Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


C
oncerto dal vivo registrato durante il ParmaJazz Frontiere festival al Teatro Due di Parma il 23 dicembre 1991
M
asterizzato nel 2003 dalla MM Records

Composizioni di Roberto Bonati eccetto Lacrymosa, tratta da Messa di Requiem di Giuseppe Verdi

Roberto Bonati - composer and conductor
Lucia Minetti - vocals
Mario Arcari - oboe, corno inglese, soprano sax
Riccardo Luppi - flutes, soprano and tenor sax
Alessandro Benassi - clarinets
Francesco Bossaglia - french horn
Michael Gassmann - trumpet, flugelhorn
Beppe Caruso - trombone, tuba
Paolo Botti - viola
Marco Remondini - cello, alto sax
Vincenzo Mingiardi - guitar
Stefano Battaglia - piano
Marco Micheli - acoustic bass
Anthony Moreno - drums
Fulvio Maras - percussions, electronic percussions

Roberto Bonati – ParmaFrontiere Orchestra
The blanket of the dark
A study for Lady Macbeth

1. Miserere
2. A letter
3, The golden round

The blanket and the lady:
4. The raven anche the lady
5. Duncan's fanfare
6. Murdering ministers
7. Trick night
8. Flower and serpent
9. Daggers
10. Lacrymosa
11. Piano interlude

La dance:
12. The cheer
13. Paintings of your fear
14. The three witches quiet dance

Sonnambula:
15. Out damned spot
16. Rigmarole
17. A murky bone
18. Bloosy blood
19. Dark angles
20. Enigmatic scales
21. Perfumes of Arabia
22. Nightwalker
23. Lady morley
24. Lady tango

"Ho immaginato che Lady Macbeth ricordi e riviva, dallo straniamento della sua follia, alcuni momenti della sua vita, le emozioni di questi momenti"

Roberto Bonati, contrabbassista e direttore artistico del Festival "ParmaJazz Frontiere", prosegue nella realizzazione di opere grandiose, quasi maestose (da ascoltare i precedenti "Le Rêve Du Jongleur" e "...poi nella serena luce"), ma sempre caratterizzate da scelte raffinate e di notevole gusto estetico. In questo suo lavoro mette a confronto e richiama il collegamento tra William Shakespeare, attraverso la vicenda di lady Macbeth, e Giuseppe Verdi, che dal lavoro shakespeariano ha tratto ispirazione per alcuni suoi capolavori operistici. "Da principio doveva essere un lavoro sulla musica di Verdi, sui personaggi femminili verdiani. In corso d'opera il campo d'attenzione si è da una parte ristretto a Otello e Macbeth, due delle opere di Verdi tratte da Shakespeare, e dall'altra si è tramutato in una più ampia riflessione sull'opera del Bardo" racconta Bonati.

Il musicista parmense, sostenuto da una cultura musicale davvero completa, raccoglie ispirazione e spunti da una moltitudine di fonti, con il risultato di proporre composizioni composite e trasversali per genere e stile. In ogni traccia si scoprono riferimenti al jazz classico, all'improvvisazione free, alla musica contemporanea. Il risultato è sempre arricchito da un'impronta orchestrale, rafforzata dalla presenza di viola, cello, clarinetto e oboe, nonché dalla voce di Lucia Minetti. Come di consueto, infatti, per realizzare il proprio progetto Bonati coinvolge la ParmaFrontiere Orchestra, composta da ottimi musicisti, tra cui spiccano negli assoli il pianista Stefano Battaglia, il trombettista Michael Gassman nonché Riccardo Luppi al flauto e ai sassofoni.

Pur non trattandosi di musica facile al primo ascolto, l'ultimo lavoro di Bonati dona in un'attenta rilettura sorprese inaspettate e nuove prospettive che superano i limiti convenzionali del jazz moderno.
Marco Strambi per Jazzitalia







Articoli correlati:
30/01/2016

Il Jazz incontra il mondo dei cartoni: "...una proposta raffinata e accattivante insieme, un modo intelligente per avvicinare i bambini alla musica, un invito di grande valore per la qualità con cui è stato formulato." (Barbara Bianchi)

17/01/2016

Django Bates presenta Belovèd, personalissimo omaggio a Charlie Parker: "...un profondo lavoro musicale fatto di introspezione e consapevolezza." (Barbara Bianchi)

03/01/2016

Oregon: il fascino intramontabile della ricerca: "Complessi, raffinati, intensi, questo dopo tanti anni sono ancora oggi gli Oregon per la XX edizione di ParmaJazz Frontiere" (Barbara Bianchi)

27/12/2015

Mark Turner Quartet: "...un progetto che, pur navigando i mari della più classica tradizione d'oltreoceano, sa lasciarsi contaminare da colori e profumi del tutto anticonvenzionali." (Barbara Bianchi)

01/11/2015

Intervista con Roberto Bonati - ParmaJazz Frontiere: "Il jazz rischia di diventare un sistema di scale e accordi e una specie di gioco di abilità, chi suona più note nel percorso più difficile...L'esecutore diventa più importante della musica e non dovrebbe essere così... " (Nina Molica Franco)

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

06/01/2014

ParmaJazz Frontiere 2013 - IIa Parte: "Michele Rabbia ed Eivind Aarset, Franco d'Andrea Trio, Factor-Y Trio, Evelina Petrova Duo" (Nina Molica Franco)

06/01/2014

ParmaJazz Frontiere 2013 - Ia Parte: "Tim Berne' Snakeoil Quartet, Jim Black Trio, Slanting Dots, Ricardo Costa, Ruvido Insieme, Artijoke, Luca Savazzi Trio e Alessia Galeotti, Emanuele Parrini" (M. Buttafuoco, N. Molica Franco)

10/03/2013

Jon Balke piano solo: "Balke, oltre a mostrare la sua immensa bravura ha dato prova di quella grande umiltà che solo i veri artisti possiedono." (Nina Molica Franco)

27/01/2013

Parma Jazz Frontiere 2012: Intitolata "Non tacciono i canti" la XVII Edizione del festival diretto da Roberto Bonati sui "canti" di Molvaer, Sclavis, Trovesi (Nina Molica Franco)

24/12/2011

Parma Jazz Frontiere - XVI Edizione: Il profumo di Norvegia dell'Arve Henriksen Trio, l'ensemble pieno di suono e solarità di John Surman con la Big Band di Bergen, l'omaggio a Graham Collier di Roberto Bonati e l'ensemble "Ruvido Insieme", la contaminazione fra arte contemporanea e musica del duo chitarra & tela di Luca Perciballi e Mattia Scappini in "Fragile" e poi del Pollock Project, il Bobo Stenson trio a chiudere magnificamente la XVI edizione del Parma Jazz Frontiere festival. (Margot Frank, Nina Molica)

13/03/2010

14ma edizione di Parma Jazz Frontiere 2009, "A viva voce": "E' una rassegna piena di coraggio. L' artista oggi si trova davanti tante porte. Magari dietro molte di queste porte non ci sono percorsi da seguire. Ma bisogna aprirle ugualmente e rischiare, perchè senza ricerca e senza rischio c' è la cristallizzazione, che è nemica dell'arte. Un festival non deve far solo ascoltare il noto ed il già sentito. Non deve invitare solo i musicisti più che conosciuti, o invitarli solo perchè americani e-o afro-americani." (Marco Buttafuoco)

21/12/2008

Parma Jazz Frontiere: The Book is on the Table (Pietro Bandini)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.033 volte
Data pubblicazione: 11/04/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti