte con il Jazz Tedesco" (Giovanni Greto)

23/06/2007

Anthony Braxton, William Parker e Milford Graves all'Auditorium di Roma: "Che la ricerca dell'interplay venga sacrificata per lasciar libera espressione alla singola personalità dei musicisti è il rischio e il fascino di un concerto estemporaneo e di un'improvvisazione senza compromessi." (Dario Gentili)

15/04/2007

William Parker, Manu Dibango, Leena Conquest, Adam Nussbaum e molti altri a Chiasso per la decima edizione del Festival di Cultura e Musica Jazz dal titolo "Colour is Jazz", ricca di infinite proposte musicali, di stili, ritmi e improvvisazioni, come infiniti sono i colori a disposizione nel mondo dell'arte figurativa...(Bruno Gianquintieri)

10/03/2007

Night Dancers (Paolo Lattanzi Group)

26/11/2006

Ergskkem (Gianni Lenoci - Giorgio Dini - Markus Stockhausen)

09/10/2006

La gallery di Roccella Jonica 2006 (Francesco Truono)

08/10/2006

BlueLocride, l'edizione 2006 di Roccella Jonica: "Superato il ragguardevole traguardo dei cinque lustri, il festival di Roccella, giunto alla sua XXVI edizione, continua a espandersi nel tempo e nello spazio, abbracciando il capoluogo e l'intera Locride ..." (Vincenzo Fugaldi)

08/06/2006

Sound Unity (William Parker Quartet)

30/12/2005

With Friends (Jean Claude Jones)

02/10/2005

Ai Confini Tra Sardegna e Jazz - XXa Edizione: "...Confermando l'attitudine ad un progetto sempre anticonvenzionale, saldamente basato sulla negazione dell'ovvio e della concessione gratuita, il festival di Sant'Anna Arresi ha degnamente spento quest'anno le venti candeline..." (Gianmichele Taormina)

07/11/2004

Out! (Giorgio Dini - Carlo Actis Dato)





Video:
William Parker's Jeanne Lee Project - Vision Festival 2003
William Parker's Jeanne Lee Project - Song Foe Jeanne LeeThomas Buckner, Ellen Christi, Jay Clayton, Lisa Sokolov : vocalsRob Brown, Henry War...
inserito il 10/06/2007  da anthdb45 - visualizzazioni: 3166


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.741 volte
Data pubblicazione: 09/01/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti